Ibride/elettriche

Le automobili ibride sono definite tali in quanto utilizzano un sistema di propulsore ibrido, composto cioè da un motore termico (benzina o diesel) e da un motore elettrico. Il successo di tali modelli è determinato dalla minor richiesta di carburante, dovuta all’intervento del modulo elettrico: in ambienti cittadini (e più in generale a bassa velocità) l’auto può muoversi senza consumare benzina e quindi senza emettere sostanze nocive. Il motore a zero emissioni trae energia da un pacco batterie, collocato generalmente sotto il pianale, ricaricabile da una presa a muro oppure attraverso sistemi di bordo: nel primo caso l’automobile si rivela più costosa ed assume la denominazione plug-in hybrid, mentre nel secondo sarà più economica e dall’autonomia sensibilmente inferiore.

Una piattaforma ibrida può essere del tipo in parallelo od in serie. Nel sistema in parallelo entrambi i motori forniscono coppia alle ruote, mentre nel sistema in serie l’unità termica non è collegata alle ruote e fornisce energia solo per alimentare il modulo elettrico. Le vetture di questo tipo sono definite EREV, ovvero elettriche ad autonomia estesa. Il loro funzionamento è comunque intuitivo. Il motore elettrico è l’unico a muovere fisicamente l’automobile. L’unità termica interviene qualora la carica delle batterie sia terminata: produce energia e la indirizza all’unità elettrica, che nel frattempo continua a muovere l’automobile. Tutto ciò avviene in maniera autonoma, senza il bisogno di fermarsi e senza che il conducente si accorga di alcun mutamento. EREV è ad esempio la Chevrolet Volt.

Le automobili elettriche utilizzano invece un pacco batterie ed un motore a zero emissioni. Non producono alcuna sostanza tossica ed i costi di gestione sono estremamente ridotti, ma a tali plus corrisponde un malus decisamente fastidioso: l’autonomia. È infatti difficile che in condizioni d’uso reale una vettura elettrica possa garantire un’autonomia superiore a 200 chilometri, sufficiente per la quasi totalità dei pendolari ma vincolo a frenarne la diffusione. A questo elemento si aggiungono poi i notevoli costi d’acquisto ed i tempi di ricarica. Stanno comunque prendendo piede stazioni di ricarica rapida, che tagliano in maniera significativa i tempi per un ‘rabbocco’.

Hyundai Future Mobility: primo contatto con il restyling di Ioniq

Hyundai continua il suo processo di elettrificazione della gamma con un occhio di riguardo verso la Smart Mobility.... Continua...

Hyundai presenta il video teaser di un innovativo SUV Concept

Hyundai diffonde in anteprima il video teaser di un innovativo SUV Concept ibrido plug-in a suo marchio atteso al... Continua...

KIA Niro: al volante della nuova versione 2019

KIA Niro: il restyling 2019. Look rinnovato per paraurti e fanaleria, interni da vera Premium e infotainment di... Continua...

Mitsubishi, a Tokyo il nuovo SUV compatto elettrico

Mitsubishi, a Tokyo il nuovo SUV compatto elettrico. In occasione della kermesse in programma dal 24 ottobre, sarà... Continua...

Hyundai Kona Hybrid: primo contatto col B-SUV ibrido

Hyundai lancia la sua nuova Kona Hybrid, il B-SUV che ha già conquistato più di 18.000 italiani. Tanti contenuti di... Continua...

Bentley Bentayga Hybrid: il lusso a batterie

Bentley Bentayga Hybrid è già ordinabile: le prime consegne sono previste a fine 2019. Continua...

Maserati, la prima elettrica sarà la Ghibli

Maserati, la prima elettrica sarà la Ghibli. Il marchio del Tridente annuncia i piani per lo sviluppo, la produzione e... Continua...

Mercedes GLE 350 de al Salone di Francoforte 2019

Oltre al debutto della GLB, la Casa della Stella ha presentato a Francoforte anche l'ibrida plug-in Mercedes GLE Continua...

Hyundai entra in IONITY

La joint venture IONITY è nata nel 2017, attualmente possiede quasi 140 stazioni di ricarica in Europa, con altre 50 in... Continua...

Mercedes ESF: la sicurezza del futuro al Salone di Francoforte 2019

Anche la Mercedes ESF sarà presente nel gigantesco padiglione della Casa della Stella al Salone di Francoforte . Continua...