Lexus LC 500h: la prova dell’ibrido

Abbiamo avuto modo di provare la nuova Lexus LC 500h, l’ibrida sportiva che sta per arrivare sul mercato italiano.

Lexus LC 500h – La rivoluzionaria coupè sportiva di casa Lexus appare elegante e sinuosa come una pantera, pronta a scattare per agguantare la preda che nel suo caso è la strada. La Lexus LC 500h, nuova ambasciatrice del brand giapponese, è nata per affrontare sfide che farebbero impallidire anche le rivali più accreditate, come avvicinare il concetto di sportività a quello di ibrido, accontentando allo stesso tempo la volontà del numero uno del Gruppo Akio Toyoda: “nessuno dovrà mai più pronunciare le parole ‘noioso’ e ‘Lexus’ nella stessa frase”. 

Lo sviluppo iniziò nel 2012, quando ai vertici di casa Lexus giunse l’eco degli entusiastici commenti sulla LF-LC Concept esposta al Salone di Tokyo. 

La nuova GT Coupè a 4 posti riprende infatti fedelmente le forme del Concept mostrate al pubblico di Tokyo, contraddistinta da linee che la fanno somigliare ad una muscle-car arrotondata nelle forme soprattutto nella zona anteriore, dove spicca il design innovativo dei gruppi ottici a triplo led, mentre la zona posteriore presenta più spigoli e geometrie trapeziodali.

Le misure parlano di un’auto lunga 477 cm, larga 192, alta 135 con passo di 287 cm e peso che supera di poco i 1800 Kg, declinata in due versioni: ibrida, identificabile con la presenza della “H” nella sigla e benzina. Sulla ibrida trova posto un motore V6 3.5 da 299 cv e 348 Nm abbinato all’unità elettrica da quasi 45 kW per una potenza complessiva di 359 cavalli. La versione a benzina è invece spinta da un motore V8 a benzina da 5.0 litri da 477 CV e 540 Nm di coppia. L’abbiamo provata da Monaco di Baviera a Milano, con tappa intermedia a Flims, viaggiando a bordo dell’ibrida LC 500h in allestimento Sport+, proposta al prezzo di 115.500 euro.

Com’è fatta

Il grande lavoro fatto sul design mette in rilievo lo stile aerodinamico e futuristico. Il profilo sportivo è caratterizzato da una linea del tetto snella, che si assottiglia nella parte centrale dell’abitacolo e da un cofano lungo, dal profilo particolarmente basso.

Sul frontale ritroviamo uno dei marchi di fabbrica Lexus come la griglia a clessidra, in mezzo a gruppi ottici particolarmente sottili a triplo led con luci diurne a freccia, mentre sul retro un’altra clessidra è formata geometricamente da linee che corrono lungo le fiancate fino a raggiungere i gruppi ottici posteriori a sviluppo verticale. Con il pacchetto Sport+ è disponibile anche lo spoiler posteriore retrattile, che viene fuori ad 80 Km/h.

Negli interni si nota subito l’alta qualità dei materiali utilizzati e la cura dei dettagli tipica dei marchi premium. L’abitacolo, interamente foderato in pelle e alcantara, trasuda eleganza e sportività.

La missione è infatti quella di coniugare comfort, piacere di guida e prestazioni,a cominciare dal posto guida disegnato in maniera ergonomica, con la visuale che non viene penalizzata dalla posizione bassa della seduta grazie anche alla linea ribassata del cofano. Al contrario, i due posti posteriori sono quasi una sistemazione di fortuna.

Al centro della plancia sviluppata su linee orizzontali compare il display da 10,3 pollici, gestibile tramite il touchpad posto sul tunnel centrale. Parte dei comandi sono azionabili anche tramite il volante multifunzione, non la scelta della modalità di guida, il cui manettino trova sede accanto al cruscotto.

La nuova Gran Turismo 2+2 è innovativa sia nell’estetica che nella meccanica, dove debutta il Multi Stage Hybrid System, un cambio automatico CVT con convertitore di coppia a 4 velocità, montato a valle della classica trasmissione ibrida rivista per l’occasione.

Il lavoro in serie dei due cambi regala all’auto una scelta tra ben 10 rapporti diventando la prima auto con questa soluzione del segmento. Il Multi Stage Hybrid System rappresenta un deciso cambio di passo nelle prestazioni, nella fluidità ed efficienza rispetto ai sistemi tradizionali, fino ad ora croce e delizia dei propulsori ibridi della casa nipponica. L’inedito schema con la presenza di questo nuovo riduttore addizionale a quattro velocità, posizionato all’uscita del CVT, costituisce la grande differenza rispetto al sistema di trasmissione generalmente impiegato.

Come va


I benefici del sistema Multi Stage si avvertono subito visto che a trarne vantaggio sono la fluidità di marcia e il piacere di guida, accentuato dalla disponibilità, per la prima volta, della modalità “M” che consente la selezione manuale dei rapporti, particolarmente utile e indicata nella guida sportiva. Ma se la versione a benzina LC 500 si può considerare a tutti gli effetti un animale da pista, l’ibrida LC 500h pone l’accento anche sul comfort di marcia, cosa che abbiamo potuto apprezzare nei quasi 500 Km che separano Monaco di Baviera a Milano.

La LC 500h si fa apprezzare infatti per una grande elasticità che rene l’auto piacevole anche nell’uso quotidiano in città, per via dei consumi ridotti, dell’agilità data dal posteriore sterzante  e dell’abitacolo decisamente ben insonorizzato. Nei tratti extraurbani si dimostra una vera Gran Turismo, confortevole e con spazio discreto sia nell’abitacolo che nel bagagliaio.

Nella modalità Eco e Normal prevale il motore elettrico e si ottiene una risposta più dolce, ma la personalità della vettura vira di colpo con le modalità Sport e soprattutto Sport+. Lo sterzo a cremagliera elettronica acquista una consistenza e una precisione da gara, permettendo di sfruttare appieno la progressività dei trasferimenti di carico delle sospensioni multilink. La sensazione di agilità è veramente tanta, molto superiore a quanto la lunghezza dell’auto farebbe pensare. Merito del nuovo telaio del baricentro basso e dell’ottima distribuzione dei pesi, la vettura su strada è maneggevole e rapida nell’inserirsi in curva, anche nelle svolte lente effettuate in prima o seconda marcia. Feeling con lo sterzo che cala leggermente in condizioni di asfalto umido o basso grip.

Lexus LC 500h: Scheda Tecnica

Dimensioni:

Lunghezza: 477 cm

Larghezza: 192 cm

Altezza: 187 cm

Passo: 287 cm

Motore:

sistema ibrido 500h 3.5 litri benzina da da 299 e unità elettrica da 45 kW

Potenza complessiva: 359 cv

Accelerazione 0-100: 4,7 secondi

Velocità max: 250 Km/h

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →