Volkswagen Golf GTE

Volkswagen partecipa al salone di Ginevra con una ulteriore evoluzione della Golf. Si chiama GTE e monta il 1.4 TSI, abbinato però ad un modulo elettrico da 102 CV. Restituisce quindi una potenza complessiva di 204 CV.

Volkswagen Golf GTE

L’alfabeto della famiglia GT si arricchisce della lettera E. Volkswagen regala in tal modo una sorellina alle GTI e GTD ed introduce una variante figlia del terzo millennio, capace cioè di abbinare prestazioni da sportiva a consumi da utilitaria. Si chiama Golf GTE e verrà lanciata durante il salone di Ginevra (4-16 marzo). La berlina adotta un sistema ibrido di tipo plug-in, composto dal 1.4 TSI benzina (150 CV) e da un modulo elettrico (102 CV). Viene pertanto dichiarata una potenza massima di 204 CV ed una coppia di 350 Nm, mentre lo scatto 0-100 km/h si risolve in 7.6 secondi e la velocità massima è di poco inferiore a 220 km/h. La Volkswagen Golf GTE viaggia per 31 chilometri in modalità elettrica, e senza l’aiuto del motore termico raggiunge una velocità massima di 130 km/h.

L’autonomia complessiva è dichiarata in 940 chilometri, per consumi ed emissioni a dir poco sbalorditivi: sono infatti necessari appena 1.8 litri ogni 100 chilometri, traducibili in 35 grammi di CO2 al chilometro. Il motore elettrico viene alimentato da batterie agli ioni di litio, con capacità di 8.8 kWh e pesanti 120 chili, ricaricabili mediante una presa nascosta dal logo anteriore: sono sufficienti tre ore e mezzo allacciandosi ad un impianto domestico oppure due ore e mezzo scegliendo un impianto dalla potenza maggiore. La trasmissione è doppia frizione a sei rapporti. Il conducente potrà inoltre scegliere fra le modalità di guida e-mode (solo elettrico) e GTE mode, dove quest’ultima mette a disposizione l’intera cavalleria.

La GTE pesa 1.5 tonnellate, riprende alcuni elementi stilistici della Volkswagen e-Golf e veste cerchi in lega da 16, 17 o 18 pollici, mentre i rivestimenti in tessuto con fantasia a scacchi tradiscono la parentela con le Golf GTI e GTD. Di serie l’impianto d’intrattenimento Composition Media, con schermo da 6.5 pollici, munito di alcune funzioni utili per valutare l’autonomia: il Driving range monitor informa ad esempio sulla carica residua delle batterie, l’Energy flow display rivela quanta energia viene sprecata o recuperata nelle fasi di accelerazioni e frenata e l’e-manager sfrutta il motore elettrico per scaldare o raffreddare l’abitacolo (in remoto).

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: