Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada

Citroen DS3 Cabrio, la versatile cabriolet francese con prezzi a partire da 18.950 e potenze dagli 82 ai 156 cavalli.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

La gamma DS si amplia con l’arrivo della prima cabrio dell’era moderna del brand premium di Citroen: la Citroen DS3 Cabrio. Al volante le sensazioni sono paragonabili alla Citroen DS3, con l’aggiunta del piacere della guida a cielo aperto. Piccola veloce e divertente, la Citroen DS3 Cabrio si propone come valida alternativa alla versione a tetto fisso: il comfort acustico è leggermente minore ma pur sempre di alto livello e l’isolamento fornito dalla capote in tela non fa rimpiangere l’assenza del tetto in lamiera.

Caratterizzata da un listino con prezzo di partenza di 18.950 euro, la Citroen DS3 Cabrio sarà proposta in Italia, a partire da Aprile, in quattro differenti motorizzazioni, tre a benzina ed una a gasolio. Le potenze vanno dagli 82 cavalli del nuovo tre cilindri a benzina 1.2 VTi ai 156 cavalli della Citroen DS3 1.6 THP. Il cambio è manuale su tutte le motorizzazioni, fatta eccezione per la variante a gasolio, che al momento del lancio proporrà solo un automatico a sei rapporti, ma Citroen intrdurrà successivamente anche un manuale.

La compatta cabriolet a cinque posti del Double Chevron risulta scattante e precisa, divertente sul misto e comoda negli spostamenti autostradali ed in città. Durante la nostra prova abbiamo testato una Citroen DS3 Cabrio 1.6 THP Sport Chic da 156 cavalli: vediamo ora quali sono state le sensazioni di guida di questo primo approccio con la cabrio francese.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Su Strada: precisa e divertente

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

La Citroen DS3 Cabrio si configura come compatta premium che non disdegna la sportività: con il suo motore 1.6 THP l’auto sviluppa infatti 156 cavalli, che la rendono divertente e veloce: l’accelerazione da 0 a 100 km/h è coperta in 7.4 secondi mentre la velocità massima è di 210 km/h. Salendo in macchina ci si rende però conto della polivalenza di questa vettura: la seduta è comoda ed abbastanza rialzata, il volante è morbido e leggero, così come il cambio e la frizione. La Citroen DS3 Cabrio non disdegna quindi neanche la guida cittadina, permettendo a chiunque di trovare un’auto adatta per ogni situazione, dai lunghi viaggi, alla guida sportiva. Anche l’assetto non risulta dei più duri: pur presentando pochissimo rollio, l’auto è confortevole e non troppo secca.

Fatte queste premesse si potrebbe pensare che la Citroen DS3 si configuri come cittadina con poche velleità sportive ma non è affatto così. Scalando marcia ed utilizzando la parte alta del contagiri, ci si accorge infatti delle vere potenzialità di questa compatta: le velocità che si raggiungono in pochi metri sono davvero elevate e le prestazioni in curva sono molto buone. La trazione anteriore sbacchetta leggermente quando si spinge l’auto al limite, pur mantenendo bene la traiettoria anche grazie alla leggerezza del posteriore. Proprio il retrotreno copia abbastanza bene il comportamento dell’asse anteriore, anche se non risulta affatto nervoso o troppo leggero, aprendosi solo leggermente al limite ed aiutando a chiudere le curve con il muso.

Lo sterzo risulta molto preciso ed è raro che l’impostazione in curva necessiti di correzioni. Molto progressivo nella rigidità, il volante risponde velocemente ai comandi del guidatore, dimostrandosi al contempo morbido in città e contrastato ad alte velocità. Anche spingendo al limite la vettura, su asfalto asciutto con ESP e traction control disattivati, il sottosterzo è minimo, fatta eccezione per le manovre troppo spinte o esagerate, dove l’avantreno inizia a pattinare allargando il muso dell’auto, che rimane comunque facilmente controllabile. Parte del merito è da attribuire al buon telaio della vettura che, pur essendo una cabrio, non presenta una particolare diminuzione della rigidità torsionale rispetto alla variante con tetto fisso. Anche l’assetto svolge un ruolo fondamentale, risultando sfruttabile in ogni occasione.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Motore: frizzante e brioso

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Durante la nostra prova abbiamo guidato il propulsore più performante della gamma, il quattro cilindri turbo sviluppato in collaborazione con BMW: il 1.6 THP da 156 cavalli e 240 Nm di coppia massima. Sulla carta i dati sono ottimi, ma è su strada dove lo si apprezza veramente: elastico, scattante e divertente, un ottimo motore abbinato ad un buon cambio. Certo il peso di soli 1156 chilogrammi della Citroen DS3 Cabrio aiuta non poco nelle prestazioni, ma una delle cose che ci ha stupito di più è la fluidità d’erogazione di questa unità. Nelle riprese con marcia alta non sussulta minimamente, neanche a regimi veramente bassi, iniziando a spingere progressivamente, innalzando in maniera regolare e continua la velocità, senza sussulti o vuoti.

Anche il pedale dell’acceleratore risulta ben reattivo e preciso, certo in curva, con i sistemi di assistenza alla guida staccati, bisogna dosare per bene il gas per evitare uno slittamento delle ruote che genera uno scivolamento dell’avantreno in sottosterzo. Proprio il sottosterzo risulta comunque ben gestibile agendo sul gas: rilasciando leggermente il pedale il posteriore copre bene la manovra, aiutando a riprendere la traiettoria desiderata. Il turbo lag è decisamente poco presente e questo propulsore permette di divertirsi davvero, andando forte quando si vuole ma mantenendo consumi discreti quando si viaggia. Non solo sportività quindi, la piccola unità francotedesca permette infatti di viaggiare a basso regime in totale tranquillità, con poco rumore e consumi medi che in autostrada si aggirano quasi attorno ai 20 km al litro, con un consumo medio dichiarato dalla casa di 6.0 litri ogni 100 chilometri.

Anche il suono è particolarmente curato: cupo ma non troppo, il motore scalda la sua voce al di sopra dei 3.500 giri, iniziando con una sinfonia che termina solo al raggiungimento dei 6.750 giri, quando la centralina taglia con il limitatore di giri. In rilascio l’auto si produce in un cupo, e piacevole, sbuffo dallo scarico: non vi sono borbottii eccessivi ma questo suono risulta sportivo e piacevole, pur non essendo troppo presente all’interno dell’abitacolo. Il cambio risulta molto preciso e non troppo contrastato, innesti semplici e delicati permettono a chiunque di guidare con facilità la Citroen DS3 Cabrio. Anche il pedale della frizione è ben modulabile pur presentando una corsa abbastanza ridotta: lo stacco è buono sia durante la guida sportiva, sia in città, dove non è un problema partire senza neanche sfiorare il pedale destro.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Interni: curati e spaziosi

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Di solito quando si parla di una compatta, il termine “spazioso” viene utilizzato raramente. Citroen ha però abilmente creato un abitacolo molto intelligente, riuscendo a sistemare in una vettura molto compatta cinque posti, con una buona abitabilità ed uno spazio discreto per testa e gambe. I passeggeri anteriori possono infatti regolare i sedili abbastanza in avanti, permettendo a chi si siede sulla panca posteriore di avere lo spazio necessario per sistemare comodamente le gambe. Il sedile anteriore lato passeggero può essere spostato molto in avanti grazie ad un’intelligente design del portaoggetti che, rientrando all’interno della plancia, lascia molto spazio per le ginocchia, permettendo così anche al passeggero posteriore destro di avere uno spazio per le gambe quasi paragonabile a quello di una berlina.

La posizione di guida è ben regolabile, il sedile risulta però un po’ rialzato anche nella posizione più bassa, privilegiando la guida confortevole rispetto alla sportività. Tuttavia, regolando il volante si può trovare una posizione comoda senza alcun problema, anche per i più alti. L’impugnatura in pelle della corona del volante è comoda e delle giuste dimensioni, abbastanza spessa, regala sensazioni di controllo sulla vettura: semplice ma moderno, non integra tasti e comandi vari, che sono sistemati su delle leve poste al di sotto del devioluci. Proprio i comandi “al volante” della Citroen DS3 Cabrio, risultano nascosti dalle razze e, finché non si fa l’abitudine, potrebbero risultare di difficile utilizzo ma, una volta persa la mano, risultano molto semplici e comodi da usare.

Il posizionamento delle leve del cambio e del freno a mano sono quasi da sportiva: immediatamente raggiungibili anche in curva, consentono manovre precise in ogni situazione. Merito anche degli ottimi sedili sportivi, comodi ma contenitivi e con una imbottitura da vera vettura Premium. Un po’ complesso al primo utilizzo il sistema di navigazione: posto un po’ troppo in basso presenta tasti piccoli, difficilmente azionabili senza distrarsi dalla guida nei primi utilizzi della vettura. Tuttavia il sistema risulta completo ed efficiente, con un’ottima cartografia, chiara e precisa. Il climatizzatore è abbastanza semplice ed intuitivo: non troppo rumoroso consente di tenere una temperatura adeguata anche a tetto abbassato.

Tra i davvero pochi particolari che non ci sono piaciuti della Citroen DS3 Cabrio c’è l’assenza della maniglia sul tetto per il passeggero anteriore: l’unico appiglio è il piccolo portaoggetti della portiera ma risulta molto scomodo e difficile da impugnare non essendo studiato per questo scopo. Lo spazio ci sarebbe e consentirebbe a chi occupa il sedile destro, di aggrapparsi durante le sessioni di guida veloce, vero punto forte della Citroen DS3 Cabrio. Inoltre tali maniglie sono presenti al posteriore: sviluppate per agevolare l’ingresso dei passeggeri, possono essere utilizzate per reggersi in curva.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Il tetto apribile: distinzione di classe

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Il sistema di apertura del tetto non è tra i più veloci della categoria ma risulta abbastanza pratico. Utilizzando il tasto posto sulla plafoniera centrale si può aprire con un tocco la capote, scoprendo la vettura. Schiacciando un’altra volta il pulsante si può scoperchiare completamente l’auto, abbassando anche il lunotto posteriore che si ripiega all’interno dell’abitacolo sopra la cappelliera in posizione orizzontale. Il sistema elettrico di apertura del tettuccio funziona anche in movimento, fino ad una velocità massima di 120 km/h, risultando comodo e ben fruibili anche mentre si viaggia.

Una volta aperto il tetto è possibile sollevare un frangivento studiato per limitare le turbolenze all’interno dell’abitacolo facendo discretamente il suo lavoro fino a velocità abbastanza elevate. Proprio il sistema di apertura della capote è un capolavoro di ingegneria: costituito di oltre 180 parti, appesantisce la vettura di soli 25 chilogrammi. La tela a tre strati del soft top garantisce un buon isolamento acustico dall’esterno, con uno strato fonoassorbente, uno strato impermeabile ed un rivestimento esterno in tela a tre fili, resistente e di qualità.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Citroen ha inoltre installato all’interno della vettura un rivestimento nero, che ripropone il classico cielo delle auto con tetto rigido: la percezione è di una vettura di più alta qualità, innalzando il temperamento premium di questa piccola cabriolet. La visibilità, anche con il tetto alzato, è molto buona: il grande vetro posteriore permette di fare manovra senza particolari problemi ed anche i montanti non intralciano troppo la vista durante la retromarcia. Per ogni situazione sono comunque presenti degli ottimi sensori di parcheggio che indicano la distanza degli oggetti dal retro della vettura.

L’ingegnoso sistema di apertura del bagagliaio permette di aprire il cofano posteriore sollevandolo tramite alcuni supporti ed aprendo così una bocca per il carico dei bagagli. Lo spazio all’interno del vano è veramente tanto per una vettura di questo segmento, Citroen dichiara infatti 245 litri di carico utile, però l’accesso risulta spesso difficile a causa della piccola apertura, peccato. Il costruttore francese propone di serie il divano posteriore sdoppiato ed abbattibile, consentendo così ai propri clienti di poter contare su di un volume di carico ancor maggiore e modulabile grazie al frazionamento degli schienali con schema due terzi, un terzo.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Motori ed allestimenti

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Citroen propone ai propri clienti una scelta di quattro diverse motorizzazioni, tre a benzina ed una a gasolio, abbinate a tre diversi livelli di allestimento: Chic, So Chic e Sport Chic. L’allestimento Chic comprende accessori come ABS, ESP, Airbag, sedile posteriore abbattibile, retrovisori elettrici, radio mp3, computer di bordo, cerchi da 16 pollici e sensori di parcheggio. Il livello So Chic aggiunge a questa configurazione il climatizzatore manuale con diffusore di fragranze, il pacchetto Led per gli esterni, il pacchetto di cromature esterne e particolari della plancia neri lucidi. Il top di gamma, l’allestimento Sport Chic aggiunge anche i cerchi il lega da 17 pollici, il sistema di infotainment Citreon eTouch, il climatizzatore automatico, il connecting box con presa aux ed usb, sedili sportivi, pedaliera in alluminio e terminale di scarico a doppia uscita.

Inizialmente i clienti potranno ordinare la Citroen DS3 Cabrio in sette varianti colore, abbinabili a tre diverse capote: la Nero notte, di serie per tutte le tinte carrozzeria, la Blu Infini, caratterizzata da una particolare trama di che permette al colore di cambiare a seconda della luce ed il Grigio Moondust con monogramma DS, offerto con un sovrapprezzo di 400 euro. Otto diversi cerchi permettono di personalizzare ulteriormente la vettura, con dimensioni di 16 o 17 pollici e diverse colorazioni. All’interno la Citroen DS3 Cabrio propone sei diverse sellerie, in tessuto, pelle o Alcantara, abbinabili a quattro diversi inserti in plastica per il cruscotto.

Il nuovo motore tre cilindri 1.2 VTi da 82 cavalli rappresenta il propulsore d’ingresso alla gamma, con un prezzo di partenza di 18.950 euro. L’altro motore a benzina aspirato è il 1.6 VTi da 120 cavalli, proposto a 21.650 euro mentre la versione più performante attualmente prevista per la vettura è dotata del quattro cilindri turbo sviluppato con BMW: il 1.6 THP da 156 cavalli, offerto a 24.250 euro. L’unico diesel al momento del lancio sarà il 1.6 eHDi, che verrà inizialmente proposto unicamente in accoppiata con il cambio automatico a sei rapporti ad un prezzo di 23.550 euro, ma in fururo arriverà anche la possibilità di scegliere un manuale a sei marce.

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Listino Prezzi Citroen DS3 Cabrio

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

Citroen DS3 Cabrio 1.2 VTi 82 cavalli Chic 18.950 euro
Citroen DS3 Cabrio 1.2 VTi 82 cavalli So Chic 20.250 euro
Citroen DS3 Cabrio 1.6 VTi 120 cavalli So Chic 21.650 euro
Citroen DS3 Cabrio 1.6 THP 155 cavalli Sport Chic 24.250 euro
Citroen DS3 Cabrio 1.6 e-HDI 92 cavalli cambio automatico So Chic 23.550 euro
Citroen DS3 Cabrio 1.6 e-HDI 92 cavalli cambio automatico So Chic 25.600 euro

Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese
Citroen DS3 Cabrio: il primo contatto su strada della cabriolet francese

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: