Auto elettriche: gaffe del CEO Bmw Nord America

Bmw i

Il CEO Bmw Nord America Jim O'Donnell ha rischiato grosso con una dichiarazione sulle elettriche, in occasione del salone di Detroit. Secondo quanto riportato da MotorAuthority, si è lasciato scappare un commento piuttosto pessimistico sulle auto a zero emissioni, dichiarando che allo stato attuale il 90% degli utenti non sarebbe soddisfatto dell'autonomia disponibile. Nonostante la pronta lettera di scuse, è innegabile che una affermazione simile si scontra con il grande lavoro di sviluppo che Bmw sta portando avanti, con il lancio del brand "Bmw i" e la presentazione di MiniE ed ActiveE, con flotte di vetture già in uso ai clienti e persino il lancio del software Evolve per l'analisi delle proprie abitudini e la verifica della possibile "compatibilità" con l'auto elettrica.

La notizia ha comunque scosso la rete e molti giornalisti non hanno mancato di sottolineare quando O'Donnell sia stato alquanto "realista" circa la situazione, come riportato da Cars UK: proporre veicoli puramente elettrici è ancora difficile, mentre la soluzione delle EREV come Chevrolet Volt sembra ancora il compromesso migliore con buona pace del gruppo Renault Nissan e dei loro grandi investimenti, fino a quando la tecnologia delle batterie non farà passi avanti decisivi. L'asia da autonomia, i tempi di ricarica, le infrastrutture necessarie ed il costo dei veicoli rappresentano ostacoli importanti anche per i più grandi costruttori internazionali ed il target di clienti per le elettriche pure sembra essere davvero limitato agli abitanti dei grandi centri urbani.

  • shares
  • +1
  • Mail
35 commenti Aggiorna
Ordina: