Ferrari: ecco come funziona la trazione integrale 4RM della FF

Paradossalmente, l’introduzione di un sistema di trazione integrale su una GT di Maranello è passata completamente in secondo piano, eclissata dalle parole spese intorno alle linee da shooting-brake della FF. Ma per gli amanti della tecnica la rivoluzione è più sotto il vestito che in esso. La trazione 4x4 Ferrari promette di fare scuola fra gli altri costruttori per quanto riguarda pesi e velocità di ripartizione della coppia. Vediamo come funziona.

Il sistema 4RM non disturba l’equilibrata distribuzione delle masse della FF: con una configurazione motore/cambio di tipo transaxle, il 53% del carico grava sull’assale posteriore. Il cuore di questo meccanismo 4x4 è il “Power Transfer Unit” (PTU), un differenziale con funzione elettronica di ripartitore di coppia motrice (torque vectoring), installato in corrispondenza dell’asse anteriore.

Il PTU è collegato direttamente con l’albero motore mediante un sistema di ruote dentate; un raffinato dispositivo di controllo idraulico permette un tempo di attivazione (inteso come velocità di trasferimento della coppia fra le ruote anteriori) inferiore del 30% rispetto ai sistemi concorrenti, che garantisce interventi ripartenti pressoché istantanei. La ripartizione della coppia sull’assale anteriore è garantita da due distinti pacchi di frizioni montati in seno al PTU.

Il 4RM è completamente integrato con i sistemi di controllo elettronici del veicoli, con la trasmissione F1-Trac e col differenziale posteriore E-Diff (che invece pensa alla corretta distribuzione della coppia fra le ruote posteriori). La compattezza del sistema, assicura al 4x4 Ferrari un peso inferiore del 50% rispetto a quelli della concorrenza oltre che meno dissipazione di potenza lungo tutta la catena cinematica per via del collegamento quasi diretto fra motore e PTU.

Ferrari FF
Ferrari FF
Ferrari FF: prime foto dinamiche
Ferrari FF: tinta Grigio Ferro Metallizzato e foto spia ufficiali

  • shares
  • +1
  • Mail
117 commenti Aggiorna
Ordina: