Pneumatici Dunlop High Performance: prova Sport Maxx Race

Dunlop ha sempre legato la propria storia al mondo delle corse: infatti ha collezionato negli anni un impressionante albo d’oro di successi sportivi confermandosi tra i principali produttori mondiali di pneumatici ad alte prestazioni.

Pneumatici Dunlop

Tra gli pneumatici della gamma Ultra High Performance, spicca il Dunlop Sport Maxx Race, uno pneumatico progettato appositamente per migliorare le prestazioni di alcune delle vetture più veloci al mondo, estremamente specialistico ed ideato per chi esige le massime prestazioni per la ricerca del miglior tempo in pista. Tra le sue qualità spicca quella di essere in grado di adattarsi anche ai circuiti più difficili, agli asfalti più probanti, garantendo ai piloti di completare il turno in pista senza dover sostituire i pneumatici.

La profonda esperienza di Dunlop nelle competizioni ha portato all'introduzione di tecnologie innovative anche nella progettazione degli pneumatici di serie. Sempre alla ricerca del massimo piacere di guida, Dunlop mette a disposizione di tutti i tipi di automobilisti le prestazioni e la durata offerte dalle ultime tecnologie del mondo delle gomme, tra cui gli pneumatici dotati della tecnologia RunOnFlat, che equipaggiano veicoli di successo come le Mini, le BMW Serie 1, Serie 3, Serie 5, Serie 6, X5 ed X6 oltre a numerosi altri veicoli.

Molte delle principali case automobilistiche hanno scelto di montare come primo equipaggiamento gli pneumatici Dunlop, come ad esemio Alfa Romeo, AMG, Audi, Bentley, BMW, Jaguar, Lexus, Mercedes, Volkswagen e Porsche.

Dunlop Sport Maxx Race è stato sviluppato per soddisfare le esigenze di alcune vetture ad alte prestazioni disponibili oggi sul mercato, tra cui le Mercedes SLS e Mercedes C63 AMG Black Series, le Audi TT RS+ e Audi R8, la Porsche 911 GT3 e la BMW M5. In questo segmento equipaggiare in prima fornitura queste sportive è anche una questione di prestigio per il costruttore di pneumatici ed un modo per confrontare il proprio know how con quello delle principali aziende automobilistiche.

"Nel corso della sua storia, Dunlop ha sempre avuto uno pneumatico da gara per gli appassionati della guida in pista, e oggi torniamo in pole-position in questa categoria", spiega Elena Versari, Direttore Marketing Goodyear Dunlop Tires Italia "I nostri nuovi Dunlop Sport Maxx Race sono ideali per i conducenti appassionati di vetture sportive che vogliono provare un nuovo piacere di guida della propria vettura su strada ed in circuito. Offrire alcune delle migliori prestazioni da gara su uno pneumatico da usare anche su strada è stato un requisito fondamentale per Dunlop fin dalla genesi dello Sport Maxx Race. Siamo certi di aver preso in considerazione ogni minimo dettaglio per garantire la realizzazione di uno pneumatico capace di trasferire la potenza della vettura all'asfalto con il massimo impatto.”

Dunlop Sport Maxx Race offre una solida aderenza su superfici stradali asciutte grazie alla mescola derivata dagli pneumatici da gara, con una combinazione di polimeri da competizione e un plastificante per migliorare la trazione, ottenendo così una migliore adattabilità della mescola alla superficie stradale. Inoltre, offre ai conducenti una maggiore sicurezza in condizioni di bagnato, grazie alle scanalature circolari interne che consentono di espellere meglio l'acqua.

Per garantire un bilanciamento corretto dei veicoli in curva e una maggiore aderenza, Dunlop Sport Maxx Race offre una struttura asimmetrica delle scanalature su un blocco della spalla esterno particolarmente ampio. Un ulteriore aumento dell'aderenza in curva è offerto dalle ampie scanalature che aumentano la rigidità. La stabilità ad elevate velocità viene garantita da uno strato superficiale ibrido con Aramide, una fibra sintetica ad elevata resistenza e resistente al calore: basti pensare che l'Aramide viene anche usato nell'industria aerospaziale e nelle vesti anti-proiettile.

Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop

Cosa ci piace del Dunlop Sport Maxx Race?

Innanzitutto il design: il suo look da semi slick molto racing ha catturato la nostra attenzione durante la presentazione, che ovviamente non poteva che avvenire all’interno di una pista, in questo caso l’Autodromo Internazionale Piero taruffi di Vallelunga.

A primo impatto notiamo come il tassello sia abbastanza alto per un pneumatico UHP semi slick: questo ovviamente si traduce in una durata maggiore, aspetto che invece si rivela piuttosto critico su questa tipologia di pneumatico che vanta limitate percorrenze chilometriche. Lo Sport Maxx invece migliora nettamente la sua vita media, mente il tassello alto non crea problemi di "mini deriva" nelle situazioni critiche a causa della flessione trasversale del pneumatico che è a volte la conseguenza di un tassello alto. Altro aspetto positivo e insolito (parlando di un pneumatico da pista) è la sua resa sul bagnato e il buon grip che sa garantise sull'acqua, aspetto confermato anche dali istruttori di Guidare Pilotare che ci hanno affiancato in tutte le prove della giornata, un buon grip sul bagnato.

Per uno pneumatico con grande grip su asciutto è normale avere dei limiti sul bagnato, dovuti anche alla costruzione molto rigida della carcassa, una mescola e un battistrada molto omogenep e poco intagliato (per essere il più slick possibile), infatti le lamelle per lo scarico dell'acqua sono poche e strette associate inevitabilmente anche a una spalla piuttosto bassa. Tuttavia gli pneumatici Dunlop Sport Maxx Race riescono ad assicurare un buon compromesso tra le prestazioni in pista asciutta e la guida sul bagnato e su fondi scivolosi, ed è proprio su questa "flessibilità" di utilizzo che negli ultimi anni abbiamo notato il più grande salto avanti in termini di tecnologia. Nonostante la continua ricerca della performance in questo tipo di pneumatici infatti, Dunlop con il suo reparto ricerca e sviluppo tiene sempre in considerazione la sicurezza, specie perché pur trattandosi di uno pneumatico ideato per la pista, il suo utilizzo principale in equipaggiamento è effettuato su strada e spesso da piloti non professionisti e non sempre pronti alle reazioni in condizioni critiche di un semi-sclick.

Dunlop Sport Maxx Race: la guida

In una tiepida giornata primaverile, i nostri Dunlop Sport Maxx Race ci aspettavano calzati sotto una BMW M3 parcheggiata in modalità “Le Mans” nella pit lane della impegnativa e divertente pista di Vallelunga. Conoscendo bene sia la vettura sia il tracciato ci concentriamo solo ad ascoltare quello che ci trasmettono i nuovi Dunlop Sport Maxx Race.

Settando la vettura su parametri sportivi di cambio ed assetto, ma mantenendo i controlli di stabilità inseriti affrontiamo subito in accelerazione il curvone: già qui sentiamo che la vettura, pur essendo “seduta” risulta precisa e direzionale, senza accennare minimamente sottosterzo. Dove gli pneumatici ci esaltano particolarmente è nella curva successiva, ovvero i Cimini: qui ad impressionare è la stabilità in frenata. Intervento quasi ridotto al minimo dell’Abs, posteriore davvero fermo e perfettamente allineato, dote non sempre avvertibile in quanto la frenata dei Cimini è in discesa e per affrontare correttamente la curva, l'auto va portata all'interno fino al punto di corda. Qui un normale pneumatico tenderebbe a mandare la vettura in sovrasterzo in ingresso, oppure, se si esagera con la velocità, in sottosterzo, in quanto il battistrada smette di lavorare e la spalla si sostituisce a quest’ultimo, generando una sgradevole sensazione di allargamento verso la tangente della curva.

Con il Dunlop Sport Maxx Race sembra davvero di guidare con uno pneumatico slick: oltre alla grande stabilità in frenata, l’inserimento è fulmineo e solido, che quasi ti porta ad esagerare o comunque ad aumentare la velocità di ingresso nel giro successivo. Finita la fase di inserimento andando sul gas scopriamo un’altra grande qualità: elevatissima trazione che riduce al minimo l’intervento del DSC che avevamo volutamente lasciato inserito. La trazione in termini di tempo sul giro è un parametro molto importante: pur riducendo la spettacolarità di guida, in quanto la vettura non va in sovrasterzo di potenza e quindi non consente di fare manovre funamboliche, la trazione aiuta a ridurre il tempo sul giro, in quanto consente di scaricare tutti i 420cv in della coupè bavarese, che si dimostra sempre una facile ma performante auto sportiva. Queste doti di trazione sono molto esaltate nei tratti più lenti del circuito capitolino: l’uscita della curva Soratte ed il tornantino, che si affrontano in seconda marcia. Qui spesso il pattinamento ed il sovrasterzo di potenza sono molto presenti, facendo perdere decimi preziosi ad ogni tornata.

Dunlop Sport Maxx Race permette di uscire dalle curve con grande velocità, facendosi apprezzare anche in un punto critico come le chicane. A Vallelunga è presente un doppio transitorio molto rapido e secco: questi pneumatici risultano però sempre molto consistenti, solidi e stabili, con un posteriore molto preciso che accompagna l’uscita della curva. Nel punto più impegnativo della pista, ovvero il curvone dopo il rettilineo dei box, arrivando lanciati dalla curva Roma dove queste gomme consentono di uscire con precisione e scorrevolezza, la BMW M3 si dimostra stabile e sicura con un ottimo inserimento che ci consente di utilizzare pochissimo angolo di sterzo.

Utilizzare pochissimo sterzo, sia su curve veloci, sia su curve lente è anche sinonimo di grande sicurezza, in quanto se ci dovessimo trovare ad affrontare una improvvisa perdita di aderenza e quindi dover controsterzare, avendo utilizzato in primis meno volante, avremmo più velocità nell’affrontare la manovra di emergenza e di conseguenza più controllo del veicolo: anche in questo caso la performance va di pari passo con la sicurezza.

Continuando nel nostro giro, dopo aver affrontato il curvone con grande velocità di percorrenza, notiamo che anche in curve ad ampio raggio, come Campagnano, Semaforo e curva Roma, dove di solito il sottosterzo è sempre in agguato, l'asse anteriore della BMW M3 entra in curva con grande precisione, mantenendo la linea impressa senza accennare minimamente alla deriva che porterebbe ad un fastidioso sottosterzo.

Alla conclusione del secondo passaggio caliamo il ritmo e ci godiamo il giro di raffreddamento per rianalizzare curva per curva il comportamento del Dunlop Sport Maxx Race, con un piacevole stupore e un grande sorriso stampato dovuto alle grande emozioni che un Circuito Internazionale accoppiato ad una sportiva “gommata giusta” sono sempre pronti a regalarci.

Un’altra meritata lode dei Dunlop Sport Maxx Race è la loro grande durata con un ridotto consumo del battistrada. Noi abbiamo affrontato la sessione di pista come ultimo gruppo, quindi il treno di pneumatici era stato utilizzato per tutta la mattina in pista, ma nonostante tutto, non ha accennato il minimo segno di diminuzione delle prestazioni, dimostrando le sue elevate performance anche dopo un'intensa giornata in pista.

Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop
Pneumatici Dunlop
Tester: Gianluca Carboni

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: