Roma: nuovo piano per il traffico; dal 2017 la ZTL divisa in 4 zone

In arrivo una vera e propria rivoluzione per il centro storico, l'anello ferroviario e le strisce blu.

Roma's mayor in Via dei Fori Imperiali

Roma - E’ stato approvato dalla giunta comunale capitolina il nuovo piano di regolamentazione del traffico: andrà in vigore nel 2017, con l’obiettivo di ridurre l’uso dell’auto del 7% ed aumentare del 6% l’uso dei mezzi pubblici. Rivoluzionata la mobilità all’interno dell’anello ferroviario e della ZTL. Quest’ultima sarà divisa in 4 settori (Tridente-Trevi, Viminale-Monti, Farnese-Portico d’Ottavia e Navona-Pantheon), con i permessi rilasciati agli aventi diritto validi esclusivamente per circolare nella propria zona di appartenenza e non più per tutto il centro storico; una strategia varata nell’ottica di organizzare il traffico secondo uno “schema di circolazione che impedisca l’attraversamento est-ovest del centro”. Prevista anche una “limitazione del numero dei varchi di accesso utilizzabili in entrata da parte degli autorizzati” e il “controllo delle uscite”. In poche parole si potrà transitare in ZTL solo attraverso i varchi del proprio settore di appartenenza. Previste anche zone ad emissioni zero, vietate a tutti i veicoli. Confermato l'aumento del costo dei parcheggi dentro le strisce blu: si passa da 1 a 1,50 euro ogni ora, con la tariffa massima applicabile fissata a 3 euro l’ora nelle zone di “particolare rilevanza urbanistica”, mentre sono stati aboliti gli abbonamenti mensili e giornalieri per la sosta.

Tutte le news su Roma

Sempre nel 2017 saranno completamente riviste le modalità di circolazione all'interno dell'anello ferroviario, con varchi elettronici capaci di contare il numero di accessi di ogni veicolo: gli ingressi saranno regolati con dei "pacchetti di accesso" numerati e limitati, indicati come “bonus mobilità”, che saranno erogati a tutti i cittadini a seconda di parametri prestabiliti. Ad ogni passaggio attraverso i varchi, i bonus verranno scalati fino ad esaurimento degli stessi: a quel punto per accedere all’interno dell’anello ferroviario bisognerà pagare una tariffa variabile a seconda della tipologia dell'auto. Sempre all’interno dell’anello ferroviario è previsto un progressivo blocco dei veicoli più inquinanti: stop alle auto euro 0 da novembre 2015, alle euro 1 a benzina ed euro 2 diesel da novembre 2016, alle euro 2 a benzina e alle euro 3 diesel da novembre 2017. Inoltre non si potrà più parcheggiare lungo le principali arterie romane: una misura scelta per fluidificare il traffico; mentre dovrebbero essere potenziati ed ampliati i servizi pubblici e quelli di bike e car sharing.

Il nostro obiettivo non è fare cassa, vogliamo invece cambiare i comportamenti dei cittadini - spiega l’assessore capitolino alla mobilità, Guido Improta - Riteniamo che al diritto alla circolazione, che non è più agibile, si debba sostituire quello alla mobilità”. Ma l’opposizione non è d’accordo: “Mettere dei varchi lungo l’anello ferroviario e chiedere un pedaggio a tutti i cittadini romani mentre si continuano a tagliare le linee del trasporto pubblico è da irresponsabili”, afferma Alessandro Onorato, capogruppo della Lista Marchini. E Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma, ci va giù ancora più pesante: “Noi saremo in prima linea contro il ticket sull’anello ferroviario, anche a costo di proteste clamorose come quella di sfondare i varchi e di impedire con la protesta questo esproprio della città”.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: