BMW Serie 6 Gran Coupè: prova su strada e video test

Agrigento - Le splendide strade della costa ovest della Sicilia, da Palermo fino ad Agrigento hanno fatto fatto da incantevole cornice al nostro test della nuovissima BMW Serie 6 Gran Coupè, prima interpretazione del costruttore di Monaco del concetto di sportiva a 4 porte dalle linee "sfuggenti". Si tratta di un mezzo di cui forse si sentiva la mancanza nella gamma BMW (anche se appartiene ad un segmento di mercato di secondo piano e dai volumi molto contenuti), bramata da tempe da molti clienti ed appassionati del marchio dell'Elica di tutto il mondo. L’origine di questo piccolo segmento costituito dalle berline coupè di lusso risale in linea di massima al 2004, con il lancio della prima generazione della Mercedes CLS: un progetto all’epoca ritenuto quasi azzardato ma che si è rivelato commercialmente vincente. Insieme alla seconda generazione della Serie 6 Coupè “dell’epoca moderna”, il costruttore bavarese ha deciso di lanciare la sua risposta ai cugini di Stoccarda, da poco pressati anche dalla concorrenza, sempre tedesca, della fredda e apparentemente impeccabile Audi A7 Sportback.

Ecco quindi che, nel 2012, la “triade” tedesca è pronta nuovamente a sfidarsi ad armi pari in una fascia di mercato ormai collaudata e ricettiva; tanto che nei prossimi anni vedremo arrivare anche nuovi modelli di berline coupè a cavallo fra il segmento D e quello E. Del resto la prima a muoversi in questa direzione è stata Audi, con la sua A5 Sportback che è già da qualche anno sul mercato ed è sempre più apprezzata da un buon numero di automobilisti (e anche quì la diretta concorrenza non starà a guardare).
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Ma come si inserisce la Serie 6 Gran Coupè in questo contesto? Con una formula che rischia di far tremare il primato della CLS e che, al momento, sembra essere capace di mettere in ombra anche la modernissima e tecnologica A7 Sportback. Perchè la Gran Coupè punta molto su quel piacere di guida tipico delle BMW che, ancora una volta, potrebbe fare la differenza nella scelta finale del cliente. Questa BMW si propone infatti ad un acquirente benestante, distinto, ma che non disdegna la guida sportiva e la possibilità di "condividerla" con famiglia ed amici. La sua tecnologia infatti viene sottolineata principalmente dai motori, sportivi e all'avanguardia, dal cambio semi automatico ad 8 rapporti e dal sistema di gestione dinamica dell'auto, molto vario, efficacissimo e largamente personalizzabile dal guidatore in chiave sportiva.

In questo senso la Serie 6 Gran Coupè sembra avere decisamente qualcosa in più rispetto alle dirette rivali. Ma i suoi “primati” non si fermano qui: la ricetta include una carrozzeria dal design estremamente riuscito, anche più di quello della coupè da cui deriva (se analizziamo il lato posteriore). Se a questo ci aggiungiamo il parco motori più performante ed efficiente della categoria, l'ottima qualità costruttiva ed una cura dell'abitacolo (dalle forme agli accostamenti cromatici) che è forse la migliore oggi tra la gamma BMW, potrete capire come mai la Gran Coupè potrebbe togliere il sonno ad Audi e Mercedes...

La 640i con motorizzazione benzina sei cilindri da 320 cavalli della viene proposta a 81.000 euro, mentre la 640d con il sei cilindri diesel da 313 cavalli ha un prezzo di base di 84.400 euro. Ma scopriamole nel nostro test-drive.

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Design ed interni:sportività formato famiglia ed interni da panfilo


BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

“La BMW Serie 6 Gran Coupé abbina lo stile ed il dinamismo di una coupé con le funzionalità ampliate di una vettura a quattro porte”. E’ con questa formula che il costruttore tedesco definisce la Serie 6 Gran Coupè; ed ha ragione: il cofano motore lungo, le linee muscolose ed atletiche ed il generoso passo vettura sono proprie di una sportiva di razza, piantata a terra e pronta a divorare la strada. A questo, rispetto al modello i derivazione, si aggiunge una cellula abitacolo slanciata, limitata da un tetto sinuoso.La BMW Serie 6 Gran Coupé misura 5007 millimetri in lunghezza, 1894 millimetri in larghezza e 1392 millimetri in altezza.

Al colpo d’occhio l’auto trasmette una forte personalità, specie al posteriore, dove i gruppi ottici diventano quasi elementi strutturali della carrozzeria. La fiancata è altresì incisa e modellata dalla presenza di pronunciate nervature. L’anteriore caratterizzato dal doppio rene chiarisce al primo sguardo la provenienza dell’auto: a questo livello risaltano le modanature galvanizzate, incastonate tra la presa d’aria e i fari fendinebbia.

Le luci abbaglianti ed anabbaglianti a LED contribuiscono a donare un tocco high-tech all’intero complesso. Le porte senza cornice per i cristalli laterali sottolineano il genoma della Gran Coupè, reso ancora più nitido dalla presenza del caratteristico gomito dell’ingegnere Hofmeister nella zona di passaggio del montante C. Il design degli interni, strutturati per creare un collegamento tra i sedili anteriori e la zona posteriore, è elegante ma allo stesso tempo fedele alla tradizione sportiva del marchio, evocata dalla plancia che torna ad essere rivolta al guidatore.

Quest’ultimo diventa ancora una volta il protagonista principale di un abitacolo costruito a regola d’arte, dove spiccano gli originali accostamenti cromatici dei pellami e delle plastiche di elevata qualità: sembra di essere a bordo di un panfilo di lusso. La cura del dettaglio e degli assemblaggi spiazza anche il più accanito dei pignoli: l’aria che si respira è “rarefatta” come quella presente nell’abitacolo della lussuosissima Serie 7, da cui la 6er Gran Coupè eredità la perfezione realizzativa.

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
Ma anche per chi è chiamato a fare il passeggero le sensazioni sono assolutamente positive: si è circondati in un nido elegantemente rifinito e spazioso per tutti gli occupanti. Specie per quelli posteriori che, più degli altri, godono del passo allungato di 113 millimetri rispetto alla BMW Serie 6 Coupé. Last but not least la possibilità di abbattere i sedili posteriori , con la volumetria del bagagliaio che passa da 460 litri ad un massimo di 1265: decisamente non male se considerate che stiamo parlando di una coupè…

L’equipaggiamento di serie comprende il sistema di comando iDrive con il Control Display montato a isola nella plancia ortastrumenti, il volante multifunzione in pelle, l’Active Cruise Control con funzione frenante e specchietti retrovisori esterni riscaldabili elettricamente. Ulteriori allestimenti di serie sono il rivestimento in pelle "Dakota" ed i sedili anteriori riscaldati, la regolazione elettrica dei sedili con funzione di memoria per guidatore e passeggero, il climatizzatore automatico a due zone con funzionalità ampliate, la regolazione elettrica del volante, così come la radio Professional con sistema di altoparlanti HiFi e interfaccia audio USB.

La radio Professional, montata di serie, è dotata di un lettore CD adatto anche alla riproduzione del formato MP3, di un’interfaccia AUX-In e del sistema audio HiFi con nove altoparlanti. Richieste di entertainment più personalizzate vengono soddisfatte con il DVD-changer,un modulo TV e un’interfaccia audio USB. Un piacere di ascolto musicale ai massimi livelli è garantito dal Bang & Olufsen High End Surround Sound System. Il sistema completamente attivo con elaborazione digitale dei segnali include le fasi finali degli amplificatori personalizzate per i due altoparlanti subwoofer e i rispettivi sette altoparlanti midrange e tweeter con una potenza complessiva di 1200 Watt.

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Tecnica: parola d'ordine "sovralimentazione"


BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

I motori attualmente disponibili nella gamma della Serie 6 Gran Coupè sono tutti dotati di iniezione diretta e TwinPower Turbo, per una grande disponibilità di coppia a tutti i regimi che va a tutto vantaggio della guidabilità e contribuisce ad innalzare il grado di efficienza complessivo. La gamma si articola a partire dal propulsore 3.0 a benzina sei cilindri in linea della 640i con turbo twin-scroll, che eroga 320 Cv tra i 5800 ed i 6000 g/min. Il motore mette a disposizione la sua generosa coppia massima di 450 Newtonmetri tra i 1 300 e i 4 500 g/min. Brillanti le prestazioni dichiarate, con uno 0-100 km/h coperto in 5,4 secondi. Il consumo medio di carburante è di 7,7 – 7,9 litri per 100 chilometri, mentre il valore di CO2 emessa oscilla tra 179 e 183 grammi per chilometro.

Ancora più convincente il motore diesel sei cilindri in linea della BMW 640d Gran Coupé con sistema di sovralimentazione variabile a doppio stadio ed iniezione diretta Common-Rail con iniettori piezoelettrici. Costruito interamente in alluminio, questo 3.0 biturbo eroga 313 CV ad un regime di 4 400 g/min. Sacrificando qualcosa sul piano del sound e dell’allungo rispetto al 6 cilindri benzina, ripaga chi lo sceglie con una mostruosa coppia massima di 630 Nm spalmata fra 1500 e 2500 g/min, in grado di far sparire la massa della vettura e proiettarla all’orizzonte con una spinta ancora più decisa rispetto al fratello a benzina: la BMW 640d Gran Coupé accelera da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi, ma è capace di una ripresa sorprendente, anche a partire da regimi bassissimi. Il consumo medio di carburante è di 5,5 – 5,7 litri per 100 chilometri, mentre il valore di CO2 è compreso tra di 146 e 149 grammi per chilometro.

Al top della gamma, in attesa dell’arrivo della vociferata M6 Gran Coupè, si pone il V8 biturbo della 650i Gran Coupé, che di “puledri” ne annovera addirittura 450 CV già a 5500 rpm e sarà presto disponibile anche con la trazione integrale xDrive. Dotato dell’iniezione diretta di benzina e del sistema di alzata valvole variabile VALVETRONIC, accelererà da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi con un consumo medio di carburante di 8,6 – 8,9 litri per 100 chilometri. Merito anche dei 650 Nm di coppia motrice, erogati tra i 2000 ed i 4500 g/min. Il valore di CO2 emesse è compreso tra 199 e 206 g/km.

Tutte sono equipaggiate con un cambio automatico a otto rapporti, con la funzione start/stop automatico e la modalità di marcia ECO PRO, ideata per chi bada ai consumi ed al rispetto dell'ambiente. Non mancano misure intelligenti come la funzione di recupero dell’energia di frenata, lo sterzo elettromeccanico, gruppi secondari comandati in base al fabbisogno effettivo, il compressore del climatizzatore disaccoppiabile, il controllo attivo delle prese d’aria e un sistema di regolazione dell’assetto con tecnologia delle pompe funzionante in base alla richiesta effettiva: il tutto col target di garantire la massime prestazioni col minimo dei consumi.

Le quattro porte con cristalli laterali senza cornice sono realizzate in alluminio, analogamente al cofano motore. Anche nella costruzione degli assi e dei motori è stata utilizzata un’elevata quota di leghe leggere. Le molle anteriori sono in alluminio pressofuso, le fiancate anteriori in materiale sintetico e il cofano del bagagliaio in materiale composito in fibra di vetro. L’utilizzo di acciai multifase ad altissima resistenza e di acciai ultraresistenziali lavorati a caldo conferisce all’abitacolo la massima resistenza ed un peso ottimizzato.

La tecnica di assetto della BMW Serie 6 Gran Coupé si basa su un asse anteriore a doppio snodo e un asse posteriore Integral, entrambi realizzati quasi interamente in alluminio. Il loro principio costruttivo offre le premesse ideali per assicurare caratteristiche di guida sportive in combinazione con una taratura confortevole delle sospensioni. La BMW Serie 6 Gran Coupé è disponibile con l’optional Dynamic Damper Control dove gli ammortizzatore a regolazione elettronica che seguono adattivamente le particolarità del fondo stradale e lo stile di guida del conducente. Le caratteristiche di guida possono essere ulteriormente ottimizzate dal sistema Adaptive Drive con stabilizzazione antirollío, offerto come optional.

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

La guida: genoma da vera coupè


BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Come anticipato nell'introduzione, la guida è senza dubbio da annoverarsi tra i punti di forza dell'ultima nata della famiglia "Sei" di BMW; si perchè, pur essendo una berlina lunga e non leggerissima, la Gran Coupè si lascia guidare in modo egregio, lasciando ampio margine anche al divertimento di guida e a quel feeling sportivo donato dal grande controllo che sa regalare nella gestione del pacchetto "acceleratore/volante". Nonostante il suo passo, non certo dei più contenuti, l'auto si dimostra reattiva nei tratti più guidati, solida nello sterzo e rapida nei cambi di direzione senza accennare a ritardi o inneschi di sottosterzo.

Ovviamente è la trazione a dominare la scena, soprattutto con la motorizzazione a gasolio del modello 640d che, pur lamentando qualche cavallo in meno agli alti regimi ed un allungo inevitabilmente inferiore rispetto alla sorella a benzina, può contare su una grande rapdità di risposta sin dai bassimi regimi e su una coppia motrice decisamente strabordante, che porta l'auto a grandi velocità in pochissimo tempo. La trazione posteriore poi facilita il gioco, ben assecondata da un telaio rigido e molto preciso che si lascia guidare con facilità anche su fondi sconnessi o a bassa aderenza (come accade spesso sui vecchi asfalti siciliani).

Il "gioco" inizia selezionando le modalità di guida dalla console centrale dove si può scegliere tra “COMFORT”, “SPORT”, “SPORT+” e il modo "ECO PRO". Quest'ultimo, ovviamente, supporta uno stile di guida parco nei consumi, facendo lavorare la trasmissione affiché i propulsori lavorino sempre a basso regime.In combinazione con gli optional Dynamic Damper Control o Adaptive Drive, è disponibile anche la modalità di guida “COMFORT+” mirata ad un comportamento quanto mai dolce e rilassante. Ricordiamo che il pulsante di selezione della modalità di guida influenza la progressione del pedale dell’acceleratore, la rapidità di risposta del motore, la curva caratteristica della servoassistenza, le impostazioni del DSC, la dinamica di cambiata del cambio automatico e, qualora disponibile nella vettura, anche la mappatura degli ammortizzatori e la stabilizzazione antirollío.

Le differenze tra i vari programmi di marcia sono piuttosto evidenti e dimostrano la grande flessibilità di quest'auto; la gioia dei guidatori più sportivi è chiaramente da ricercarsi nella modalita "Sport +" che regala uno sterzo e un motore molto reattivi, un assetto rigido e ben tarato e un buon livello di "liberta del posteriore". Con questa modalità infatti si può guidare veramente "forte" con un livello pazzesco di sicurezza attiva. E' possibile infatti entrare con molta decisione in curva, sicuri che l'anteriore chiuderà al meglio la sua traiettoria verso l'interno, per poi riaprire il gas in uscita con rapidità e sicurezza, dal momento che l'ESP permette un certo grado di imbardata del posteriore prima di riallineare l'auto: è quindi possibile chiudere la curva in leggera sbandata, senza mai rischiare di incorrere in inaspettate perdite di aderenza o, ancor peggio, in testacoda.

Il sistema infatti si dimostra piuttosto "intellingete" e asseconda i guidatori più smaliziati con efficiacia e fluidità, rendendo l'auto veloce e sicura come nessun' altra vetture di questa categoria riesce a fare, soprattutto se si tiene conto del piacere di guida legato a questi comportamenti dell'auto. In pratica, se dopo la scodata concessa dal sistema il guidatore è rapido nel riallinemanto dell'auto con lo sterzo, il sistema entra in azione in maniera quasi impercettibile e non interviene sul taglio dell'acceleratore, evitando così che l'auto perda eccessiva velocità durante la manovra.

Anche il cambio si dimostra veramente al top per rapidità della risposta, spaziatura dei rapporti e comodità di azionamento. Un altro tasto, infine, serve a definire separatamente le impostazioni del DSC, così da attivare la modalità di trazione DTC (Dynamic Traction Control) che facilita per esempio la partenza sulla sabbia o su fondi morbidi e a bassa aderenza (come la neve). Non manca anche la modalità di guida DSC-Off: lode a BMW per questo! la casa tedesca si mantiene infatti tra i pochissimi costruttori ad offrire un sistema di esclusione reale e completo sia del controllo della trazione che del controllo di stabilità.

Addirittura nella modalità DSC-Off entra in azione un intervento dinamico dei freni, simile alla funzione elettronica di bloccaggio del differenziale dell’asse posteriore, che aiuta nelle perdite di aderenza a bassa velocità ed evita che la ruota interna alla curva pattini in modo eccessivo, rallentando fortemente l'auto. Così in questa situazione la ruota motrice con meno grip viene opportunamente frenata in modo mirato, senza penalizzare l'accelerazione dell'auto.

L'erogazione della potenza è molto progressiva anche sulla verisone diesel: tuttavia, sotto questo aspetto, l'unità motrice a benzina a 6 cilindri ha chiaramente la meglio, offrendo un migliore comfort acustico e un tiro costante e molto lineare a qualsiasi regime. Un elogio a parte invece meritano i consumi della versione diesel che si attestano come al solito tra i milgiori in assoluto nel rapporto consumo/prestazioni: in autostrada a velocità costante o su strada extra urbane prive di riaccelerazioni, si riescono a raggiungere facilmente i 13km/l; un valore decisamente importante per un'auto di queste dimensioni.

Ottimo anche il comfort a bordo, con un livello di rumorosità interna da riferimento, qualità immancabile su questo segmento di mercato e su un'auto di tale prestigio. La BMW Serie 6 Gran Coupé, infine, è l’unica vettura di questa categoria equipaggiabile con l’optional dell'Integral Active Steering. Quest'ultimo oltre alla regolazione della servoassistenza in funzione della velocità e dell’angolo di sterzo delle ruote anteriori, interviene anche anche sull’angolo di sterzo delle ruote posteriori, con chiari benefici in termini di agilità.

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Pregi e difetti


BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Piace
Finiture interne e accostamenti cromatici al top
Linea posteriore filante e sinuosa
Coppia e progressione del motore diesel
Cambio otto rapporti
Capienza abitacolo
Piacere di guida e sportività di base

Non Piace

Cambio manuale non disponibile
Peso leggermente migliorabile

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Scheda tecnica BMW 640d Gran Coupè


BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Peso
Massa a vuoto UE in kg 1.865
Massa complessiva in kg 2.390
Carico utile in kg 570
Carico ammesso sull’assale anteriore/posteriore in kg 1.140/1.305

motore
Cilindri/valvole per cilindro 6 / 4
Cilindrata in cm3 2.993
Corsa/alesaggio in mm 90,0 / 84,0
Regime nominale in kW (CV)/giri/min 230 (313) / 4.400
Coppia max. (Nm) a giri/min 630 / 1.500-2.500
Rapporto di compressione : 1 16,5 / Diesel
Tecnologia motore: BMW TwinPower Turbo con due turbocompressori (sovralimentazione bistadio variabile) e iniezione diretta
Common-Rail con iniettoripiezoelettrici (pressione max. d’iniezione: 2000 bar)
Telaio
Sospensioni anteriori asse a doppio snodo in costruzione di alluminio, piccolo braccio a terra,
riduzione del beccheggio in frenata
Sospensioni posteriori asse multilink Integral-V in alluminio, sterzabile, compensazione del beccheggio
in partenza e in frenata, doppio isolamento acustico
Freni anteriori a disco, pistone unico e pinza flottante in alluminio, struttura a telaio
Freni posteriori a disco, pistone unico e pinza flottante in alluminio
Sterzo servosterzo elettromeccanico (EPS) con funzione Servotronic,
optional: Integral Active Steering

Cerchi e penumatici
Dimensioni pneumatici ant. 225/55 R 17 97Y
Dimensioni pneumatici post. 225/55 R 17 97Y
Dimensioni e materiali ruote anteriori 8 J x 17, lega leggera
Dimensioni e materiali ruote posteriori 8 J x 17, lega leggera

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
Equipaggiamneti di Sicurezza
Sistemi di stabilità: DSC incl. ABS, ASC e DTC (Dynamic Traction Control), assistente
frenata in curva CBC, assistente frenata DBC, funzione freni asciutti,
compensazione del fading, assistente partenza, Dynamic Damper Control 2);
optional: Adaptive Drive

Sicurezza di guida: airbag per guidatore e passeggero, airbag laterali per guidatore e
passeggero, airbag per la testa per i sedili anteriori e posteriori, cinture
automatiche a tre punti per tutti i sedili, davanti tendicintura e limitatore di
sforzo intgrati nei sedili, davanti poggiatesta attivi anticrash, sensori crash,
pneumatici runflat, indicatore avaria pneumatici

Consumo
Urbano l/100 km 6,9-6,8
Extraurbano l/100 km 4,9-4,8
Ciclo misto (in l/100 km) 5,7-5,5
Emissioni di CO2 in g/km 149-146
Capacità del serbatoio in l (circa ) 70

Prestazioni
Velocità massima in km/h 250
Rapporto peso/potenza kg/kW 7,8
Potenza specifica kW/l 76,8
Accelerazione 0–100 s 5,4
0–1000 m s 24,7

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

Prezzi e allestimenti:


BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

BMW 640d Gran Coupé:

-BMW 640d Gran Coupé Excellis: 84.400 €
-BMW 640d Gran Coupé Luxe: 89.000 €
-BMW 640d Gran Coupé Sport Design: 93.600 €
-BMW 640d Gran Coupé Exclusive: 97.300 €
-BMW 640d Gran Coupé Exclusive Individual: 104.000 €

BMW 640i Gran Coupé:

-BMW 640i Gran Coupé Excellis: 81.000 €
-BMW 640i Gran Coupé Luxe: 85.600 €
-BMW 640i Gran Coupé Sport Design: 90.200 €
-BMW 640i Gran Coupé Exclusive: 93.900 €
-BMW 640i Gran Coupé Exclusive Individual: 100.600 €

BMW 650i Gran Coupé:

-BMW 650i Gran Coupé Excellis: 95.500 €
-BMW 650i Gran Coupé Luxe: 99.150 €
-BMW 650i Gran Coupé Sport Design: 104.500 €
-BMW 650i Gran Coupé Exclusive: 107.400 €
-BMW 650i Gran Coupé Exclusive Individual: 114.100 €

BMW 650xDrive Gran Coupé:

-BMW 650i xDrive Gran Coupé Excellis: 98.900 €
-BMW 650i xDrive Gran Coupé Luxe : 102.550 €
-BMW 650i xDrive Gran Coupé Sport Design: 107.900 €
-BMW 650i xDrive Gran Coupé Exclusive: 110.800 €
-BMW 650i xDrive Gran Coupé Exclusive Individual: 117.500 €

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog
BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

BMW Serie 3 2012: il test di Autoblog

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: