Ford Fiesta: prezzi, brochure, caratteristiche e prova su strada

Come si viaggia a bordo della Ford Fiesta 1.0 EcoBoost 100cv? Scopritelo leggendo la nostra prova su strada…


La Ford Fiesta nel corso degli anni ha aumentato sempre più la propria popolarità, diventando uno dei modelli cardine del brand. La sua gamma motori spazia dal 1.0 litri benzina al 1.6 litri diesel, passando per il 1.4 litri a Benzina/GPL. La prima descrizione va dedicata doverosamente al tre cilindri EcoBoost. Si tratta di un propulsore di 1.0 litri a iniezione diretta, dotato di turbocompressore, di cui ogni minimo particolare è stato studiato per ridurre i consumi e l’attrito. Tali caratteristiche gli hanno regalato due prestigiosi titoli “Engine of the year”, dove il tre cilindri turbo ha svettato nella categoria dei propulsori sotto i 1000 cc e come migliore novità motoristica assoluta del 2012. Non è tutto. Il 1.0 EcoBoost si è aggiudicato anche la vittoria degli Autoblog Awards 2013 per la categoria tre cilindri.


Dopo questa parentesi descrittiva, prima di passare oltre, vi ricordiamo che per questo modello (munito del sistema start &stop) la Casa dichiara dei consumi pari a 5,3 l/100 km nel cilco urbano, 3,7 l/100 km nel ciclo extraurbano e 4,3 l/100 km nel ciclo misto con 99 g/km di Co2 emessa. A esso si affianca anche una versione aspirata del tre cilindri capace di erogare una potenza di 80 cavalli. La gamma benzina è poi completata dai 1.2 litri (60 CV), 1.6 litri PowerShift (105 CV) e 1.4 GPL. Sul versante diesel troviamo invece il 1.5 TDCi da 75 CV, il 1.6 TDCi da 85 CV e il 1.6 DuranTorq TDCi ECOnetic da 95 cavalli. Gli allestimenti disponibili sono quattro mentre i prezzi vanno dagli 11.750 Euro della 1.0 tre cilindri 80 CV tre porte ai 18.500 Euro della 1.6 TDCi 95 CV Individual cinque porte.

Potete confrontare tutti i motori e gli allestimenti della Ford Fiesta tramite il nostro pratico listino, che permette di affiancare diversi modelli di automobili per poterli analizzare scovandone tutte le differenze, così da poter scegliere il più adatto per le vostre necessità. Inoltre è possibile richiedere una Brochure di ogni modello, oltre a poter ricevere un preventivo gratuito per l’acquisto della vettura direttamente dalla casa madre. Ma ora vediamo come si comporta su strada la Ford Fiesta 1.0 EcoBoost da 100 cavalli.

Ford Fiesta 1.0 EcoBoost 100cv: la nostra prova su strada

Ford Fiesta

La protagonista della nostra prova odierna è la Ford Fiesta. Solamente lo scorso mese vi avevamo dato le prime informazioni riguardanti la Ford Fiesta E-Wheel Drive, prototipo elettrico della nota city car, realizzata da Ford in collaborazione con l’azienda tedesca Schaeffler. Nell’attesa di vedere se questa tecnologia riuscirà ad essere sviluppata e adottata sui futuri modelli di produzione vi racconteremo le nostre impressioni sul modello alimentato dal propulsore 1.0 EcoBoost, vincitore degli Autoblog Awards 2013 nella categoria tre cilindri.

Progettato appositamente per ridurre i consumi, le emissioni di C02 e i costi di gestione il motore mille se stuzzicato, come vedremo in modo dettagliato nelle prossime righe, risponde egregiamente. La Fiesta risulta infatti un’utilitaria tutto fare che oltre al classico spostamento casa-lavoro-casa ti permette anche di effettuare una gita fuori porta senza problemi e quando serve un filo di gas in più, per divertirsi o togliersi dagli impicci, non dice di no. Sotto il profilo estetico, fin dal primo sguardo si rimane piacevolmente colpiti dal look dinamico della vettura caratterizzata da un frontale particolarmente sportiveggiante. Gli interni offrono invece un buon livello di confort, condito da una dotazione tecnologica completa.

Il fiore all’occhiello di tali sistemi, oltre al SYNC, è senza ombra di dubbio il MyKey: attraverso il suo utilizzo è possibile programmare una speciale chiave che permette di configurare a proprio piacimento alcuni parametri dell’auto. La Ford Fiesta sul mercato italiano è commercializzata in svariate motorizzazioni, in grado di soddisfare le più disparate esigenze dei potenziali clienti, che vanno dal 1.0 litri a benzina fino ad arrivare al 1.6 litri diesel.

Ford Fiesta: design e interni

Ford Fiesta

Il design della Ford Fiesta vanta un frontale personale e grintoso. I gruppi ottici dalle dimensioni generose, che si sviluppano in lunghezza, si abbinano a un’ampia griglia frontale cromata. Le nervature presenti sul cofano motore esaltano poi il lato sportivo e sbarazzino dell’auto. L’aspetto dinamico della Fiesta emerge quando la si osserva lateralmente: le fiancate presentano passaruota bombati, una nervatura appena sopra le minigonne e una linea caratteristica lievemente arcuata che parte dall’avantreno, ingloba le maniglie delle portiere e culmina nel sobrio ma gradevole posteriore. Detto ciò, prima di addentrarsi nella descrizione degli interni ci soffermiamo un istante sulle dimensioni della vettura che misura 397 cm in lunghezza, 171 cm in larghezza, 150 cm in altezza e ha un passo di 230 cm.

Aprendo la portiera e salendo a bordo s’incontra un abitacolo confortevole e dotato di svariate dotazioni e tecnologie ricercate dalla clientela moderna. Bisogna inoltre sottolineare la gradevole impressione generata dal mix di luci blu-rosse che dominano quest’ultimo al calare del sole. Tutte le plastiche utilizzate per gli interni ci hanno trasmesso una sensazione di solidità e qualità. Positivo anche l’assemblaggio e l’accostamento fra le varie parti. Alla guida la visibilità risulta buona sia anteriormente sia lateralmente mentre quella posteriore a causa delle dimensioni contenute del lunotto non sempre è ottimale.

Le fasi di manovra e parcheggio non sono comunque un problema in quanto si è coadiuvati dai sensori. Davanti a sé svetta una strumentazione mista (analogica-digitale) sulla quale vengono riportati con chiarezza le principali informazioni sulla vettura. Abbiamo inoltre apprezzato il volante -del modello da noi provato- multifuzionale: oltre ad aumentare la comodità di utilizzo tale soluzione permette di ridurre le pericolose distrazioni durante le fasi di marcia dovute alla ricerca dei comandi sulla consolle centrale.

Nella porzione superiore della consolle centrale svetta un display dalle dimensioni contenute: incastonato fra le plastiche, volte a riparare (in modo efficace) dai riflessi maligni della luce e in grado di garantire sempre una buona visibilità. Scendendo verso il basso con lo sguardo si trovano due bocchette d’aerazione dalle generose dimensioni separate da una moltitudine di pulsanti attraverso i quali si possono gestire le principali funzionalità dell’impianto audio. Essi, nonostante le dimensioni ridotte risultano facili da trovare anche nella guida grazie a una disposizione ottimale.

La porzione inferiore, invece, è caratterizzata prevalentemente dai comandi del climatizzatore, sempre reattivo al punto giusto. Spostandosi a lato guida il passeggero viaggia in assoluta comodità e ha tutti i comandi d’infotainment a portata di mano. Anche i passeggeri posteriori possono usufruire di una discreta quantità di spazio, a patto d’essere in due. Il bagagliaio è in linea con le concorrenti appartenenti alla stessa categoria.

A livello tecnologico il modello protagonista della nostra prova era sprovvisto di navigatore mentre l’impianto audio ha rivelato una qualità accettabile e nella norma, in linea con la concorrenza. Inoltre, quando si parla di tecnologia utilizzata da Ford sulle proprie auto moderne è inevitabile pensare al Sync, un sistema di vivavoce avanzato che rappresenta un’evoluzione del classico sistema vivavoce Bluetooth e di controllo vocale. Il Ford SYNC consente di gestire facilmente la musica e le telefonate sul cellulare con comandi vocali semplici e diretti, per tenere sempre le mani ben salde sul volante e gli occhi sulla strada. Il SYNC può inoltre leggere i messaggi di testo ricevuti sul cellulare e grazie al Ford Emergency Assistance può anche chiamare automaticamente il servizio di emergenza in caso d’incidente con l’attivazione degli airbag. Dulcis in fundo parliamo della tecnologia MyKey. Attraverso l’impiego di quest’ultima è possibile programmare una speciale chiave che permette di configurare alcuni parametri dell’auto.

Tale sistema è dedicato principalmente ai genitori con figli neopatentati che vogliono ottimizzare la sicurezza alla guida. Grazie al Ford MyKey, infatti, è possibile dare una speciale chiave programmata ai propri figli tenendo per sé la normale chiave della vettura che consente di utilizzare la nuova Fiesta senza blocchi, sfruttando tutta la potenza dei propulsori della gamma. Quando invece l’auto riconosce la speciale chiave programmata per i figli, le impostazioni cambiano a seconda di quanto programmato in precedenza. I genitori possono così decidere se limitare la velocità, far emettere all’auto un avviso al superamento di soglie preimpostate tra i 70 ed i 140 chilometri orari, impedire di disattivare il segnale delle cinture di sicurezza non allacciate, limitare il volume dell’autoradio ed anticipare l’accensione della spia di riserva del carburante. Utilizzando la Ford MyKey è inoltre impossibile disattivare l’ESP e il controllo di trazione, rendendo così più sicura la guida in ogni situazione.

Ford Fiesta: su strada

Ford Fiesta

Durante la nostra prova su strada abbiamo potuto testare la Ford Fiesta equipaggiata con il noto propulsore 1.0 EcoBoost, in grado di erogare una potenza di 100 cavalli e una coppia massima di 170 Nm, abbinato a un cambio manuale a cinque rapporti. Ciò che si apprezza maggiormente è la praticità e la semplicità con cui ci si muove quando si è al volante della city car americana. Poco importa se ci si trova in città, su una statale o in autostrada. La Fiesta è ben piazzata a terra e garantisce una tenuta di strada notevole. Parte del merito va attribuito all’azzeccata taratura delle sospensioni che conferiscono alla vettura una personalità briosa con poco rollio e beccheggio nella norma. Quest’ultime sono inoltre capaci di assorbire al meglio le asperità del manto stradale anche quando si tratta di vere e proprie voragini, secche e brusche.

Alzando il ritmo la tendenza al sottosterzo si avverte lievemente e si rimane piacevolmente colpiti dalla compostezza del posteriore. In tali situazioni le perdite di aderenza sono progressive e facilmente controllabili. In tutto ciò l’elettronica tende ad assecondare le manovre del conducente in modo discreto e per nulla invasivo intervenendo, quando necessario, in modo efficace e repentino. Lo sterzo leggero e preciso permette di trovare, quasi sempre, il giusto inserimento in curva ed è rapido quanto basta per correggere le traiettorie in modo concreto.

Positivo anche il comportamento della leva frizione e del cambio. La prima ha una corsa adeguata alla tipologia di vettura e comunica in modo efficace il suo punto di stacco mentre il secondo risulta gradevole da usare, per via degli innesti morbidi e precisi, e anche nelle situazioni limite risponde bene agli input dati dal conducente. La spaziatura fra i vari rapporti è ottimale sebbene in alcune situazioni, come ad esempio lunghe percorrenze in autostrada, non sarebbe male avere a disposizione una sesta marcia.

L’impianto frenante, infine, consente spazi d’arresto contenuti e ha una soddisfacente modulabilità del pedale. Mantenendo delle velocità da codice l’insonorizzazione dell’abitacolo è buona e non si avvertono fruscii e vibrazioni maligne mentre la “voce” del motore non è così marcata da infastidire. La verve sbarazzina, anche se apprezzata da molti, non è il primo fattore che si tiene in considerazione quando si sta per comprare un modello appartenente a tale categoria. Una persona che utilizza quotidianamente la propria auto per spostarsi solitamente prima della sportività considera i consumi, che in questo caso non sono niente male: 5,3 l/100 km nel ciclo urbano, 3,7 l/100 km nell’extra urbano e 4,3 l/100 km nel ciclo combinato. Come sempre bisogna però ricordare che i consumi ideali si discostano leggermente da quelli reali, che devono tener conto di una serie di variabili fra cui il “piede” di chi utilizza la macchina.

Nella follia quotidiana delle nostre città, purtroppo, si passa molto tempo in coda. Ciò comporta, se si utilizza un cambio manuale, una classica sequenza che ripetuta più e più volte può stancare e far innervosire anche l’automobilista più mite. Stiamo parlando del “prima, seconda, freno e frizione”. La Fiesta, invece, esce a testa alta anche da quest’ultimo test: dopo aver battagliato per qualche ora nel traffico milanese ne siamo usciti abbastanza “freschi”. Sulla Ford Fiesta non mancano poi una serie di tecnologie al servizio del conducente, a partire dall’Active City Stop che frena automaticamente il veicolo alle basse velocità. Il sistema, attivo fino a una velocità di 30 km/h, attraverso un apposito sensore monitora la situazione circostante alla vettura e in caso di pericolo di collisione imminente aziona l’impianto frenante.

L’assistenza alla partenza in salita (HLA) evita invece l’arretramento della vettura mantenendo la pressione sul sistema frenante per qualche istante, lasciando al conducente il tempo sufficiente per spostare il piede dal pedale del freno a quello dell’acceleratore. In termini di sicurezza oltre agli airbag anteriori per conducente e passeggero sono stati aggiunti gli airbag laterali per la protezione del torace e gli airbag a tendina per la protezione del capo. È stato predisposto anche un airbag per la protezione delle ginocchia del conducente. Se necessario, si può disattivare l’airbag passeggero con l’apposito interruttore. Non mancano poi le classiche tecnologie come il sistema frenante antibloccaggio (ABS) e del ripartitore elettronico della frenata (EBD) e l’assistenza alla frenata d’emergenza (EBA).

Ford Fiesta: scheda tecnica

Ford Fiesta

Ford Fiesta 1.0 EcoBoost

Carrozzeria
Numero porte: 5
Numero posti: 5
Lunghezza: 397 cm
Larghezza: 171 cm
Altezza: 150 cm
Passo: 230 cm
Capacità serbatoio: 42 litri
Capacità bagagliaio (min-max): 290-974 dm3
Motore
Tipo: 3 cilindri in linea
Cilindrata: 999 cm3
Alimentazione: Benzina
Potenza max/regime: 74kW (100 CV) a 6000 giri/min
Coppia max: 170 Nm a 1400 giri/min
Trazione: Anteriore
Cambio: Manuale
Marce: 5
Prestazioni
Velocità max: 180 km/h
Accelerazione 0-100km/h: 11.2 secondi
Emissioni CO2 (g/km): 99
Consumi (litri/100 km)
Urbano: 5,3
Extraurbano: 3,7
Misto: 4,3

Ultime notizie su Test Drive

Tutto su Test Drive →