General Motors

General Motors viene fondata nel 1908 ed è oggi il primo gruppo automobilistico per volume di vendite. Tuttavia a GM non può essere attribuito un ruolo pionieristico ed avanguardista, considerato il ritardo nei confronti delle prime aziende di settore: nasce quando decine di costruttori sono già attivi e quando negli Stati Uniti vengono prodotte 65mila vetture l’anno. L’azienda è fondata da William Crapo Durant, pilastro dell’imprenditoria statunitense, che soddisfa la sua ambizione di creare un solido gruppo automobilistico: nel corso degli anni acquista infatti Buick, Olds, Oakland e Cadillac. Prova anche a rilevare Ford, ma Henry rifiuta un’offerta di 8 milioni di dollari. Durant viene tuttavia travolto da problemi finanziari e dal 1910 al 1915 l’azienda è gestita da un gruppo di banchieri.

Sono gli anni in cui il mercato vive una fase di boom: le vendite schizzano e gli imprenditori più coraggiosi e lungimiranti raccolgono affermazioni pressoché continue. E’ l’esempio di Durant. Il manager – una volta estromesso da GM – fonda una nuova azienda automobilistica (Chevrolet) e ritorna poi in General Motors, vendendole Chevrolet e riappropriandosi così del timone. GM prosegue nella sua campagna acquisiti e si aggiudica il gigante Du Pont, la compagnia Yellow Coach (autobus) ed entra anche nel trasporto su ferro. General Motor è inoltre la prima azienda statunitense ad oltrepassare il miliardo di fatturato annuo, nonché un’azienda automobilistica priva di vetture dal marchio GM.

Il gruppo statunitense conquista il 18% del mercato nel 1924 ed il 47% nel 1928, mentre nel 1930 oltrepassa il milione di vetture l’anno. La conseguenze della Seconda Guerra Mondiale non ne rallentano il cammino, anche perché dalle fabbriche Vauxhall escono i carri armati destinati alle forze d’opposizione. Nel 1953 il fatturato della GM rappresenta il 3% del Prodotto Interno Lordo statunitense. L’azienda vive una situazione di assoluta tranquillità fino al 2005/2006, quando iniziano ad avvertisti i primi segnali della crisi: GM barcolla ed è costretta a sbarazzarsi delle partecipazioni in Subaru, Suzuki e Isuzu, chiude Oldsmobile e Pontiac ed avvia una massiccia campagna di ristrutturazione. Qualche anno di sofferenza ha reso l’intera azienda più sana e sostenibile, tanto da riappropriarsi del trono di primo gruppo mondiale.

Auto elettriche: GM le affida al padre della Camaro

Al Oppenheiser, ingegnere capo del team di sviluppo della Chevrolet Camaro, guiderà lo sviluppo delle auto elettriche... Continua...

Mary Barra (GM) sotto il fuoco dei senatori USA. No alle chiusure delle fabbriche.

Mary Barra, CEO di General Motors, è finita sotto il fuoco dei senatori USA per la decisione di chiudere 5 fabbriche e... Continua...

General Motors taglia 14.700 lavoratori in Nord America. Crisi in arrivo?

General Motors taglia 14.700 lavoratori in Nord America. Secondo Mary Barra è serve a rendere GM più competitiva. O... Continua...

Guida autonoma: alleanza tra Honda e General Motors

Da Detroit arriva l'annuncio: Honda finanzia la controllata di GM per 2,75 miliardi di dollari in 12 anni, il valore di... Continua...

Dazi auto: General Motors contro Trump

General Motors ha preso una netta posizione contro i dazi doganali proposti dall'amministrazione Trump. Continua...

Amazon consegna i pacchi nel bagagliaio della tua auto

Sia Volvo che il Gruppo GM annunciano la compatibilità delle loro vetture con Amazon Key in car delivery. Continua...

Marchionne: "L'auto elettrica? Non è la soluzione per il futuro"

L'ad FCA ha tenuto una lection magistralis all'università di Trento. Sull'elettrico: "un'arma a doppio taglio" ma... Continua...

"Pick-up più inquinanti delle Volkswagen": scandalo dieselgate per GM

L'ennesima casa automobilistica sotto accusa per le emissioni inquinanti dei motori Diesel. Questa volta è toccato a... Continua...

Ufficiale: PSA compra Opel per 1,3 miliardi di euro

Il gruppo francese acquista Opel da General Motors: ora è il secondo costruttore auto in Europa Continua...

GM: app in arrivo per taxi a guida autonoma

Cruise Automation prosegue nei test per lanciare un servizio taxi a guida autonoma, fruibile tramite un'app. Continua...