BMW Z4: si cominciano a scoprire gli interni


Per le sue forme e per la passionalità dei suoi contenuti è una delle roadster più “pure” e passionali in commercio. La BMW Z4, con quel cofano slanciatissimo, il compatto abitacolo quasi “seduto” sulla corta e tronca coda e la capote in tela , rappresenta senz’altro una delle alternative più affascinanti e stimolanti del segmento. E dopo qualche anno dalla sua commercializzazione, è venuto il momento di sostituirla.

La nuova vettura su base della serie3 E90, secondo vari rumors, dovrebbe crescere in dimensioni e prezzi, collocandosi in una fascia di mercato leggermente superiore a quella attuale; facendo così posto ad un roadster più piccolo sulla stessa base della futura serie 1.La nuova generazione della Z4, presenterà uno stile con svariati richiami alla splendida BMW concept CS,ad iniziare dalla calandra doppio rene di notevoli dimensioni.

E’ molto probabile che, con la volontà di “alzare la classe” della vettura, BMW abbia lavorato molto sulla qualità costruttiva dell’abitacolo. Vi proponiamo quindi qualche primo scatto rubato degli interni della nuova Z4. Non si capiscono ancora nettamente tutti gli elementi principali della plancia. Ma ciò che si vede dalle 3 foto è sufficiente a farsi un’idea generale. Innanzi tutto, l’abitacolo della nuova Z4, dovrebbe configurarsi come un profondo restyling dell’attuale . Dovrebbe quindi mantenere quella sportiva linea piatta e schiacciata dalla quale emergono gli elementi di comando.


Partendo dalla zone centrale, è possibile notare che non vedremo plance "a doppia palpebra" , bensì, in caso che il clienti scelga tale opzione, lo schermo del navigatore dovrebbe essere a scomparsa, come sull’attuale Z4. Immediatamente sotto, si notano le bocchette di aerazione dal design rettangolare, molto simili a quelle che equipaggiano la serie3 E90 con, situati nella parte immediatamente superiore, i piccoli tasti per l’hazard e la chiusura centralizzata delle portiere.

Immediatamente sotto, anche se ancora coperta, è facile intuire come la regione centrale della plancia manterrà dimensioni raccolte e sarà suscettibile, per quanto riguarda il numero di comandi, alla eventuale presenza del navigatore satellitare, che dovrebbe limitarne il numero al solo caricatore CD con lettore DVD e al climatizzatore. Il tunnel centrale appare di dimensioni più importanti e “più carico di tecnologia”: il comando del nuovo freno a mano elettrico avrà sede qui, immediatamente dietro la leva del cambio e sarà eventualmente affiancato dal comando del nuovo I-drive.

Nella zone comandi del pilota è possibile notare il nuovo design dello sterzo che, ad un primo impatto, appare meno sportivo ed essenziale rispetto all’attuale; sembra essere più votato alla funzionalità, data la moltitudine di comandi presenti ai lati delle razze superiori. Rimangono tuttavia le sagomature ergonomiche per le mani alle 9.15 della corona (rivestita in pelle con cuciture a vista). Ma, di primo acchitto,convincono un po’ meno le finiture in plastica color perla che circoscrivono i tasti dei comandi, nonché la sua parte inferiore.

La strumentazione rimane fedelmente ancorata alla filosofia BMW : solo due elementi circolari comprendenti 4 indicatori (a destra tachimetro e temperatura del motore, a sinistra contagiri e indicatore livello carburante). Il design appare più sommesso e meno originale dell’attuale versione (che conserva una strumentazione specifica condivisa solo con la X3). Ma è sicuramente più leggibile e rifinita: i due quadranti degli strumenti sono incastonati in due cornici di forma cilindrica,tagliate trasversalmente (in stile Porsche) ed ornate con due cromature. Bello.

Di medesima forma anche le bocchette laterali dell’aria condizionata che presentano un nuovo design circolare e sono rifinite con un bordino cromato. Il pannello di controllo delle luci si trova immediatamente sotto ed è configurato come quello visto su serie 3. Un abitacolo, quindi, che sembra essere concepito con linee moderne e retrò allo stesso tempo e che unisce elementi già visti ed apprezzati sull’attuale produzione BMW ad elementi di maggiore sofisticazione che debutteranno su tutta la futura produzione. Sembra inoltre che la casa tedesca non si stia risparmiando ai capitoli “qualità percepita” e “cura del dettaglio”. Se il buongiorno si vede dal mattino, il design interno di questa nuova BMW Z4 si prefigura, al pari della meccanica, molto accattivante e convincente.

Via| bimmerpost.com & bimmerfile.com

  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina: