Seat Bolero 1998: il futuro della Toledo ?

Seat Bolero 1998

Come abbiamo già anticipato, Seat è pronta al pensionamento della Toledo, la cui estetica non ha raccolto grandi consensi, e che ora risente anche della concorrenza interna della più coerente Altea XL. Nel 2008 la Toledo lascerà infatti il posto ad una berlina più simile alle Toledo precedenti, ovvero con una buona disponibilità di spazio interno e di bagagliaio, ma con una linea ed un'impostazione generale da berlina sportiveggiante.

A quanto sembra, la nuova Toledo cambierà anche nome in Bolero, e questo non può non far ricordare lo studio di design Bolero 330 BT, presentato al Salone di Ginevra del 1998. Disegnato da Erwing Himmel del Centro Stile Seat, in era pre-De' Silva, la Bolero avrebbe dovuto anticipare le forme delle future Seat, ed in particolare proprio della Toledo, con un corpo vettura sportivo ed un abitacolo -nella concept- destinato a 4 adulti.

Seat Bolero 1998

Oltre alle semplici ancorché eleganti linee aerodinamiche, spiccavano alcuni elementi estetici, come le porte posteriori ad apertura scorrevole, il montante centrale "nascosto" e i grandi cerchi in lega da 19" (pneumatici 255/40). Basata su piattaforma VAG, montava il 6 cilindri a V biturbo da 330 CV (da cui la sigla 330 BT), con trazione anteriore; i dati dichiarati erano 5 secondi da 0 a 100 km/h e 275 km/h circa di velocità massima.

Seat Bolero 1998

Al di là delle prestazioni... esagerate, l'auto aveva dimensioni intermedie tra Audi A4 ed A6, forse proprio come la futura sostituta della Toledo. Vedremo se il nuovo corso di design del gruppo, con Walter De' Silva alla guida generale e Flavio Manzoni che dovrà connotare e coordinare "l'identità" dei singoli marchi, porterà ad un'evoluzione dell'originaria Bolero, o se ci si orienterà verso qualcosa di diverso e più moderno...

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
49 commenti Aggiorna
Ordina: