Nuova Mazda CX-3: dotazioni e prezzi

Primo contatto su strada con la urban-SUV giapponese, i prezzi e le dotazioni per l'Italia.

Mazda diffonde il listino ufficiale della nuova CX-3: la SUV entry-level del costruttore nipponico verrà proposta sul nostro mercato con prezzi a partire da 18.800 euro per la versione con motore benzina 2.0 da 150 Cv, trazione anteriore e cambio manuale. Tre i livelli di allestimento, “Essence”, “Evolve” ed “Exceed”: tutte comprendono di serie luci diurne con funzione Leaving/Coming home, volante regolabile in altezza e profondità , alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, ABS, EBD, EBA, DSC, TCS, ESS e i-Stop. Previsti anche i sensori pressione pneumatici (Tyre Pressure Monitoring System), immobilizer e Kit riparazione pneumatici. La garanzia copre invece un periodo di 3 Anni o 100.000km. Al vertice dell’offerta la versione 1.5 turbodiesel da 105 Cv con trazione integrale ed allestimento Exceed: per averla servono 26.750 euro.

Le dotazioni in dettaglio

Nuova Mazda CX-3: primo contatto

Voto 8 Prima impressione
Mazda CX-3

– L’attesa è quasi finita. Ancora poco e la nuova CX-3, a partire dal mese di maggio, arriverà sul mercato Italiano. La rinnovata B-Suv, che si può tranquillamente considerare come un modello strategicamente importante per gli obiettivi espansionistici del costruttore di Hiroshima, si distingue per un design in linea con l’aggiornata gamma: al frontale troviamo quindi l’elegante mascherina pentagonale in soluzione di continuità con i gruppi ottici; quest’ultimi si caratterizzano per un look spigoloso e dal piglio sportivo. Altrettanto riuscita la fiancata, solcata da una nervatura che si protrae dal parafango anteriore a quello posteriore.

I passaruota sono rivestiti in plastica grezza: un particolare che, insieme all’altezza da terra superiore alla media, conferisce all’auto un aspetto “country”. In coda i gruppi ottici richiamano quelli visti sulla nuova Mazda2; da essa deriva anche l’architettura degli interni, minimalista e caratterizzata dal cospicuo pannello del sistema infotelematico, comandabile attraverso una console montata sul tunnel centrale. Non mancano poi una serie di contenuti tecnologici, d’ultima generazione, all’altezza di vetture premium.

Il primo impatto con la vettura, presso il Mazda Space di Barcellona, è senza ombra di dubbio molto positivo. Il giorno successivo, dedicato a un breve test su strada, ho modo di scoprire meglio le sue peculiarità. L’abitacolo avvolge gli occupanti con linee di carattere che esaltano la linea di cintura alta, mentre al di sopra di essa i cristalli e i rivestimenti non invasivi dei montanti conferiscono un senso di ariosità. Al posto di guida si trova facilmente la propria seduta ottimale, grazie alle molteplici regolazioni disponibili. La visuale è buona sia frontalmente sia lateralmente mentre al retrotreno, seppur non sia molto estesa, non presenta mai grosse criticità.

Veniamo ai passeggeri che siedono sui sedili posteriori: in tre lo spazio a disposizione raggiunge la sufficienza. In due, lo spazio a disposizione è discreto e permette di spostarsi in tranquillità e affrontare percorrenze medio-lunghe. Dal vano di carico (350 litri, raggiunti sommando il doppio fondo), invece, mi aspettavo qualcosa in più. La plancia è realizzata con plastiche morbide in grado di appagare a pieno vista e tatto. Positiva anche l’impressione data dai pannelli portiera con plastiche e finiture più rigide, per una sensazione globale di robustezza e qualità. Come anticipato in precedenza sulla Mazda CX-3 non ci sono una miriade di tasti e tastini ma solo quelli indispensabili per controllare tutti i principali comandi di bordo.

Nella parte alta della consolle centrale è alloggiato lo schermo da sette pollici, attraverso il quale si può usufruire di un sistema di navigazione rapido e intuitivo nell’utilizzo. La porzione inferiore è dedicata prevalentemente ai comandi del climatizzatore. Sul tunnel centrale oltre ai comandi per gestire l’interfaccia HMI è presente un vano portaoggetti. Questi, anche se non proliferano in abbondanza, sono comunque adeguati alla tipologia di vettura e in grado di contenere gli oggetti che abitualmente quando guidiamo togliamo dalle tasche.

mazda-cx-3-30jpg

Mi ha sorpreso la marcata personalità del diesel 1.5 AWD

Arriva il momento di guidare. I primi chilometri del test sono a bordo di una Mazda CX-3 SKYACTIV-G 2.0 AWD, con cambio manuale. Nella versione a benzina da 150 CV la vettura mi colpisce positivamente per un comportamento reattivo e dinamico niente male. Interessante anche il sound emesso dal doppio terminale di scarico. L’attenzione, però, poco dopo si focalizza sulla variante diesel, che sicuramente andrà maggiormente nel nostro Paese. Nello specifico ho testato la SKYACTIV-D 1.5 AWD con cambio manuale. Anche in questo caso la Suv nipponica ha sfoderato una marcata personalità. Il motore eroga la potenza (105 CV) in modo lineare e progressivo e lo sterzo non lascia spazio a critiche: è pesante il giusto, veloce nella risposta e preciso nell’impostazione delle curve. Il cambio, con innesti morbidi, lavora in modo corretto.

Ne risultano inserimenti in curva veloci, con l’anteriore che genera grip con decisione e il posteriore che segue con agilità. Merito anche della trazione integrale, che contribuisce a spinger l’auto fuori dalla curva e aprire il gas rapidamente. Nella guida meno esasperata, rollio e beccheggio sono contenute nonostante la taratura delle sospensioni volta a privilegiare il comfort di bordo. La frenata è convincente per potenza e modularità. Gli spazi di arresto sono sempre contenuti e l’impianto non manifesta affaticamenti. Detto questo, per un approfondimento sul comportamento dinamico-comportamentale e un’analisi scrupolosa dei consumi è doveroso aspettare di provare la nuova Mazda CX-3 durante un test drive con una durata maggiore.

Motorizzazioni

La nuova Mazda CX-3 sarà disponibile nelle varianti benzina SKYACTIV-G 2.0 (da 120 cavalli e 150 cavalli) e turbodiesel SKYACTIV-D 1.5 da 105 cavalli, abbinabili alla trasmissione manuale o automatica a sei rapporti. A seconda delle proprie esigenze, i clienti potranno poi optare per la trazione anteriore o AWD. Il listino prezzi, invece, non è ancora stato ufficializzato. In termini di dimensioni, infine, la CX-3 registra una lunghezza di 4.275 mm, una larghezza di 1.765 mm, un’altezza di 1.535 mm e un passo di 2.570 millimetri.

  • shares
  • Mail