Lexus GS 450h: la nostra prova su strada

Veloce, efficiente, comoda e ben rifinita: l'ibrida Lexus GS 450h è davvero ai vertici del segmento E? Scopritelo nella nostra prova su strada.

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Lexus affronta il segmento E, che troppo spesso è unicamente rappresentato dalle tedesche, con una berlina diversa, più intelligente sia nell’approccio sia nelle sue funzionalità. Stiamo parlando della Lexus GS 450h, una tre volumi ibrida che di qualità ne ha da vendere e, pur essendo estremamente efficiente, propone delle prestazioni elevate. Tecnologia all’avanguardia, particolari tecnici solitamente assenti su vetture di questo livello e rifiniture solitamente visibili solo sulle ammiraglie, sono solo alcuni dei tratti che caratterizzano la quattro porte giapponese, che si propone sul mercato italiano con un prezzo di partenza di 58 mila euro.

Certo la motorizzazione è una sola, l’ibrida con V6 3.5 litri, ma le prestazioni non mancano, così come l’efficienza nei consumi: con una media dichiarata di 5.9 litri ogni 100 chilometri, la Lexus GS 450h è in grado di accontentare davvero chiunque. I clienti possono tuttavia sbizzarrirsi personalizzando la propria Lexus GS partendo dai quattro allestimenti proposti nel nostro paese, ampliandone a piacere le dotazioni grazie al grande catalogo accessori offerto dalla casa nipponica. I quattro livelli di allestimento comprendono, oltre al modello d’ingresso gamma, la Lexus GS 450h Executive proposta a 67 mila euro, la sportiva Lexus GS 450h F-Sport, oggetto della nostra prova, a 70.500 euro, e la Lexus GS 450h Luxury, la più lussuosa e completa della gamma, con un prezzo di partenza di 75 mila euro.

Lunga 485 centimetri, larga 184 ed alta 146, la Lexus GS 2013 presenta un passo di 285 centimetri che permette di abbinare una buona abitabilità interna con una certa agilità di guida, nonostante le importanti dimensioni esterne della berlina. Anche il peso non è dei più contenuti, 1820 chilogrammi, colpa del sistema ibrido che ripaga però l’incremento di peso migliorando notevolmente le prestazioni ed abbassando in maniera estremamente sensibile i consumi.

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Su Strada

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Guardando il livello di finiture interne della Lexus GS ci si aspetterebbe una berlina votata al comfort di marcia, tranquilla e pacata: niente di più sbagliato. Il sei cilindri da 3.5 litri in alluminio a ciclo Atkinson è in grado di sviluppare 292 cavalli a 6.000 giri al minuto ed una coppia massima di 352 Nm a 4.500 giri: già queste prestazioni farebbero impallidire gran parte delle berline di segmento E che solcano le strade italiane. Lexus ha però deciso di sfruttare nella maniera più efficiente possibile il V6, accoppiandolo ad un modulo elettrico raffreddato a liquido. Il motore elettrico è in grado di erogare una potenza massima di ben 200 cavalli, portando così la potenza complessiva fino a quota 345 cavalli che, a fronte dei 1.820 chilogrammi di massa a secco, permettono alla Lexus GS 450h F-Sport di scattare da 0 a 100 chilometri orari in 5.9 secondi.

Queste invidiabili performance permettono alla Lexus GS 450h di arrivare fino ad una velocità massima di 250 chilometri orari, ma prestazioni, ed efficienza, non derivano unicamente dal gruppo motopropulsore. Lexus ha infatti finemente sviluppato il profilo aerodinamico della GS per consentirle di ottenere un Cx pari a 0.26, un dato ottimo per il suo segmento. Certo la scelta dell’ibrido ha anche un rovescio della medaglia, con le prestazioni che diminuiscono quando le batterie del sistema elettrico sono scariche e, seppur mantenendo buone doti di ripresa ed accelerazione, la Lexus GS 450h innalza i suoi consumi per via del mancato supporto del secondo motore. Tuttavia in un utilizzo tranquillo non si arriva quasi mai allo scaricamento completo delle batterie grazie all’ottimo sistema di recupero dell’energia che, guidando in maniera minimamente oculata, permette di ricaricare il pacco batterie molto rapidamente.

Per consentire l’installazione del sistema ibrido, Lexus ha deciso di fornire la Lexus GS 450h di un cambio automatico a variazione continua E-CVT. Pur essendo un po’ lento quando viene messo alla frusta, il cambio generalmente trasmette sensazioni solitamente poco comuni al mondo dei CVT, con una gestione davvero ottima delle cambiate, che permette al guidatore di avere un feeling diretto con la vettura. Nelle modalità più sportive, cambiando marcia con i paddles dietro al volante, la risposta è molto rapida e la cambiata si sente grazie alla particolare programmazione della centralina del cambio. Anche in scalata la risposta è piuttosto buona, a patto di azionare in maniera corretta i comandi, ma, vista la tipologia di cambio, il freno motore risulta meno presente rispetto ad una trasmissione di tipo tradizionale, servendo più come preparazione all’accelerazione in uscita di curva che da effettivo rallentamento.

A livello dinamico il propulsore risulta molto pronto alle accelerazioni e si esibisce in ottime doti di ripresa, anche ad alte velocità. Scattante e veloce, il sei cilindri mostra inoltre un buon sound che però non risulta eccessivamente invasivo all’interno dell’abitacolo. La posizione di guida è ben regolabile e permette a chiunque di trovare una posizione comoda, merito, oltre che degli ottimi sedili con 18 diverse regolazioni, anche del volante che si può posizionare in molti modi diversi. Una volta trovata la posizione ottimale per la guida ci si accorge subito di come ogni comando sia posizionato in maniera logica e funzionale: tutto è a portata di mano ed ogni particolare sfoggia un’elevata qualità costruttiva coadiuvata da un assemblaggio pressoché perfetto.

Prendendo in mano il volante ci si rende conto dell’estrema qualità dei pellami utilizzati per questa vettura: morbida e dalla forma ergonomica, la corona dello sterzo risulta particolarmente piacevole da impugnare, rendendo anche i lunghi viaggi molto confortevoli. Proprio lo sterzo risulta particolarmente preciso, pur non rivelandosi eccessivamente comunicativo, consentendo al guidatore di sfruttare al meglio le doti di agilità della Lexus GS 450h. La versione F-Sport enfatizza ulteriormente la facilità di guida, la sportività e l’handling grazie alla presenza dell’asse posteriore sterzante che, inclinandosi di 2 gradi, permette al retrotreno di accompagnare in maniera fluida l’azione sterzante delle ruote anteriori, garantendo una guida ancor più precisa e divertente. Così facendo la vettura entra meglio in curva, assecondando la traiettoria con la coda e chiudendola maggiormente: così facendo le curve si possono affrontare a velocità più elevata e la percorrenza risulta molto più piacevole e precisa.

Sfruttando appieno tutte le potenzialità della vettura, ci si accorge però che presto le batterie vengono meno e, scaricandosi, tolgono l’apporto di potenza fornito dai 200 cavalli elettrici: tuttavia, anche senza sistema ibrido le prestazioni non sono affatto male. Meno briosa, certo, ma la Lexus GS risulta comunque veloce e scattante anche facendo affidamento unicamente al sei cilindri che è in grado di spingere bene la vettura anche da solo. Ovviamente quando il sistema ibrido è in funzione tutto cambia: la risposta dell’acceleratore è molto più immediata ed aggressiva, le accelerazioni sono più veloci, così come le riprese, insomma, la differenza si sente davvero tanto. In modalità EV l’auto può percorrer brevi tratti ad emissioni zero: le prestazioni risultano ridotte ma nel complesso la vettura risulta ben guidabile ed adatta alla guida cittadina, o ai tratti rilassati e senza la necessità di sfruttare tutta la potenza dell’auto. Nella guida cittadina l’auto scatta in avanti con estrema rapidità, destreggiandosi anche nel traffico più caotico dove però paga le sue generose dimensioni esterne rendendosi un po’ ingombrante ma estremamente facile da gestire: gli angoli della vettura sono ben intuibili una volta presa la mano, ma a supportare il guidatore vi sono i pratici sensori di parcheggio che aiutano nelle manovre visto l’andamento spiovente dell’anteriore.

La trazione è posteriore ma, complice il doppio asse sterzante e l’impossibilità di escludere in maniera efficace l’ESP, risulta molto difficile mettere in difficoltà l’auto, che si scompone solo in situazioni davvero al limite, mantenendo ottime traiettorie precise su ogni tipo di asfalto. L’assetto della vettura è personalizzabile grazie alle varie configurazioni di guida che prevedono numerosi livelli di setup del cambio, della risposta del motore, dello sterzo e delle sospensioni. Per le massime prestazioni è necessario abilitare la funzione Sport+ che, irrigidendo l’assetto, permette una guida più precisa, con il volante più diretto e l’auto che si scompone meno, con un rollio quasi impercettibile. Certo in questa modalità le imperfezioni stradali si sentono, pur essendo comunque non troppo forti o eccessive: per chi è alla ricerca della massima comodità di guida, si può rendere l’assetto più confortevole, ammorbidendolo e potendo così viaggiare in maniera più comoda e rilassata. Tuttavia, anche in questa modalità la tenuta di strada è più che buona, certo si perde qualcosa in precisione e percorrenza, però anche questa configurazione è perfetta per l’utilizzo su strada.

Tirando le somme la Lexus GS 450h F-Sport è la vettura che non t’aspetti: estremamente veloce ma efficiente, comoda ma sportiva, spaziosa ma agile. Insomma, l’ideale compagna per la guida di tutti i giorni, che non disdegna affatto i lunghi tragitti, né i tratti di guida sportiva, con un handling davvero buono per merito anche dell’ottimo sistema a quattro ruote sterzanti e che per giunta non costringe a continue soste al benzinaio visto che la sua autonomia in autostrada può arrivare anche oltre i 1.000 chilometri.

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Comfort e interni

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Come già accennato in precedenza, salendo sulla nuova Lexus GS 450h ci si rende immediatamente conto di quanto il marchio giapponese sia attento ad ogni minimo particolare: tutto rasenta la perfezione, superfici morbide che appagano tatto e vista, assemblaggio precisissimo, robustezza e facilità d’utilizzo. Lexus ha pensato davvero a tutto e, poche eccezioni a parte, l’interno della vettura risulta estremamente curato e di bell’aspetto. Uno dei particolari che però rovina leggermente l’estetica è la leva del cambio. Di per sé il pomello risulta ben rifinito e di bell’aspetto, però la plastica che lo incornicia all’interno del tunnel centrale non ha un look all’altezza del resto della vettura. Tuttavia questa è una delle pochissime critiche che possiamo fare al design interno dell’abitacolo.

Ogni particolare è al posto giusto, tutti i comandi sono facilmente azionabili senza troppi problemi, compreso il sistema di infotainment che, dopo averci preso la mano, risulta ben gestibile grazie al joystick sul lato del tunnel centrale. L’ampio schermo di navigazione è chiaro, ben leggibile e permette di visualizzare, oltre alla cartina, anche alcune utili informazioni sulla vettura. Estremamente piacevole anche il quadro strumenti che, basandosi su un pannello Lcd, è in grado di cambiare il proprio disegno a seconda della modalità di guida impostata, rendendo il guidatore ancor più partecipe e comunicandogli sempre le informazioni più rilevanti per la guida. Estremamente elegante il design della plancia con rifiniture curatissime e particolari d’alta gamma, come l’orologio analogico incastonato nell’esatto centro della plancia, così da rendersi visibile a tutti i cinque occupanti della vettura.

Si può infatti viaggiare in cinque, anche se, come ormai ogni automobile moderna, il comfort per il quinto passeggero non è dei migliore. La situazione cambia molto quando si è in quattro sulla Lexus GS 450h, con tanto spazio per ogni occupante, con il tetto rialzato di 3 centimetri rispetto al passato, così da poter percorrere anche lunghe tratte in assoluta serenità, avvolti nei morbidi, comodi ma contenitivi sedili in pelle, magari assaporando della buona musica dall’impianto audio che, già nella sua configurazione di serie è di buon livello, ma che diventa davvero superlativo con l’optional Mark Levinson da 17 altoparlanti con una potenza complessiva di 835 Watt.

A livello di comfort la Lexus GS 450h è davvero ai vertici della sua categoria: l’insonorizzazione è davvero ottima, si sente in maniera attenuata solo il piacevole suono del sei cilindri, con fruscii esterni totalmente assenti ad andatura codice ed un ottimo isolamento da tutti i rumori al di fuori dell’auto. Comoda e spaziosa, la Lexus GS è la compagna ideale sia per i lunghi viaggi, sia per i brevi spostamenti quotidiani, vista la conformazione dei sedili che consente un facile ingresso sulla vettura, pur mantenendo un livello di contenitività davvero elevato. Anche l’assetto appare piuttosto comodo, in tutte le sue configurazioni: anche massimizzandone la rigidità non si perde in maniera eccessiva il comfort di marcia, mantenendo il tragitto piacevole anche su strade dissestate.

Lexus ha creato numerosi accessori per massimizzare il comfort degli occupanti e rendere ogni viaggio estremamente piacevole e rilassante. Uno di questi esempi è il sistema S-Flow, che, rilevando quali sedili sono occupati, regola di conseguenza il climatizzatore per ottimizzare la temperatura in quella zona, garantendo un controllo estremamente preciso del clima interno all’auto e massimizzando ulteriormente l’efficienza. Per il benessere degli occupanti Lexus ha installato anche il sistema Nanoe che, rilasciando alcune nano particelle con carica di umidità mille volte superiore alla norma, assorbe gli odori dell’abitacolo, idratando al contempo la pelle ed i capelli dei passeggeri.

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Allestimenti e Prezzi

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Lexus offre per l’Italia una sola motorizzazione per la Lexus GS, ma permette ai suoi clienti di scegliere tra quattro diversi allestimenti. Si parte dalla Lexus GS 450h da 58 mila euro che vanta un buon equipaggiamento di serie con cerchi in lega da 17 pollici, fari Bixeno autolivellanti, specchi esterni riscaldati, fendinebbia anteriori e posteriori, paddles al volante, cruise control, illuminazione interna a Led, volante e pomello del cambio in pelle. Sono inoltre presenti un impianto audio a 12 altoparlanti con sintonizzatore Dab, ingressi Aux ed Usb, caricatore a 6 DVD, schermo da 8 pollici con Remote Touch e comandi vocali, oltre agli immancabili sistemi di sicurezza tra i quali vi sono anche ABS e VSC. Airbag anteriori a due stadi, Airbag laterali, per le ginocchia e a tendina completano infine l’equipaggiamento di serie insieme al sistema Smart Key con avviamento a pulsante.

Salendo di prezzo troviamo a 67.000 euro la Lexus GS 450h Executive che, oltre ai sopracitati allestimenti previsti di serie, aggiunge anche cerchi in lega da 18 pollici, navigatore satellitare, sospensioni adattive AVS, interni in pelle, specchietti elettrocromatici, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, climatizzatore elettronico bizona, sedili anteriori riscaldati, ventilati e regolabili elettricamente in 10 posizioni. Cercando un allestimento più sportivo è però possibile acquistare, a 70.500 euro la Lexus GS 450h F-Sport che aggiunge alle dotazioni della Executive anche i cerchi in lega da 18, il kit estetico F-Sport, freni anteriori maggiorati, sedili regolabili in 16 posizioni, tendina parasole elettrica e Lexus Dynamic Handling con ruote posteriori sterzanti DRS, VDIM avanzato e sterzo ad azione variabile VGRS.

Il top di gamma è però composto dalla Lexus GS 450h Luxury che, rispetto alla Executive, con un costo di acquisto pari a 75 mila euro, aggiunge cerchi in lega da 18 pollici dedicati, schermo da 12.3 pollici con sistema di navigazione HDD ed impianto audio Mark Levinson da 17 altoparlanti, intarsi in legno anche sul volante e rivestimenti in pelle semianilina, Blind spot detection, chiusura assistita del bagagliaio, abbaglianti automatici, Climatizzatore trizona con S-Flow e Nanoe, Sedili regolabili in 18 posizioni, tendine posteriori e controllo della pressione degli pneumatici.

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

Listino

Lexus GS 450h 58.000 euro
Lexus GS 450h Executive 67.000 euro
Lexus GS 450h F-Sport 70.500 euro
Lexus GS 450h Luxury 75.000 euro

Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada
Lexus GS 450h F-Sport: la nostra prova su strada

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: