Ferrari 275 GTB/4: drifting con un'auto storica da sogno [Video]

La Ferrari 275 GTB/4 è un capolavoro dell'arte automobilistica. Immaginarla in una danza sotto le note del drifting non è una cosa facile, ma succede.


 











Visualizza questo post su Instagram























 

Un post condiviso da PowerslideLover (@powerslidelover) in data:


Un video insolito propone la pratica del drifting su un'auto fuori dal comune: la Ferrari 275 GTB/4. A presentare l'impresa, nel suo canale Instagram, il solito PowerslideLover. Fa un certo effetto vedere la splendida auto storica del "cavallino rampante" impegnata in simili funambolismi, solitamente condotti su modelli più recenti e spesso di marchi meno nobili, ma ogni tanto, nell'alternanza delle giornate, ci sono delle cose che rompono gli schemi.

La Ferrari 275 GTB/4, presentata al Salone di Parigi del 1966, si offre alla vista con una silhouette, firmata Pininfarina, che esprime le note di una colta miscela artistica, frutto di una mirabile sintesi di classe e sportività.

In essa si respira un pizzico dell'atmosfera stilistica della 250 GTO (di cui è discendente ideale). L'auto si caratterizza per il lungo cofano e per le feritoie alle spalle dei passaruota. Sulla Ferrari 275 GTB/4 si misero a frutto le esperienze dorate di un "cavallino rampante" che mieteva successi in tutte le categorie. La sua unità propulsiva nasce dall'affinamento dell'idea originaria di Gioacchino Colombo. Migliorata in diverse componenti, eroga una potenza di 300 CV a 8000 giri al minuto.

Questa "rossa" seppe dispensare irripetibili gioie ai fortunati possessori, che ancora oggi possono gustarla con soddisfazione in pista e nelle vie più alla moda delle capitali del mondo. Entrata nella storia come uno dei più grandi capolavori del design automobilistico, ebbe anche una brillante carriera sportiva.

Rispetto alla GTB del 1964, la Ferrari 275 GTB/4 si differenzia per la vistosa protuberanza sul cofano, resa necessaria dall'adozione del doppio albero a camme in testa. La soluzione, che distingue l'allestimento, era stata sviluppata sulle P2. Il motore ha le stesse misure caratteristiche, ma le testate appaiono vistosamente diverse. Formidabile il sound che ne accompagna le danze. A voi il filmato!

  • shares
  • Mail