Rubrica Amarcord: Simca 1000

Simca 1000

Prosegue il viaggio spazio temporale della Rubrica Amarcord. Nella puntata odierna non vi parleremo solamente di un modello estinto bensì di una vettura la cui stessa casa costruttrice non esiste più. Stiamo parlando della Simca 1000. Prima di raccontarvi la storia di quest’auto è doveroso, soprattutto per i più giovani (che magari sentono questo nome per la prima volta), spendere due parole sull’Azienda.

La Simca – acronimo di Societé Industrielle de Mecanique et Carrosserie Automobile- anche se ha il passaporto francese nasce dalle idee e dal coraggio di un imprenditore italiano, Enrico Teodoro Pigozzi, che negli anni trenta apre uno stabilimento a Nanterre. Qui, inizialmente vengono prodotti su licenza alcuni modelli Fiat riadattati per assecondare i gusti e le esigenze del mercato d’Oltralpe. Il primo modello “autonomo” è la Simca 9 Aronde del 1951.

Chrysler, nel 1958, invaghita dalla Casa francese ne compra una quota azionaria. Due anni dopo la Casa americana rileverà completamente la Simca, che da quel momento si chiamerà Chrysler France. Nello stesso decennio, in seguito alla crisi finanziaria e globale, verrà anche ceduta al Gruppo PSA nel 1978. Quest’ultimo deciderà poi di sopprimere il marchio, anche se continuerà ancora per qualche tempo a realizzare e produrre alcuni modelli.

Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000

La nascita del modello

Dopo questa parentesi torniamo, anzi, incominciamo a parlare della Simca 1000. Si tratta d’una piccola berlina -presentata per la prima volta al pubblico nel 1961- disegnata dal Centro Stile Fiat, diretto dal grande Felice Mario Boano, seguendo le linee squadrate ideate da Mario Ravelli. Inizialmente l’auto adotta un motore a quattro cilindri, in grado di sviluppare 45 CV-SAE e toccare i 120 km/h, montato al posteriore.

Tre gli allestimenti disponibili: L, GL e GLS. Ad esso si affiancherà poi una versione semplificata e più economica rappresentata dalla Simca 900. Nell 1968 avviene il primo restyling, che rinvigorisce le linee e rivede alcuni particolari. Esteticamente parlando spiccano i gruppi ottici dalle dimensioni maggiori (rispetto alla versione precedente), una griglia a listelli orizzontali cromati e inediti fari posteriori, oltre agli interni completamente rivisti.

La gamma dei propulsori comprende ora un 777 cc da 31 CV-DIN montato sulle versioni Sim’4 per il mercato interno, il classico 944 cc e un 1118 cc con 49 CV-DIN. Quest’ultimo equipaggerà solamente la versione Special.

Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000

Le Rallye

Nel 1970 nasce la prima, vera, sportiva: la 1000 Rallye, mossa da un 1118 cc con una potenza di 53 CV-DIN. Facilmente riconoscibile grazie al particolare look corsaiolo che le dona fari supplementari e un cofano nero opaco, indipendentemente dal colore scelto per la carrozzeria. Solamente due anni più tardi arriva l’evoluzione chiamata Rallye 1. L’abito non cambia, ma il cuore sì. Viene infatti adottato un 1294 da 60 CV-DIN che porta la vettura fino alla soglia dei 155 km/h.

Nel 1973 arriva poi la Rallye 2. Il motore 1.2 litri viene abbinato a due carburatori a doppio corpo e raggiunge gli 82 CV-DIN e una velocità massima di 170 km/h. Questo incremento di potenza porta all’adozione di quattro freni a disco e a un irrigidimento della scocca.

Nel 1975 un secondo, lieve, restyling porta degli aggiornamenti stilistici che riguardano prevalentemente l’abitacolo con l’introduzione di nuovi allestimenti. Le uniche variazioni esterne riguardano il frontale con ampi fari rettangolari, una grigliatura nera in plastica e un nuovo cofano con il profilo dritto. Nel ’76 invece viene presenta la Rallye 3, che con lo stesso motore del modello precedente riesce ad erogare ben 106 CV-DIN e toccare i 180 km/h.

Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000

Fine Carriera

A distanza di qualche mese però, in seguito alla presentazione della Horizon –primo modello della gestione PSA, subentrata a Chrysler France- inizia la parabola discendente della Simca 1000. La commercializzazione di questa vettura si conclude nel 1978, dopo 16 anni di onorata carriera e ben 1,6 milioni di esemplari prodotti.

Simca 1000
Simca 1000
Simca 1000

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: