Nuova BMW X5 – La nostra prova su strada

Più sportiva, tecnologica e confortevole: al volante della terza generazione di BMW X5!


E venne la terza generazione: BMW lancia sul mercato la nuova X5, ampiamente rinnovata sotto il profilo meccanico e stilistico, sui cui abbiamo avuto il piacere di condurre un primo test-drive. Nell’era dell’interconnessione, della connettività, l’evoluzione del settore automotive si sta incentrando sempre di più nella personalizzazione dell’ambiente. Il veicolo non è più un semplice mezzo che permette spostamenti da un luogo all’altro, ma un oggetto che si adatta alle capacità, ai bisogni ed alle necessità del proprietario. Altresi l’auto deve essere uno strumento di piacere, di comfort, in cui la propria personalità ed il proprio stile possano essere esplicitati. Deve offrire momenti di tranquillità e utilità, ma anche permettere di “sfuggire” al caos quotidiano e rifugiarsi a chilometri di distanza. Questa è la missione di BMW e della nuova X5.

La capostipite dei SAV, degli Sport Activity Veichle, continua ad essere prodotta nello stabilimento americano di Spartanburg, nel South Carolina. Parliamo di un prodotto che è riuscito ad imporre al mondo dell’automobilismo un nuovo modo di intendere l’auto; una filosofia che è valsa un milione e trecentomila pezzi venduti dal 1999 ad oggi, in 140 paesi nel mondo. In Italia, tra la prima e la seconda generazione, ne sono arrivate 55 mila unità. La casa di Monaco di Baviera continua, con questa sua terza generazione, a perseguire i suoi dettami stilistici e tecnologici, evolvendo coerentemente quanto proposto finora, ed integrando ancor di più quel concetto di “lusso sportivo” che contraddistingue la vettura.

La nuova X5 non pecca di ostentazione: la sua qualità costruttiva passa attraverso una fine selezione dei materiali e della loro lavorazione; attraverso un design complessivamente rivisitato ed aggiornato ma senza alcuna rivoluzione. Punto di forza continua a rimanere la possibilità di personalizzazione attraverso gli allestimenti ma anche con il sistema Connected Drive che permette di poter “vivere” la propria macchina: chi lo desidera può infatti rimanere sempre connesso alla rete, trasferendo il proprio luogo di lavoro dalla semplice scrivania alla propria autovettura. E per chi non è interessato alle doti fuoristradistiche, adesso c’è anche la versione “sDrive25d”, a sola trazione posteriore, in grado di garantire 218 cavalli di potenza massima, con emissioni di CO2 pari a 149 g/km.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

Design all’insegna della continuità

BMW X5 2013 test

E’ facile intuire quali siano gli elementi di spicco di questa X5 fin dal primo sguardo. Gli ingegneri BMW continuano nella loro strada dettata da linee in grado di offrire robustezza, versatilità e potenza. Anche in questa terza generazione le proporzioni sono state definite da uno sbalzo anteriore corto, da un passo lungo e da una distanza abbreviata tra asse anteriore e plancia portastrumenti. Esistono ulteriori elementi-chiave che coniugano uno stile oramai riconoscibile da tempo, come il doppio rene all’anteriore, ora più grande e predominante, il triangolo composto da doppi proiettori circolari e luci fendinebbia o il disegno del paraurti che plasma una “X”.

In questa terza serie gli anelli luminosi sono piatti nella sezione inferiore ed impreziositi da una luce a led posta sul bordo superiore. Lo stesso paraurti anteriore presenta prese d’aria ricavate ai due estremi. Una soluzione, oltre che funzionale, in grado di mostrare ancor di più il carattere di questo SAV, accentuato anche dalla protezione antintrusione. Per la prima volta, infatti, nella Serie X troviamo delle “Air Curtain”, per ridurre la resistenza aerodinamica. Scorgendola di profilo, si nota il disegno delle fiancate con linee acute che arrivano fino al posteriore, generando una sorta di cuneo. Ricerche stilistiche di effetto che vogliono marcare ancora di più il lato atletico di questa X5. Linee che mostrano un complesso che parte proprio dalla calandra doppio rene anteriore e, con una nervatura laterale, si estende dai gruppi ottici anteriori fino alla fanaleria.

Al posteriore è evidente “l’orizzontalizzazione delle linee”, in loco di una sezione tipicamente alta, verticale, netta. Un concetto, sviluppato con le strisce luminose a led delle luci posteriori, con disegno a L bipartito. Da sottolineare inoltre che la nuova BMW X5 è il primo modello del marchio equipaggiato con Aerobladess. Gli elementi neri di convogliamento dell’aria nascono nello spoiler del tetto e contribuiscono ad ottimizzarne l’aerodinamica. Per la verniciatura della carrozzeria della nuova BMW X5 sono disponibili 11 varianti cromatiche, tra le quali il nuovo colore metallizzato Sparkling Brown ad effetto brillante.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

All’interno cresce la qualità costruttiva

BMW X5 2013 test

Salendo a bordo della nuova BMW X5, non si può far a meno di notare lo spazio a disposizione, l’ergonomia ed un ambiente “tecnologicamente elegante”. Anche qui la casa di Monaco di Baviera ha sviluppato e concettualizzato delle linee ed un’architettura tesa alla valorizzazione delle superfici orizzontali, secondo un principio definito “Layering”. Grande risalto viene dato allo studio delle luci ambientali, che cercano di plasmare un vero e proprio “habitat”. Un’atmosfera creata dai led che compongono una striscia luminosa che avvolge l’abitacolo.

Inoltre, grazie al sistema infotelematico iDrive, è possibile variare i colori d’illuminazione in nove differenti combinazioni tra blu, bianco ed arancione. Grande attenzione è stata data anche ai materiali. In questa terza serie, le modanature interne di serie in Oxidsilber scuro opaco (BMW X5 xDrive30d), legno nobile frassino (BMW X5 xDrive50i) ed alluminio esagonale (BMW X5 M50d) sono state completate da una superficie decorativa sottostante in nero lucido, con il bordo inferiore che viene impreziosito da un listello d’accento in Perlglanz Chrom.

La scelta poi della natura e dell’alloggiamento del Display è un ulteriore esempio di cura degli interni. Questo è montato ad isola, con uno schermo da 10,25 pollici “affogato” alla base. Le indicazioni relative alla climatizzazione e alla ventilazione e, a richiesta, anche la strumentazione combinata, utilizzano la tecnologia “Black Panel”. Inoltre, sempre a richiesta, le superfici di seduta sono disponibili nella pelle Dakota oppure, nell’ambito degli optional per gli interni Design Pure Experience e Design Pure Excellence, anche in pelle Nappa, che include un allestimento ampliato. I rivestimenti sono disponibili in sette varianti cromatiche.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

BMW X5: ampio spazio alla personalizzazione

BMW X5 2013 test

Abbiamo accennato al concetto di personalizzazione. Partiamo da due nomi: “Design Pure Experience” e “Design Pure Excellence”. In alternativa all’equipaggiamento di serie, per interni ed esterni, arrivano due nuovi motivi stilistici per offrire un livello superiore di personalizzazione. Uno studio ed una serie di possibilità ben mirate, con singoli elementi che sono stati abbinati sia a livello di colori che di selezione dei materiali. Delle vere e proprie offerte, selezionabili separatamente e combinabili a seconda del proprio gusto, anche con l’allestimento di serie. Inoltre i due allestimenti interni sono abbinabili anche al pacchetto M Sport. Di cosa parliamo nello specifico? Andiamo con ordine.

Design Pure Experience: presenza e robustezza. Grazie ad elementi decorativi di protezione antintrusione in acciaio inossidabile spazzolato, a inserti in argento opaco nelle prese d’aria ridisegnate e a un listello decorativo posteriore nel colore argento opaco che si ispira alle asticelle del doppio rene, il Design Pure Experience tende a sottolineare il carattere da SAV della X5. Il pacchetto di design include inoltre le basi degli specchietti retrovisori esterni e le coperture dei montanti B e C in nero lucido, così come la BMW Individual Exterior Line in alluminio satinato per la grafica dei cristalli laterali. I terminali di scarico sono in cromo opaco. Il pacchetto comprende un allestimento in pelle Nappa ampliato nella variante cromatica Mokka/nero con cuciture decorative e modanature interne nel legno strutturato Fineline Pur. Le superfici della plancia portastrumenti e dei pannelli interni delle porte rivestite in pelle Nappa sono nere con cuciture decorative nel colore di contrasto Nussbraun. La sezione inferiore della plancia portastrumenti è rivestita nel colore Mokka.

Design Pure Excellence: questo allestimento prevede per l’esterno degli elementi decorativi antintrusione e inserti nei passaruota verniciati nella tinta della carrozzeria, inoltre asticelle nere dei doppi reni con superficie frontale in cromo lucidato, inserti a T nelle prese d’aria esterne e lamelle nell’apertura inferiore, nonché un listello decorativo in cromo nella grembiulatura posteriore e la Chrome Line Exterior per la grafica dei cristalli laterali. Oltre alle base degli specchietti retrovisori esterni anche le coperture del montante B e C sono in nero lucido. Nell’abitacolo vi è un allestimento ampliato in esclusiva pelle Nappa in Elfenbeinweiß con cuciture decorative in un colore di contrasto, modanature interne nel legno pregiato rovere americano e la superficie della plancia portastrumenti e dei pannelli interni delle porte in pelle in Nappa Atlasgrau con cuciture a vista nella variante Pergament. La zona inferiore della plancia portastrumenti è mantenuta nel colore Elfenbeinweiß, così da creare un abbinamento perfetto.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

I motori: arriva anche un quattro cilindri diesel

BMW X5 2013 test

A spingere la nuova X5 troviamo il top delle motorizzazioni BMW benzina e gasolio; inizialmente la gamma si comporrà delle versioni 30d da 258 cv e M50d da 381 a gasolio e della 50i da 450 cv a benzina. Sulla nuova xDrive30d, il 3.0 turbodiesel è stato rivisto e aggiornato e dispone ora di una coppia massima di 560 Newtonmetri disponibili dai 1.500 ai 3.000 g/min, che la lancia da 0 a 100 km/h in 6,9 sec (-0.7 sec). Rispetto al modello precedente c’è un incremento di coppia di 20 Nm, che vale un accelerazione sullo 0-100 km/h ancora più sportiva ma che si abbina ad una diminuzione dei consumi, con un valore dichiarato ridotto del 16% e pari a 6,2 litri (-1,2 litri) per 100 chilometri.

Il massimo della sportività a gasolio è affidata alla versione M50d che adotta il sei cilindri in linea 3 litri M Performance, il TwinPower Turbo dotato di tre turbocompressori capaci di sviluppare una potenza massima di 381 CV e una coppia brutale di 740 Nm dai 2 ai 3.000 g/m. Il sistema d’iniezione Common-Rail sfrutta iniettori piezoelettrici che lavorano a una pressione massima di 2.200 bar. Valori di potenza e coppia tali che lanciano la BMW X5 M50d da zero a cento in 5,3 secondi! Ma la M50d è anche capace di consumi ed emissioni eccellenti di 6,7 litri (-0,8 litri rispetto alla precedente) 177 g di CO2.

Entro il dicembre 2013 la gamma verrà completata con ulteriori modelli, come la versione benzina xDrive35i (225 kW/306 CV), la xDrive40d (230 kW/313 CV) e le due “25d” con motore 2.0 quattro cilindri da 160 kW/218 CV: i consumi medi dichiarati sono di 5,6–5,7 litri per 100 km per la sDrive a trazione posteriore e di 5,8–5.9 litri per 100 km per la xDrive a trazione integrale, con emissioni di 154–156 g/km di CO2.

Tutte le varianti della nuova BMW X5 soddisfano le disposizioni Euro 6, che sarà obbligatoria a partire da settembre 2014. Tutti i motori disponibili per la nuova BMW X5 sono dotati di serie di un cambio automatico a otto rapporti che consente anche di “veleggiare” in rilascio: non appena si rilascia il pedale dell’acceleratore senza frenare, a una velocità tra i 50 e i 160 km/h, il propulsore viene separato dalla trasmissione, così che la nuova BMW X5 può procedere senza nessuna coppia di trascinamento del motore, permettendo un consumo di carburante minimo. Di serie su ogni nuova X5 l’EfficientDynamics con il cambio automatico e la modalità ECO PRO con nuove funzioni.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

Trazione intelligente xDrive perfezionata

BMW X5 2013 test

A garantire la massima trazione in ogni condizione è il sistema di trazione integrale permanente xDrive che, grazie ad un ripartitore di coppia, garantisce in qualsiasi momento una distribuzione adeguata della forza motrice tra l’asse anteriore e l’asse posteriore. Tra i numerosi parametri di cui tiene conto, xDrive controlla la velocità, il numero di giri delle ruote, il giro di sterzo e la posizione del pedale dell’acceleratore, così da interpretare con precisione non solo la situazione di guida, ma anche i desideri del guidatore e convogliare la potenza laddove può venire trasformata in spinta con maggiore efficienza. xDrive non ottimizza così solo la trazione e la stabilità di guida, ma anche il piacere e la dinamica di guida in curva.

Ogni tendenza di sovrasterzo o di sottosterzo della vettura viene soppressa ancora prima che il guidatore noti la necessità d’intervenire. Una ripartizione ancora più variabile della forza motrice viene messa a disposizione dal Dynamic Performance Control. Questo sistema a controllo elettronico, integrato nel differenziale posteriore, regala insieme a xDrive una combinazione estremamente efficace di dinamica di guida e fedeltà di traiettoria. Il Dynamic Performance Control, che fa parte dell’optional Pacchetto sospensioni adattive Dynamic e Pacchetto sospensioni adattive Professional, regola continuamente la trasmissione della coppia motrice tra le ruote posteriori (torque vectoring).

Il sistema ottimizza nuovamente la precisione e la stabilità di guida in tutti i campi di velocità in modo chiaramente percepibile dal guidatore. Il Dynamic Performance Control sviluppa il proprio effetto stabilizzante anche durante la guida in curva, quando il guidatore rilascia il pedale dell’acceleratore. La nuova indicazione di stato di xDrive con una grafica tridimensionale sul Control Display informa di serie il guidatore sull’attuale inclinazione longitudinale e trasversale della vettura. Inoltre, in combinazione con l’optional sistema di navigazione, viene visualizzata una rappresentazione a bussola che appare anche nella strumentazione combinata.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

Comportamento stradale da vera BMW

BMW X5 2013 test

Al volante ciò che sorprende dopo aver percorso poche curve è la grande compostezza dell’assetto che, anche forzando più del dovuto l’andatura, mantiene l’auto inchiodata alla strada: un comportamento che infonde subito grande sicurezza ed invita anche ad osare più di quanto la stazza della vettura suggerirebbe. Il quadro prestazionale assoluto non cambia in modo determinante, anche perché la nuova X5, con i nuovi equipaggiamenti, si è appesantita anche di qualche kg. Però risulta ancora migliorata la guidabilità, che è straordinaria per una vettura di queste dimensioni e questo peso.

L’avantreno è stato affinato e la possibilità di avere le sospensioni posteriori pneumatiche, gli ammortizzatori elettronici ed il sistema di compensazione automatica del rollio rende la X5, se non esattamente sportiva, davvero molto gratificante anche sui percorsi ricchi di curve, dove è precisissima, confidenziale e divertente. E la comodità non viene minimamente intaccata neppure se si scelgono i settaggi più aggressivi dell’elettronica, che sensibilizzano lo sterzo e riducono le oscillazioni della carrozzeria.

A mettere freno ai consumi ci sono poi le modalità di guida “Eco pro” e “Comfort”, che consentono percorrenze maggiori ed un relax di marcia superiore pur mantenendo alto il piacere di guida. Per chi invece vuole sentirsi a bordo di una BMW più sportiva ci sono le modalità di guida “Sport” e “Sport+” (quest’ultima disinserisce il controllo di trazione e allenta le briglie del sistema ESP), attraverso cui la vettura tira fuori il meglio dal terzetto telaio, motore, cambio.

Il motore 3 litri turbodiesel ogetto della nostra prova, nonostante questo non sia più una novità, stupisce per la silenziosità, l’assenza di vibrazioni, la progressività dell’erogazione e, trattandosi di un diesel, per la capacità di prendere giri, visto che arriva in zona “5 mila” senza sforzi. In questo è assecondato dall’eccellente cambio automatico ZF a 8 rapporti, del quale ormai è quasi inutile ribadire le doti: funziona benissimo e francamente è difficile trovargli difetti “reali”.

La disponibilità di dispositivi di ausilio alla guida è aumentata e comprende tutto il meglio, inclusi i sistemi di visione notturna e parcheggio automatico; il “surround view”, che elabora nel display una vista dall’alto dell’auto per semplificare le manovre negli spazi stretti e l’assistente di guida autostradale in colonna che, fino a 40 km/h, gestisce automaticamente il mantenimento della corsia e la distanza del veicolo che precede.

Tutto molto bello… ma come va questa X5 in off-road? Su un fondo di terra semi-battuta la vettura risponde in maniera egregia, garantendo sempre un’ottima motilità. Ma più il fuoristrada diventa “Fuoristrada” e più la X5 rivela la sua vocazione che, non certo a sorpresa, rimane prevalentemente stradale, nonostante un’elettronica molto sofisticata per la gestione della marcia su fondi a basso coefficiente di attrito. Del resto nemmeno i cerchi “over-sized” e le gomme vengono in aiuto in questo frangente.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test

L’auto ti assiste

BMW X5 2013 test

Il nuovo pacchetto di sicurezza Driving Assistant comprende il Lane Departure Warning che fa notare al guidatore una variazione indesiderata dalla rotta, nonché un Avvertimento di presenza di persone e di rischio di tamponamento con funzione frenante. Il sistema registra le vetture che precedono e, nel campo di velocità tra i 10 e i 60 km/h, anche le persone che si trovano su una possibile rotta di collisione. Quando il sistema riconosce una situazione pericolosa, il guidatore viene avvertito da segnali ottici ed acustici. Per abbreviare lo spazio di arresto, il sistema predispone contemporaneamente l’impianto frenante. A velocità fino ai 60 km/h viene avviata una frenata di emergenza con un grado di decelerazione medio, così da potere ridurre la velocità e attirare l’attenzione del guidatore sulla situazione critica.

Un’assistenza ancora più completa la mette a disposizione il Driving Assistant Plus. Il sistema combina l’Active Cruise Control con funzione Stop & Go con il Driving Assistant, aumentando così il comfort e la sicurezza, soprattutto nel traffico lento e durante la guida in colonna. A velocità fino a 210 km/h il guidatore può delegare al sistema la regolazione della distanza rispetto alla vettura che precede. La combinazione di telecamera frontale e di sensori radar full-range registra sia le vetture precedenti che quelle ferme. Qualora il conducente non dovesse reagire all’avvertimento di un rischio imminente di tamponamento, il Driving Assistant Plus decelera automaticamente la vettura e frena.

Inoltre, nella nuova BMW X5 viene offerto l’optional Active Protection con delle funzionalità ampliate. Nelle situazioni critiche, questo pacchetto di sicurezza svolge numerose attività che contribuiscono a ridurre le conseguenze di un possibile incidente: vengono chiusi i cristalli laterali e se disponibile, anche il tetto scorrevole, vengono strette le cinture dei sedili anteriori e lo schienale del sedile del passeggero viene spostato in una posizione verticale. Active Protection include ora anche un assistente di attenzione che analizza il comportamento di guida e propone eventualmente una sosta. Un aiuto veloce ed adeguato in caso di collisione lo offre la chiamata di soccorso avanzata. La generazione attuale del sistema trasmette in caso di crash delle informazioni importanti, come la posizione della vettura alla precisione di un metro, il numero di telaio, il tipo di vettura, il colore della vettura e i dati raccolti dai sensori e le trasmette al BMW Call Center.

Inoltre, il sistema registra quante persone sono a bordo, quali airbag si sono gonfiati e misura l’intensità dell’urto. Le tecnologia di BMW ConnectedDrive offre maggiore sicurezza anche durante la guida notturna. Oltre all’Adaptive Light Control, i proiettori adattivi LED e all’High Beam Assistant non abbagliante con copertura automatica e dinamica dei proiettori, ecco il Dynamic Light Spot, un proiettore speciale che dirige un raggio luminoso sulle persone o sugli animali individuati ed segnala così il rischio al guidatore.

BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 2013 test
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d

Infotainment al vertice della categoria

BMW X5 2013 test

Grazie all’integrazione dello smartphone o con la carta SIM integrata fissa nella vettura, BMW ConnectedDrive consente di accedere a numerosi servizi di mobilità e su base di internet per applicazioni di ufficio mobile, per orientarsi meglio in viaggio e per godersi l’offerta d’infotainment. Un impianto viva-voce con connettore USB fa parte dell’equipaggiamento di serie della nuova BMW X5. Inoltre sono a disposizione le funzioni a distanza, l’utilizzo di internet a bordo e l’optional Online Entertainment con una selezione di circa 12 milioni di brani musicali. Le funzioni di ufficio mobile di BMW ConnectedDrive includono per esempio la visualizzazione sul Control Display di e-mail, di appuntamenti, di contatti, di appunti di calendario e di notizie, così come la funzione di dettato che trasforma gli appunti verbali in testo da inviare successivamente per sms oppure per e-mail.

L’optional BMW App include inoltre la funzione webradio, l’accesso a un programma musicale personalizzato del servizio Aupeo! e l’utilizzo di Facebook e di Twitter a bordo. Questo servizio viene arricchito continuamente con applicazioni ufficiali nuove. L’esclusiva esperienza di guida nella nuova BMW X5 viene sottolineata non solo dall’ambiente lussuoso degli interni, ma anche dall’ampio equipaggiamento di serie e da una ricca selezione di optional particolarmente sofisticati. A bordo della nuova BMW X5 sono montati di serie un climatizzatore automatico a due zone, un impianto viva-voce Bluetooth, uno specchietto retrovisore interno auto-anabbagliante e un sistema di regolazione della velocità con funzione frenante.

In combinazione con l’optional sistema di navigazione Professional per il sistema di comando iDrive di serie è disponibile il Touch Controller con una superficie sensbile al tatto che permette d’inserire per esempio dei caratteri per definire la destinazione di navigazione. Anche la radio Professional fa parte dell’equipaggiamento di serie. In alternativa, per personalizzare l’impianto audio di bordo, vengono offerti un sistema di altoparlanti HiFi, l’Harman Kardon Surround Sound System oppure il Bang & Olufsen High End Surround Sound System con una potenza di amplificazione di 1 200 Watt e 16 altoparlanti. In più, sono disponibili un sistema di ricezione di programmi radio digitali (DAB), un modulo TV e un sistema di entertainment della zona posteriore sviluppato ex novo con lettore DVD e due schermi in stile tablet.

Ulteriori desideri di personalizzazione possono essere esauditi attraverso numerosi strumenti: il volante sportivo in pelle, il riscaldamento della corona, il climatizzatore automatico a quattro zone, gli specchietti retrovisori esterni auto-anabbaglianti, il sistema automatico Soft-Close delle porte, il Comfort Access, il tetto panoramico in vetro, i battitacco in alluminio sui longheroni laterali sottoporta, il pacchetto porta-oggetti e la borsa da sci e snowboard.

BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d

Pregi e Difetti

BMW X5 F15 M50d


Piace

-Motori e cambio
-Comportamento stradale
-Finitura
-Avanzato sistema infotelematico

Non piace
-Design riuscito ma poco coraggioso

BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d

Scheda tecnica

BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d
BMW X5 F15 M50d

Tester: Flavio Atzori
Testo: Flavio Atzori
Foto: BMW Italia

Ultime notizie su SUV

Il termine SUV (Sport Utility Vehicle) indica una tipologia d’automobile ad assetto rialzato, generalmente a quattro ruote motrici e dalla vocazione fuoristradistica limitata, senza ridotte e con finiture interne non meno cur [...]

Tutto su SUV →