Formula E: c’è anche un po’ di BMW nell’E-Prix di Roma

Il costruttore tedesco, che parteciperà al campionato dalla prossima stagione, già fornisce alla competizione la safety car e i veicoli di soccorso.


Nella gara capitolina della Formula E sarà presente la Qualcomm Safety Car Bmw i8 Coupé, che ha fatto il suo debutto a Santiago del Cile.

L’auto, rispetto alla versione di serie, ha un motore elettrico aggiornato e un gruppo di batterie più grande da 11,6 kWh, che ora producono 143 CV. Non subisce modifiche, invece, il propulsore a 3 cilindri turbo benzina da 1.5 litri che eroga 231 CV. La sportiva ibrida plug-in, grazie ai 374 CV combinati, brucia lo 0 a 100 km/h in 4.4 secondi.

Inoltre, grazie alla ad un sistema di ricarica a induzione (Qualcomm Halo Prototype Technology), le batterie possono essere ricarica fino all’80% in meno di un’ora, posizionando la macchina sopra una piattaforma apposita.

bmw-8.jpg

In occasione della presentazione della pace car, sono stati intervistati Jens Marquard, direttore di BMW Motorsport e Michael Andretti, CEO di Andretti Formula E.  Dal prossimo anno, infatti, la casa bavarese parteciperà al campionato di Formula E come motorista del team Andretti.

Di seguito l’intervista fatta da Bmw a Marquard e Andretti:

- Marquardt, Andretti, la quarta stagione della Formula E è già in corso. Quali sono i tuoi obiettivi con il team di MS&AD Andretti?

Michael Andretti: “Il nostro obiettivo è ovviamente quello di fare meglio rispetto al passato. L’anno scorso non è stato il massimo per noi. Spero poter migliorare su questo. Un obiettivo realistico sarebbe la top-five, se riusciamo ad arrivarci. Forse possiamo anche raccogliere qualche strano podio qua e là secondo come si risolveranno le corse”.

E da una prospettiva BMW?

Jens Marquardt: “Quest’anno ci stiamo ovviamente immergendo ancora di più nella Formula E, e saremo più coinvolti nel team MS&AD Andretti Formula E. Abbiamo tre dipendenti che lavorano a tempo pieno con il team in questa stagione. Inoltre stiamo supportando ovunque e comunque possiamo estrarre il massimo dal pacchetto, insieme ai piloti. Inutile dire che stiamo anche organizzando le nostre risorse a Monaco. Allo stesso tempo, anche noi della BMW Motorsport e della BMW i raccogliamo informazioni, il che ci aiuterà a sviluppare il powertrain per la stagione 5. Quel programma è parallelo a questo. ”

- Michael, sei stato coinvolto attivamente in Formula E dal primo giorno. Come si è sviluppata la serie in quel periodo?

Andretti: “È fantastico vedere come il sogno del fondatore di Formula E Alejandro Agag sia diventato realtà. La sua visione era per la Formula E di offrire alle aziende come BMW un palcoscenico su cui competere contro altri produttori in pista. L’ha raggiunto. È un grande onore per noi essere stati coinvolti sin dall’inizio. Facciamo parte del futuro delle corse automobilistiche “.

Jens, hai creduto che la serie si sarebbe sviluppata così bene?

Marquardt: “Sì, ci ho creduto. Ed era anche importante che BMW fosse coinvolta fin dall’inizio come partner ufficiale della serie. C’erano ovviamente alcune cose che abbiamo discusso con Alejandro e i suoi ragazzi. Il nostro coinvolgimento dipendeva da alcuni cambiamenti implementati in Formula E. La tabella di marcia che Alejandro elaborò, con tutti i passaggi tecnici, è stata rispettata nella realtà. Ciò ha semplificato la nostra decisione di essere coinvolti come produttori in pista. Abbiamo quindi trovato una squadra, nel team di Michael, che opera ad alto livello nelle corse automobilistiche e ha una ricca esperienza in Formula E. Quello era davvero uno scenario ideale per noi. Portare questa partnership al livello successivo lavorando insieme nella Stagione 4, mentre allo stesso tempo guardiamo avanti alla Stagione 5, è molto eccitante per tutti noi “.

- Avete entrambi esperienza di sport motoristici in molte categorie di corse diverse. Cosa trovate così affascinante nel progetto Formula E?

Andretti: “Per me personalmente, sono soprattutto i luoghi. Sono davvero impressionato quando arriviamo in luoghi come New York, Parigi, Londra e Hong Kong, dove altre serie di corse hanno cercato di gareggiare per decenni. È incredibile quello che Alejandro e il suo team hanno raggiunto.”

Marquardt: “Per me, è più il lato tecnologico delle cose. In passato, abbiamo parlato spesso del trasferimento di cose dalle corse automobilistiche alla produzione. Non è mai stato applicato più che in Formula E. Qui abbiamo un vero laboratorio tecnico per la nostra tecnologia di produzione. Tutto ciò che facciamo qui è una tecnologia all’avanguardia. Abbiamo esattamente gli stessi ingegneri che hanno sviluppato la BMW i3 e il propulsore elettrico per la BMW i8. Abbiamo detto loro: ‘dimentica tutti i confini che devi considerare in fase di sviluppo e concentrati solo sulle prestazioni, la massima efficienza, il peso più basso e il miglior pacchetto complessivo’. Una volta raggiunto questo punto, considereremo esattamente come possiamo integrarlo nella produzione, ad esempio per i modelli BMW iNext e tutti i futuri modelli BMW i. Per noi, questa è la perfetta realizzazione del nostro motto: dalla pista all’automobile.”

- Prima che iniziasse la tua collaborazione, cosa sapevi e pensavi dei tuoi futuri partner? Michael, cosa sapevi della BMW Motorsport?

Andretti: “Ho sempre seguito ciò che ha fatto la BMW Motorsport e vincono in tutto ciò che fanno. Il nostro team ha già un partner forte in Formula E, in MS&AD, con cui lavoriamo insieme in modo superbo. Il fatto di intensificare anche la nostra collaborazione con BMW è una situazione fantastica.”

Jens, hai lavorato negli Stati Uniti per molti anni. Il nome Andretti aveva già un significato speciale per te?

Marquardt: “Sì, per davvero. Ma questo è successo molto tempo fa. Non penso che Michael conosca davvero questa storia. A dieci anni, correvo sempre con mio fratello a scuola con le nostre bici. Lui era sempre Jackie Stewart, io ero Mario Andretti – perché il padre di Michael era solito guidare quella bellissima John Player Special Lotus del colore nero e oro. Ho anche vinto alcune gare a scuola come Mario Andretti. Sono arrivato in America alla fine degli anni ’90, dove sono stato coinvolto con IndyCars, in cui Michael era un eroe. Ha vinto molte gare, tra cui molte contro la squadra per la quale stavo lavorando. Questo cognome – e Michael stesso, con tutto ciò che ha raggiunto: non si trova molto spesso questo tipo di cose nel motorsport”.

- Quanto bene lavorano insieme tedeschi e americani?

Andretti: “Penso che funzioni bene. Certo, le culture sono un pò diverse, ma alla fine siamo tutti corridori. Ecco di cosa si tratta, quindi parliamo la stessa lingua al riguardo. Abbiamo visto per alcuni anni, con il nostro partner MS & AD Insurance, quanto diverse culture possano integrarsi a vicenda nelle corse automobilistiche “.

Marquardt: “Penso che ci completiamo a vicenda molto bene. Michael e i suoi ragazzi portano alla festa, combinato con l’approccio tedesco a volte piuttosto testardo e serrato, funziona davvero bene, perché è necessario che entrambi abbiano successo. È vero che le culture differiscono un pò, ma alla fine siamo uniti dalla passione che condividiamo per correre”.

- Qual è la tua roadmap per la stagione 5? C’è una roadmap della BMW e una roadmap del team?

Andretti: “Questo è già tutto insieme. Al momento stiamo lavorando duramente insieme nel powertrain per la stagione 5. Allo stesso tempo, stiamo lavorando anche per avere il maggior successo possibile in questa stagione con le vetture MS&AD Andretti. La roadmap è la stessa su entrambi i lati.”

Marquardt: “È davvero una sfida, ed è probabilmente più difficile per Michael e il suo team al momento di quanto non sia per noi della BMW. Devono essere completamente focalizzati sulla stagione 4, sul aspetto delle corse, mentre allo stesso tempo devono preparare i test della nuova vettura, non appena sia pronta. Lo sviluppo del gruppo propulsore è attualmente svolto principalmente a Monaco di Baviera. Tuttavia, dal prossimo anno lavoreremo ancora più da vicino sul lato test e sviluppo. L’obiettivo è ottenere le massime prestazioni ed efficienza dall’inizio della Stagione 5.”

  • shares
  • Mail