General Motors

General Motors viene fondata nel 1908 ed è oggi il primo gruppo automobilistico per volume di vendite. Tuttavia a GM non può essere attribuito un ruolo pionieristico ed avanguardista, considerato il ritardo nei confronti delle prime aziende di settore: nasce quando decine di costruttori sono già attivi e quando negli Stati Uniti vengono prodotte 65mila vetture l’anno. L’azienda è fondata da William Crapo Durant, pilastro dell’imprenditoria statunitense, che soddisfa la sua ambizione di creare un solido gruppo automobilistico: nel corso degli anni acquista infatti Buick, Olds, Oakland e Cadillac. Prova anche a rilevare Ford, ma Henry rifiuta un’offerta di 8 milioni di dollari. Durant viene tuttavia travolto da problemi finanziari e dal 1910 al 1915 l’azienda è gestita da un gruppo di banchieri.

Sono gli anni in cui il mercato vive una fase di boom: le vendite schizzano e gli imprenditori più coraggiosi e lungimiranti raccolgono affermazioni pressoché continue. E’ l’esempio di Durant. Il manager – una volta estromesso da GM – fonda una nuova azienda automobilistica (Chevrolet) e ritorna poi in General Motors, vendendole Chevrolet e riappropriandosi così del timone. GM prosegue nella sua campagna acquisiti e si aggiudica il gigante Du Pont, la compagnia Yellow Coach (autobus) ed entra anche nel trasporto su ferro. General Motor è inoltre la prima azienda statunitense ad oltrepassare il miliardo di fatturato annuo, nonché un’azienda automobilistica priva di vetture dal marchio GM.

Il gruppo statunitense conquista il 18% del mercato nel 1924 ed il 47% nel 1928, mentre nel 1930 oltrepassa il milione di vetture l’anno. La conseguenze della Seconda Guerra Mondiale non ne rallentano il cammino, anche perché dalle fabbriche Vauxhall escono i carri armati destinati alle forze d’opposizione. Nel 1953 il fatturato della GM rappresenta il 3% del Prodotto Interno Lordo statunitense. L’azienda vive una situazione di assoluta tranquillità fino al 2005/2006, quando iniziano ad avvertisti i primi segnali della crisi: GM barcolla ed è costretta a sbarazzarsi delle partecipazioni in Subaru, Suzuki e Isuzu, chiude Oldsmobile e Pontiac ed avvia una massiccia campagna di ristrutturazione. Qualche anno di sofferenza ha reso l’intera azienda più sana e sostenibile, tanto da riappropriarsi del trono di primo gruppo mondiale.

GM e Lyft: test su taxi elettrici e guida autonoma

Il colosso di Detroit sfida la Silicon Valley grazie a Lyft? Continua...

Buick Encore al Salone di New York 2016 Live

Buick Encore - Il Suv medio debutta a New York, ecco tutte le informazioni e le prime immagini dal vivo. Continua...

GM, un servizio di noleggio per espandere Lyft

General Motors e Lyft lanciano il primo programma comune, dopo l'accordo per le auto a guida autonoma: è un servizio di... Continua...

GMC Sierra All Terrain X: versione speciale del Pick Up americano

GMC Sierra All Terrain X: tutte le info. su questa versione speciale Continua...

GMC al Salone di Detroit 2016 LIVE

La novità portata da GMC al Salone di Detroit 2016 è la seconda generazione dell'Acadia: le informazioni e le foto... Continua...

Buick Avista Concept al Salone di Detroit 2016 LIVE

La novità Buick per il Salone di Detroit 2016 è la Avista Concept: un prototipo di una coupé sportiva. Tutte le foto... Continua...

Accordo tra GM e Lyft: dalla casa un'iniezione di 500 milioni

L'accordo è ufficiale e servirà per una mobilità futura basata su di un network e sulla guida autonoma Continua...

Caso Android Auto: GM e Ford rispondono "accesso ai dati limitato"

GM e Ford rispondono con una nota ufficiale alla scelta di Porsche di utilizzare solo il sistema iOS Continua...

Da Francoforte agli Stati Uniti. Volkswagen crolla in borsa

Da Francoforte agli Stati Uniti. Volkswagen crolla in borsa Continua...

GM patteggia: pagherà "solo" 900 milioni di dollari

Il blocchetto dell'accensione ha ucciso 124 persone: GM patteggia e pagherà 900 mln di dollari Continua...