IED: prima anticipazione della Cisitalia 202 E


Gli studenti dell’Istituto Europeo di Design saranno presenti al salone di Ginevra (8-18 marzo) con la più bella macchina che Henry Ford II ammise di aver visto. Si tratta della Cisitalia 202 E, una reinterpretazione della Cisitalia 202 voluta nel 1947 da Piero Dusio, progettata dall’ingegner Giovanni Savonuzzi e figlia anche di Battista “Pinin” Farina, Castagna e Vignale che lavorarono alle sue forme. La 202 E (dove E sta per Evolution) misura 4.27 metri in lunghezza, 1.85 in larghezza ed 1.24 in altezza, per un passo di 2.65 metri. Il corpo vettura a due posti si caratterizza per i grossi cerchi in lega da 19 pollici e per i volumi compatti, disegnati in ossequio a quell’ideale di “scultura in movimento” con cui il MoMa di New York promuove la 202 (dov’è attualmente esposta).

Il significato dell’aggettivo Evolution viene espresso dal motore V8, collocato in posizione anteriore e accreditato di circa 450 CV. Questo numero suona quasi offensivo se rapportato agli appena 55 CV della 202 originale, che utilizzava un quattro cilindri da 1.089 cc. La Cisitalia 202 pesava appena 780 chili e poteva raggiungere una velocità massima di 160 km/h.


  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: