Francoforte 2009: la Opel Calibra compie 20 anni

20 anni Opel Calibra

Tra poco più di un mese, aprirà i battenti il Salone di Francoforte e ciò rappresenta una ghiotta occasione per parlarvi di vetture esposte in passato alla kermesse tedesca, come la Opel Calibra. Quest'auto fu presentata vent'anni fa, all'edizione 1989 del Salone di Francoforte. Nata sulla piattaforma della Vectra A, aveva il compito di sostituire la Opel Manta, una coupé a trazione posteriore.

Il design della Calibra fu affidato a Wayne Cherry, il quale era anche a capo del progetto Vectra. Cherry seppe conferire alla vettura uno stile moderno: infatti, la Calibra si presentava con un frontale composto da fari sottili, di forma rettangolare e a sviluppo orizzontale. In controtendenza rispetto alle altre coupé che presentavano i tipici fari anteriori a scomparsa. Inoltre, la carrozzeria fu studiata nella galleria del vento, dopo quattromila ore di test. Ne uscì una linea molto profilata, come testimoniato dal valore 0,26 di coefficiente aerodinamico.

La nuova coupé di Opel risultava anche elegante e spaziosa. Lunga quasi 450 cm e con un passo di 260 cm, la Calibra offriva un abitacolo accogliente per quattro persone. Un'altra dote della vettura era la praticità di carico, garantita dal portellone posteriore che celava il bagagliaio di 300 litri. Al momento del lancio, la Opel Calibra era disponibile in due motorizzazioni benzina, entrambi ad iniezione elettronica: un 2.0i a otto valvole da 115 CV e il 2.0i 16V da 150 CV. La vettura arrivò in Italia nell'estate 1990. Le sue dirette concorrenti furono la Toyota Celica, la Volkswagen Corrado, la Mitsubishi Eclipse e, alcuni anni dopo, la Fiat Coupé.

20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra

20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra

La Calibra fu subito ben accolta dal mercato che ne apprezzava la linea sportiva. Nel 1991, fu la volta della 2.0i Turbo 16V 4x4 da 204 CV, la quale si poneva al top di gamma. Abbinata alla trazione integrale e ad un cambio meccanico a 6 rapporti, la Calibra Turbo 4x4 sfiorava i 250 km/h di velocità massima. Nel 1994, la Calibra fu sottoposta al restyling di metà carriera, riconoscibile per il badge Opel posizionato dentro al muso e non più sul cofano. I motori 2.0 a 8 e 16 valvole furono sostituiti da due nuove unità della famiglia EcoTec: un 2.0i 16V da 136 CV e il 2.5i V6 da 170 CV.

L'uscita di produzione della Calibra risale al 1997, dopo 238.647 esemplari realizzati nell'impianto tedesco di Russelsheim e, in piccola parte, in quello finlandese di General Motors. La vettura non fu sostituita a breve ma, solo nel 2000, dalla Astra Coupé assemblata in Italia dalla Carrozzeria Bertone. La nuova coupé non riuscì, però, a bissare il successo registrato dalla Calibra. In campo agonistico, la Opel Calibra ha partecipato al campionato DTM dal 1993 al '96. Nell'ultima stagione in cui fu impiegata, la Calibra si aggiudicò il titolo con al volante il pilota Manuel Reuter. Per quanto riguarda il futuro, il nome Calibra potrebbe ritornare nella gamma Opel per identificare la variante coupé della Insignia.

20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra
20 anni Opel Calibra

  • shares
  • Mail
33 commenti Aggiorna
Ordina: