Mercedes Classe C All-Terrain: caratteristiche ed equipaggiamenti

Riflettori puntati sulla nuova configurazione Crossover allestita sulla quinta serie del modello-bestseller di Stoccarda: sarà in esposizione all’IAA di Monaco, e sul mercato entro fine 2021.

Con l’inedita configurazione crossover, Mercedes arricchisce ulteriormente la propria lineup Classe C di nuova generazione, di recente debutto commerciale nelle versioni berlina W205 e Station Wagon S206 (declinate in sei proposte di allestimento e provviste di unità motrici benzina e turbodiesel, ibrido benzina EQ Boost e mild-hybrid benzina e turbodiesel). Si tratta della variante All-Terrain, allestita con un “capitolato” di dotazioni dedicate – una più elevata altezza libera da terra, codolini passaruota e protezioni sottoscocca, modalità di guida e funzionalità infotainment specifiche, trazione 4Matic ed un’elevata capacità di traino – abbinate a motorizzazioni mild-hybrid.

Ecco quando la vedremo in anteprima

L’esordio di Mercedes Classe C All-Terrain di fronte al grande pubblico è fissato in occasione dell’imminente IAA Mobility 2021 di Monaco di Baviera, in programma dal 7 al 12 settembre. Il suo ingresso nelle concessionarie è previsto entro la fine dell’anno: più avanti saranno dunque resi noti i dettagli relativi agli importi di vendita.

Un’importante evoluzione di gamma

“Base di partenza” concettuale per Mercedes Classe C All-Terrain è l’omonima versione sviluppata su Classe E nel 2017: una versione che ha riscosso un buon gradimento di pubblico (stante anche il ruolo sempre più “centrale” che i veicoli di fascia Sport Utility e Crossover detengono nei principali mercati, primi fra tutti quelli europei), e che dunque i vertici della “Stella a Tre Punte” hanno deciso di replicare “in piccolo”, vale a dire sulla quinta generazione di Classe C, modello-icona per il “colosso” di Stoccarda che nella nuova serie – chiamata a raccogliere un importante testimone: la precedente generazione, prodotta dal 2014, ha fatto registrare, in termini di vendite globali, più di 2,5 milioni di esemplari consegnati nel mondo – accompagnerà la lineup di gamma “medium” verso i trent’anni dalla sua presentazione, avvenuta nel 1993 con la serie W202 (rimasta in listino fino al 2000) in sostituzione della altrettanto storica 190-W201.

Corpo vettura: le novità

Come si accennava in apertura, e come è facile comprendere se si considera il segmento di appartenenza del nuovo allestimento, Mercedes Classe C All-Terrain (sviluppata sulla versione Avantgarde, quindi il listello sulla linea di cintura, la cornice dei finestrini laterali e il mancorrente sono realizzati in alluminio lucidato; le mascherine sui montanti centrali e i listelli sui finestrini laterali posteriori sono in nero lucido) si segnala per un’allure dichiaratamente versatile. A cominciare dall’altezza minima da terra, che misura ben 40 mm in più rispetto a quella della corrispondente configurazione Station Wagon, e per proseguire con la calandra ripresa dalla produzione SUV di Stoccarda, i nuovi paraurti con fascioni e modanature di protezione inferiori, i codolini passaruota in resina volutamente grezza. Elementi che hanno comportato un leggero aumento delle dimensioni “in pianta”: la lunghezza misura 4,75 m, e la larghezza (21 mm in più) raggiunge 1,84 m. Ad essere cresciuto è anche l’ingombro in senso verticale: per via dell’aumentata altezza libera dal suolo (e dall’adozione di un set di cerchi da 7.5×17” con pneumatici da 225/55 R 17), Mercedes Classe C All-Terrain sfiora il metro e mezzo in verticale. A richiesta, segnala Mercedes, sono disponibili cerchi da 8×18” (con pneumatici da 245/45 R 18) oppure da 8×19” H2 con profondità di compressione di 41 mm, che montano gomme da 245/40 R 19.

Abitacolo e capienza del vano bagagli

Anche all’interno, il layout si riferisce alla configurazione Avantgarde: sedili ad elevato contenimento laterale, volante sportivo multifunzione rivestito in pelle nera, illuminazione “ambient”, modanatura in tinta cromata ad effetto argentato ed un accento diamantato ad effetto opaco che arricchiscono la consolle centrale, la plancia ed il quadro strumenti, tre varianti cromatiche di rivestimento disponibili (Nero; Beige “latte macchiato” e nero; Marrone “Terra di Siena” e nero). Il modulo digitale è “ovviamente” l’MBUX di nuova generazione, che abbina la strumentazione con display Lcd allo schermo centrale – disponibile in due versioni: da 10.25” oppure da 12.3” – qui arricchito con funzionalità “Offroad” che dispongono di contenuti specifici, come ad esempio la visualizzazione della pendenza, dell’inclinazione e dell’angolo di sterzata, le coordinate geografiche ed una bussola. Contestualmente all’arrivo sul mercato della quinta serie, l’infotainment di Mercedes Classe C si avvale degli aggiornamenti “over-the-air” (OTA). La versatilità d’uso, determinata dai valori di abitabilità e di capienza del bagagliaio, rimangono immutate rispetto alla nuova generazione di Classe C: il bagagliaio dispone di 490 litri di capacità di carico utile nel normale assetto di marcia, e fino a 1.510 litri con lo schienale posteriore (frazionabile nello schema 40:20:40) completamente abbattuto. Il portellone “Easy-Pack” è apribile e richiudibile mediante il pulsante dedicato presente sulla chiave di accensione, con l’interruttore nella porta lato guida o con la maniglia di sbloccaggio sul portellone stesso.

Meccatronica: motorizzazioni, trasmissione, modalità di guida

Sotto al cofano, Mercedes Classe C All-Terrain verrà proposta nelle varianti turbodiesel e benzina, con quest’ultima che si riferisce al nuovo “M254” a quattro cilindri provvisto di sistema ISG (alternatore-starter integrato) di seconda generazione, che può anche incrementare elettricamente, fino a 15 kW, la potenza del motore a combustione oltre a fornire le funzioni supplementari di recupero dell’energia cinetica nelle fasi di decelerazione e di frenata e la modalità di marcia “Sailing” a motore spento. Anche la variante a gasolio, anticipa Mercedes, disporrà del sistema mild-hybrid: nella fattispecie, il quattro cilindri della “famiglia” OM454M è dotato di alternatore-starter integrato di seconda generazione e rete di bordo parziale a 48V, con recupero dell’energia, funzione “Sailing” e impiego di un compressore elettrico per il fluido dell’impianto di climatizzazione. La trazione si affida al sistema 4Matic esclusivo di Mercedes, con quattro programmi di guida (Eco, Comfort, Sport, Individual) più due modalità specifiche per la marcia in fuoristrada (Off Road ed Off Road+), dedicate rispettivamente all’ottimizzazione della trazione sulle “strade bianche” o in genere a ridotta aderenza, e la seconda studiata per migliorare l’aderenza del veicolo nelle condizioni più impegnative. La risposta di motore, trasmissione, sterzo e controllo della stabilità e della trazione integrale 4Matic viene controllata dal sistema Dynamic Select. Elevata la capacità di traino: ben 1.800 kg; fra gli accessori a richiesta dedicati, il gancio elettrico a scomparsa ed il sistema di stabilizzazione del rimorchio che si attiva in automatico a velocità superiori a 65 km/h.

Ultime notizie su Mercedes

Mercedes viene fondata nel 1902 ed è l’azienda a cui tutto ricondurre quando si parla di automobili. Non è infatti azzardato considerare Mercedes come un vero e proprio sinonimo di aut [...]

Tutto su Mercedes →