Test Alfa Romeo Giulietta iMove Marangoni

La Giulietta G430 iMove Marangoni è la nuova demo car 2011 equipaggiata con gli speciali pneumatici verdi M-Power iGreen e numerosi particolari estetici e meccanici, il nome è un omaggio alla Ferrari 430 della quale riprende con forza la parte bassa del paraurti anteriore e la forma dell'estrattore posteriore. Per il resto nulla è stato lasciato al caso dagli interni, alle sopensioni, dal motore all'elettronica di gestione, per una elaborazione stilisticamente coerente e ben realizzata in ogni dettaglio.

L'auto nasce da una iniziativa di Marangoni Tyre, azienda italiana produttrice di pneumatici presenta la nuova demo car 2011. Marangoni prosegue in questo modo la tradizione che la vede protagonista da diversi anni nella realizzazione di progetti originali, abbiamo ultimamente visto nascere infatti negli anni passati delle interessanti show-car quali la Fiat 5.0.0., l’Alfa MiTo M430 e la Nissan 370 Z-HYDRO, che hanno destato una buona curiosità nel mondo dell’auto.

Il 2011 prevede il ritorno ad un’auto italiana, il lavoro ha infatti come protagonista la nuova Alfa Romeo Giulietta 1750 Quadrifoglio verde. Il concetto che ha ispirato il progetto di quest’anno è la mobilità nel mondo moderno con un occhio all’ambiente, l’auto infatti utilizza gli speciali pneumatici “M-Power iGreen”, realizzati per questa vettura nella misura 235/35R19, ma per muoversi nelle città caotiche o nelle aree pedonali propone l’utilizzo di un monopattino elettrico il Segway i2 - che trova spazio nel bagagliaio della vettura. Il risultato si chiama Giulietta G430 iMove Marangoni e anche per questa vettura il progetto di preparazione è stato curato dal centro stile TRC Italia.

Giulietta TRC Marangoni

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Giulietta TRC Marangoni

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Uno dei colori scelti per la parte estetica è stato un modaiolo verde acido, in netto contrasto con il grigio antracite opaco della carrozzeria della Giulietta G430 iMove Marangoni.
E’ così che per la nuova show car, Marangoni ha realizzato delle speciali coperture, derivate dalle Marangoni M-Power, il nuovo prodotto ultra high performance che la casa italiana si appresta a lanciare sul mercato.
La gamma Marangoni M-Power è il frutto degli importanti investimenti in tecnologia e ricerca che hanno permesso all’azienda italina la realizzazione di un prodotto dall’anima sportiva, estremamente performante e progressivo, progettato per dare il massimo piacere di guida e i più elevati livelli di sicurezza. In questa versione sperimentale e colorata, gli M-Power diventano M-Power iGreen, che grazie all’utilizzo di mescole ad alto contenuto di silice e a materiali innovativi riducono al massimo la resistenza al rotolamento e quindi in percentuale e a parità di andatura e di sezione del pneumatico, anche il consumo di carburante. A completamento di un progetto che come sempre ha un’anima Made in Italy, sono gli interni dell’auto, realizzati dall’italianissimo marchio di abbigliamento Conte of Florence, interni realizzati nello stesso colore verde dei pneumatici M-Power iGreen, che danno all’auto un mood moderno, sportivo e raffinato al tempo stesso.

Interni
L’abitacolo è stato progettato e realizzato grazie ad una partnership con l’azienda fiorentina Conte of Florence già leader del segmento dello Sportswear di prestigio. Nello studio degli interni, oltre all’utilizzo di materiali pregiati quali la pelle, l’Alcantara e il carbonio, Conte of Florence ha identificato nel Quilting il leitmotiv quale legame alla tradizione del golf scozzese. Inoltre il marchio ricamato di generose dimensioni ricorda il logo Tour Line, indossato con orgoglio dai testimonial della Marca nelle gare ufficiali. I colori grigio e verde riprendono uno dei temi della Collezione autunno Inverno 2010-11.

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Carrozzeria e design
Non sarà difficile intuire la derivazione del design donato alla Giulietta G430 iMove Marangoni, in quanto lo stesso nome ne testimonia la fonte di ispirazione. Il paraurti anteriore presenta due ampie prese d’aria con un deflusso indirizzato verso l’impianto freno ora molto più potente. Per quanto riguarda il posteriore, il diffusore originale è stato asportato e sostituito con un nuovo componente realizzato in carbonio, che presenta vistosi estrattori dell’aria sempre in stile F430. Filanti minigonne sempre in carbonio chiudono il body kit della vettura, raccordando perfettamente i due assi. L’alettone sul lunotto è stato lievemente rialzato per aumentare la grinta.
La scocca e la carrozzeria sono state completamente riverniciate utilizzando uno speciale colore grigio antracite a grana molto fine su cui è stato passato del trasparente opaco al 100%.

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Kit Potenza
Il motore può contare ora su una potenza di 286cv, ben 51cv in più della versione originale, con una possente erogazione fino dai bassi regimi. Il kit potenza prevede l’adozione di una nuova turbina con che lavora su cuscinetti volventi con piste ceramicate il rapporto A/R è maggiore rispetto all'unità di serie così come pure la portata d'aria, è presente poi un down pipe con catalizzatore metallico incorporato e scarico completo Ragazzon in acciaio inox, lo scarico è ovviamente di diametro maggiorato per diminuire la contropressione a valle della turbina. L’aspirazione dell’aria è stata modificata utilizzando uno specifico air box in carbonio.

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Dotazioni
La Giulietta G430 iMove Marangoni è stata abbassata di circa 4cm mediante l’adozione di un assetto a ghiera filettata KW che ne permette la regolazione dell‘altezza e la taratura in estensione e compressione degli ammortizzatori. Il già importante impianto freni di serie è stato sostituito con delle pinze innovative Tarox B360 a 10 pistoni e dischi compositi dotati di fasce frenanti diametro 360x26 per una frenata di una potenza assoluta e modulabile allo stesso tempo. I pneumatici verde acido Marangoni M-Power iGreen, nella misura 235/35R19 Y, ottenuti aggiungendo alla mescola speciali pigmenti fluorescenti, sono montati su ruote Barracuda modello Karizzma 8,5x19 . Il risultato è un accattivante abbinamento verde-nero che dona ancora maggiore sportività alla Giulietta G430 iMove Marangoni. Tutti i componenti progettati per la Giulietta G430 iMove Marangoni saranno commercializzati nel 2011 dall’azienda fiorentina TRC Italia.

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Alla guida
Dopo aver provato nel 2010 la Nissan 370Z eravamo decisamente curiosi di testare questa nuova show cara. Durante il primo approccio cerchiamo di entrare in sintonia con la vettura saggiandone principalmente la direzionalità e la risposta al volante negli inserimenti in curva e nei trasferiemnti di carico, si nota subito un limitato rollio (anche forzando la velocità di ingresso in curva) mentre risulta molto potente e modulabile la frenata, questo grazie ad un assetto ben bilanciato che pur se sportivo (-4cm rispetto all'originale) non eccede verso una eccessiva rigidezza. L'impianto frenante Tar-Ox con pinze da ben 10 pistoncini incute un pò di timore inizialmente soprattutto nell'uso stradale, salvo ricredersi rapidamente quando si inizia a utilizzare il pedale con decisione, la forza decelerante non è mai troppo aggressiva pur garantendo una riserva di potenza e una stabilità del pedale elevata anche nell'uso intenso in pista. Intanto le temperature di esercizio hanno raggiunto i valori ottimali e iniziamo ad aumentare il ritmo sfruttando a pieno la potenza del motore. La progressione della vettura è decisamente sorprendente, ancor più se la spinta viene messa in relazione con la cilindrata di soli 1750cc, gli oltre 280Cv del motore si fanno sentire soprattutto dopo i 3.000 giri con un allungo piacevolissimo fino alla soglia dei 7.000 giri. Il sound di aspirazione mixato con quello della turbina si fa sentire nell'abitacolo e offre una colonna sonora intrigante nella guida sportiva. La trazione è buona e anche nelle curve strette le Marangoni di grande sezione riescono a scaricare la grande potenza a terra pur evidenziando un pò di pattinamento nelle marce più basse. Sul guidato veloce l'auto ha un comportamento molto simile ad un'auto da rally nelle reazioni al volante e nella precisione di guida, l'assetto è rigido ma non troppo e soprattutto è ben accoppiato alla telaistica di base della Giulietta. In inserimento l'auto chiude rapidamente la traiettoria, grazie al bilanciamento dei pesi e alle ruote di larga sezione, il sottosterzo di potenza resta limitato a meno di esagerare con lo sterzo nelle curve più strette. Nei rapidi cambi di direzione resta coerente anche il comportamento del posteriore ben incollato a terra che così rende l'auto più facile e sicura.

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

Un Segway nel bagagliaio
All’interno del baule della Giulietta G430 iMove Marangoni è stato inserito un Segway i2 personalizzato con i colori della vettura. Il piccolo mezzo elettrico di movimento è brevettato e commercializzato da Segway Inc. con l’obiettivo di sviluppare soluzioni innovative per il trasporto, basate su una tecnologia di “stabilizzazione dinamica” in grado di coniugare elevata efficienza e zero emissioni. Lo strumento è dotato della tecnologia LeanSteer, un’innovazione ingegneristica che rende il Segway i2 ancora più intuitivo, attraente e facile da utilizzare, facendo si che tutti i movimenti della macchina siano controllati dalla direzione in cui il guidatore muove il suo corpo. Il Segway i2 raggiunge una velocità massima di 20km/h e con una sola carica le batterie lithium-ion è in grado di viaggiare per 38 km. La guida è facile e tutto viene comandato con i movimenti del corpo spingendo il busto in avanti il segway procede in avanti spostando il peso del corpo indietro frena e poi va in retromarcia, per girare c'è un manopola sul manubrio (che resta fisso) ma ruotando la manopola verso destra o verso sinistra si comanda la direzione del segway, basta poco tempo per entrare in sintonia con il mezzo elettrico che si rivela pratico e utilissimo soprattutto negli ampi agglomerati urbani o nelle zone a traffico limitato.

Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni
Giulietta TRC Marangoni

  • shares
  • Mail
41 commenti Aggiorna
Ordina: