Renault Grand Scenic

E' un'auto familiare "pura", ma non rinuncia ad una carrozzeria personale ed ai cerchi da 20".

Renault toglie i veli alla nuova Grand Scenic, sorella maggiorata della monovolume omonima: rispetto a quest’ultima è più lunga di 24 cm (per 4,63 metri complessivi; 1,86 m in larghezza), che le permettono di avere un vano bagagli da ben 765 litri. L’auto, che sarà commercializzata entro la fine dell’anno, si distingue rispetto alla Scenic per via dei gruppi ottici posteriori dal design specifico e, rispetto al modello precedente, vanta un passo allungato e lo sbalzo posteriore ridotto. Di serie i cerchi da 20” che ne esaltano il carattere sportiveggiante, mentre è specifica per la Grand Scenic la tinta “Brun Vision”.

La MPV transalpina è disponibile anche in versione a 7 posti, con i sedili della seconda fila scorrevoli in modo indipendente e quelli della terza a scomparsa per massimizzare la capacità di carico; peraltro ci sono 63 litri di capacità supplementare assicurati dai vari vani portaoggetti, a cominciare dal cassetto “Easy Life” situato davanti al passeggero anteriore: da solo offre una capacità di 11,5 litri. Non mancano dettagli “per famiglie” come i tavolini ripiegabili, dotati di un sistema per fissare i tablet, o le tendine parasole per i passeggeri posteriori.

Curato il comparto tecnologico di sicurezza: la vettura equipaggia di serie il sistema di frenata d’emergenza attiva con rilevamento pedoni e propone anche il dispositivo di assistenza al mantenimento di corsia, il rilevatore di stanchezza ed il cruise control adattivo. All’interno fa bella mostra di sé il sistema infotelematico “R-LINK 2” con touchscreen verticale da 8,7 pollici mediante cui si può intervenire sulla regolazione del sistema “Multi-Sense”: quest’ultimo consente di personalizzare la risposta del pedale dell’acceleratore, del motore, dello sterzo e della trasmissione automatica EDC; agisce inoltre sull’illuminazione dell’abitacolo e sulla cromia della strumentazione. A richiesta l’Head-Up Display a colori e l’impianto audio Bose.

Fra i propulsori diesel figura il collaudato 1.5 dCi da 110 CV, proposto anche con Hybrid Assist: si tratta di un motore elettrico che assiste l’endotermico durante le fasi di accelerazione; il sistema - dotato di un generatore elettrico e di una batteria 48V - recupera l'energia nelle fasi di decelerazione e promette maggiore reattività e consumo di carburante ridotto. I suddetti motori equipaggiano la trasmissione manuale a 6 rapporti, di serie anche per il dCi da 1.6 litri e 130 CV di potenza. A richiesta per il dCi da 1.5 litri c’è la trasmissione automatica EDC a doppia frizione e 7 rapporti, standard sul dCi 1.6 biturbo da 160 CV. Sul fronte benzina ci sono gli Energy TCe da 115 e 130 CV, entrambi con cambio manuale a 6 rapporti.

  • shares
  • Mail