Mercedes Classe B 2015: primo contatto su strada

La Mercedes Classe B 2015 introduce interessanti novità tecniche e tecnologiche con il suo facelift. Ecco com'è e come va la nuova Mercedes Classe B nelle sue varianti diesel, elettrica ed a Metano.

Mercedes Classe B 2015: prova su strada del facelift

La monovolume di Mercedes si aggiorna dopo aver venduto più di un milione di esemplari nei suoi dieci anni di carriera. Le novità sono principalmente estetiche, ma Mercedes ha trovato spazio anche per alcuni aggiornamenti tecnici e tecnologici, come ad esempio il nuovo impianto di infotainment o gli inediti fanali anteriori a Led. La sostanza però è sempre la stessa che ha portato questo modello al successo: tanto spazio all’interno abbinato a dimensioni relativamente contenute ed al classico comfort di guida delle vetture della Stella. Cinque motori benzina, cinque a gasolio e nuovi sistemi di propulsione alternativa, come la Mercedes Classe B Electric Drive, oppure l’interessante versione a Metano, la Mercedes Classe B NGD alla quale abbiamo dedicato numerosi chilometri durante il nostro primo contatto su strada insieme ad un’altra delle proposta più importante per l’Italia la Mercedes B 200 CDI.

Oltre a questo la rinnovata Mercedes Classe B, che in Italia avrà un prezzo d'ingresso di 24.410 euro, si propone con un’estetica rivista nel frontale, che risulta aggiornato in maniera sostanziale e che si diversifica a seconda della versione e della motorizzazione, così come il posteriore. Tra le novità anche il nuovo schermo da 20.3 centimetri dell’impianto di infotainment con Mercedes Connect Me abbinato ad una plancia rinfrescata nell’estetica ed a nuovi sistemi di sicurezza. Un esempio sono il Collision Prevention Assist Plus proposto di serie che permette di ridurre in maniera importante il rischio di tamponamenti unendosi all’Adaptive Brake che frena autonomamente in caso di pericolo. Le premesse ci sono tutte, ma la nuova Mercedes Classe B sarà veramente migliore rispetto alla precedente versione?


Mercedes Classe B: com’è e come va

Mercedes Classe B 2015: prova su strada del facelift

A fronte di importanti modifiche estetiche all’anteriore, la Mercedes Classe B 2015 ripropone i contenuti classici di questo modello, ovvero spaziosità, comfort e praticità. Salendo a bordo si nota subito con quale cura sia stata studiata la seduta, identica al modello di derivazione, visto che ci si può mettere al volante in maniera estremamente agevole sia per la posizione piuttosto rialzata del sedile, sia per il grande spazio disponibile tra le gambe ed il volante. Come sempre ottime le regolazioni, nel nostro caso elettriche, del sedile, con il volante che dispone di una regolazione meccanica molto generosa nell’escursione sia in profondità, sia in altezza. Ciò permette di trovare una posizione di guida piuttosto comoda ma un po’ alta ed inclinata in avanti. Ciò per via di una configurazione votata al comfort ed al relax: la Mercedes Classe B non è un’auto pensata per correre, nonostante nel suo listino sia presente anche una potente motorizzazione 2.0 litri benzina turbo da 211 cavalli.

B200 Natural Gas Drive (NGD); 7G-DCTPer apprezzare appieno la Mercedes Classe B serve essere tranquilli e pacati al volante, sfruttare la buona coppia delle varie motorizzazioni sovralimentate senza spingersi troppo in alto con i giri. Proprio in queste occasioni la nuova Mercedes Classe B da il meglio di sé, mostrando la sua anima rilassata, pensata per un utilizzo quotidiano nel pieno comfort ma anche per i lunghi viaggi, magari per andare in vacanza sfruttando l’ampio vano di carico posteriore. Proprio l’abitabilità è uno dei punti forti della MPV della Stella. Guidatore e passeggeri hanno a disposizione un abitacolo dalla larghezza abbondante, con tanto spazio per le gambe, sia davanti, sia dietro ed un’altezza ben sfruttabile per la testa all’anteriore, dote che si esprime in maniera leggermente ridotta sul divano posteriore. Buona anche la capacità di carico: il bagagliaio si propone con una volumetria minima di 488 litri ma, all’occorrenza, si può sfruttare un vano al di sotto del piano di carico che contiene il kit di riparazione delle gomme e, in alcuni allestimenti, delle componenti dell’impianto audio, lasciando comunque spazio per dei bagagli morbidi di taglia medio piccola. Abbattendo gli schienali posteriori si raggiunge invece una volumetria massima di carico di 1.547 litri. Ancor più interessante il vano bagagli della variante a Metano che, grazie ad un serbatoio della benzina più piccolo, si propone con 501 litri di vano bagagli in configurazione a cinque posti, che diventano 1.456 abbattendo i sedili della fila posteriore.

B-Klasse Natural Gas Drive (W 242) 2014Oltre alla comodità d’utilizzo però la Mercedes Classe B offre anche grandi doti di comfort di marcia. Sospensioni comode ma non troppo morbide la rendono piacevole, mentre un ottimo isolamento acustico, anche alle alte velocità, permette di rilassarsi anche nei lunghi viaggi. Solo a velocità autostradali si può percepire qualche fruscio, molto filtrato, che proviene dai retrovisori esterni. Vista l’impostazione prettamente votata al comfort, la dinamica di guida non poteva che risultare rilassata. Lo sterzo è infatti molto demoltiplicato e non accade di rado di dover oltrepassare i novanta gradi di movimento del volante anche nel misto veloce. Ciò consente certamente manovre fluide che mettono a loro agio i passeggeri, non presentando però reattività o precisione di marcia: la Mercedes Classe B è facile da guidare ma di certo non trasmette grandi sensazioni a chi sta dietro al volante, come da tradizione per le tourer della Stella. Ottima invece la stabilità, sia con trazione anteriore, sia con l’integrale 4Matic, così come la tenuta di strada, soprattutto grazie ad una gommatura piuttosto generosa. Ne scaturisce così un comportamento dinamico stabile ed estremamente sicuro nonostante l’altezza della vettura.

B250 4MATIC; 7G-DCTParlando di motori invece, Mercedes ha deciso di confermare la line up già presente in gamma con i vari quattro cilindri benzina e diesel. La Mercedes Classe B 2015 sarà così disponibile con i turbodiesel 1.5 e 2.1 litri oltre ai 1.6 e 2.0 turbo benzina proponendo anche l’interessante variante bifuel a metano e l’ancora futuristica elettrica. Proprio quest’ultima propone un’autonomia di 230 chilometri unita ad un bagagliaio più spazioso rispetto alle altre versioni vista l’integrazione al di sotto del pianale delle batterie, ma, viste le tecnologie in gioco, è ancora proposta ad un prezzo troppo elevato per insidiarsi in maniera importante nel segmento. Ben più interessante, soprattutto per alcune regioni della nostra Penisola, la Mercedes B 200 NGD, versione a metano della monovolume. Questa vettura, con impianto a gas montato direttamente in fabbrica, dispone dello stesso quattro cilindri turbo da 156 cavalli a 5.000 giri e 270 Nm di coppia disponibili da 1.250 a 4.000 giri della Mercedes B 200, proponendo però tre serbatoi per il metano ed un piccolo serbatoio da 12 litri per la benzina. Ciò le consente di percorrere fino a 500 chilometri con un pieno di Metano con un consumo medio dichiarato pari a 4.2 chilogrammi di gas ogni 100 chilometri pur risultando in grado di scattare da 0 a 100 chilometri orari in 9.1 secondi. Unica differenza realmente notabile dal punto di vista dinamico rispetto alla variante benzina è però la cambiata. Il cambio è lo stesso doppia frizione delle altre versioni ma viene in questo caso proposto con una diversa taratura. Le cambiate risultano così ancor più dolci e lente, sia quando si ingrana una marcia, sia quando la si scala, rendendo la guida meno reattiva, soprattutto in accelerazione. Un vero peccato perché la potenza di certo non manca, per una vettura capace di coniugare efficienza ed ecologia a prestazioni adeguate.

B200 Natural Gas Drive (NGD); 7G-DCTAncor più ecologica, ma costosa, la Mercedes Classe B Electric Drive che, grazie ad una batteria agli ioni di litio da 28 kWh permette grande autonomia abbinata a prestazioni di livello. La Mercedes Classe B elettrica arriva infatti a percorrere fino a 230 chilometri con una ricarica completa della batteria che, grazie al nuovo wallbox si può ricaricare in sole tre ore. Nonostante l’elevata ecologia di questo modello, la Mercedes Classe B Electric Drive risulta comunque capace di scattare da 0 a 100 chilometri orari in 7.9 secondi grazie al reattivo motore elettrico da 132 kW e 340 Nm di coppia istantanea. Durante la nostra prova abbiamo avuto modo di testare anche una delle versioni più vendute in Italia, la Mercedes B 200 CDI con il classico quattro cilindri da 136 cavalli e 300 Nm disponibili dai 1.400 ai 3.000 giri. L’isolamento acustico appare migliorato e le prestazioni non mancano visto che questo motore, secondo noi uno dei più azzeccati per questa tipologia di vettura, permette di scattare da 0 a 100 chilometri orari in 9.9 secondi, spingendo la monovolume della Stella fino a 210 chilometri orari con un consumo medio di 4.0 litri ogni 100 chilometri. Oltre a queste versioni Mercedes Italia mantiene a listino anche gli altri motori della gamma, come la Mercedes B 160 CDI da 90 cavalli e 240 Nm, la Mercedes B 180 CDI da109 cavalli e 260 Nm, disponibile anche in variante BE Edition con consumi ridotti fino a 3.6 litri, e la Mercedes B 220 CDI da 177 cavalli e 350 Nm. Molto ampia anche l’offerta di motori a benzina che parte dai 122 cavalli e 200 Nm della Mercedes B 180, anche in questo caso disponibile come BE Edition con consumi ridotti, passando per i 156 cavalli e 250 Nm della Mercedes B 200, fino ad arrivare ai top di gamma, le Mercedes B 220 4Matic da 184 cavalli e 300 Nm e Mercedes B 250 da 211 cavalli e 350 Nm di coppia massima.

Un’offerta ben strutturata dunque, per una monovolume che nella sua storia non è mai stata così completa. Tanta sicurezza abbinata a tecnologia e stile, con la consueta abitabilità delle monovolume ed un bagagliaio davvero degno di nota che fa impallidire anche qualche station wagon di dimensioni ben maggiori. La guidabilità, però, risulta prettamente orientata al relax senza lasciare spazio a grandi emozioni di guida, per una vettura facile e poco reattiva, ma comoda anche nei lunghi viaggi.




Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO