Mercato auto: in Italia Fiat Panda è la più venduta anche nel 2021

La “segmento A” made in Pomigliano d’Arco si conferma al primo posto: vediamo come è andato l’anno nei “major market” europei.

Il 2021 del comparto automotive può essere considerato come un anno “a due facce”. Ad un generale aumento delle vendite, trainato dalla fiducia dei consumatori in ordine all’onda lunga di una graduale ripartenza che era iniziata nell’estate 2020; e dalle misure di incentivo inserite nella legge di Bilancio dello scorso anno, ha in effetti fatto da contraltare una seconda parte caratterizzata da una costante diminuzione del “nuovo”. Ad avere causato una frenata delle prime immatricolazioni di autovetture sono stati, in principal modo, due elementi: la crisi dei chip che ha tenuto banco per diversi mesi ed ha comportato notevoli difficoltà nella produzione e nella logistica, e l’assenza di misure strutturali di sostegno alle vendite, sostituite da provvedimenti “a singhiozzo” costituiti da momentanei incentivi andati tutti esauriti in pochissimi giorni, quando non addirittura in una manciata di ore.

Una situazione certo non facile (come più volte abbiamo avuto modo di rimarcare), che in Italia si è concretizzata in un -27,5% delle nuove immatricolazioni rispetto a dicembre 2020; e, in relazione all’intero 2021, in un leggero incremento (+5,5%) sull’anno precedente, tuttavia la diminuzione rispetto al 2019 è stata a due cifre (-24%), tanto che – a conti fatti, rimarcava Unrae (l’Associazione nazionale che raggruppa i rappresentanti delle Case costruttrici estere) – in rapporto all’ultimo anno pre-pandemia sono andate perse ben 460.000 unità.

Fiat Panda resta leader

L’analisi del venduto (inteso come autovetture di prima immatricolazione) in Italia assegna ancora una volta a Fiat Panda lo scettro di “regina di mercato”. La “segmento A” prodotta a Pomigliano d’Arco ha, nel 2021, totalizzato quasi 112.300 nuove unità immesse in circolazione (per la precisione: 112.298). La leadership della eterna “compattissima nazionale” non è mai stata messa in discussione neanche nei travagliati dodici mesi dell’anno appena trascorso. Di più: in relazione al 2020, il totale delle unità vendute è superiore (110.465 gli esemplari venduti due anni fa).

Podio tutto “nazionale”

In seconda posizione, il consuntivo italiano 2021 vede un’altra “evergreen”: Fiat 500, venduta in 44.819 unità. Terzo posto per Lancia Ypsilon: la “segmento B” assemblata a Tychy, in produzione – nell’attuale generazione – dal 2011 e da lungo tempo unica portabandiera del nobilissimo marchio torinese, ha nel 2021 fatto registrare poco meno di 45.000 nuove immatricolazioni (44.819).

Stellantis in forze nella Top Ten

Scorrendo la graduatoria dei dieci modelli più “gettonati” in Italia, si nota una notevole presenza della “big Alliance” 50:50 tra Fca e Psa, che in effetti aveva debuttato proprio all’inizio dello scorso anno quale quarto Gruppo mondiale per valore delle sinergie messe sul tavolo dall’”asse italoamericano” e dalla neoalleata franco-tedesca. Jeep Renegade si è attestata in quarta posizione, Fiat 500X occupa il sesto posto, davanti a Citroen C3. E Jeep Compass ha concluso il 2021 al nono posto per numero di nuove immatricolazioni in

I 50 modelli più venduti nel 2021

  1. Fiat Panda (112.298 nuove unità immatricolate);
  2. Fiat 500 (44.819, cifra che comprende anche le “derivate” Abarth);
  3. Lancia Ypsilon (43.735);
  4. Jeep Renegade (35.334);
  5. Toyota Yaris (32.634);
  6. Fiat 500X (31.982);
  7. Citroen C3 (31.003);
  8. Dacia Sandero (29.094);
  9. Jeep Compass (28.570);
  10. Ford Puma (28.556);
  11. Volkswagen T-Roc (28.341);
  12. Renault Captur (28.225);
  13. Dacia Duster (27.077);
  14. Renault Clio (25.737);
  15. Peugeot 2008 (25.505);
  16. Opel Corsa (25.024);
  17. Volkswagen T-Cross (24.009);
  18. Peugeot 208 (23.581);
  19. Peugeot 3008 (20.878);
  20. Volkswagen Polo (20.748);
  21. Fiat 500L (18.296);
  22. Fiat Tipo (16.568);
  23. Volkswagen Tiguan (16.063);
  24. Volkswagen Golf (15.076);
  25. Hyundai Tucson (14.789);
  26. Suzuki Ignis (14.679);
  27. Suzuki Swift (14.078);
  28. Citroen C3 Aircross (14.063);
  29. Toyota Aygo (13.714);
  30. Ford Kuga (13.654);
  31. Hyundai i10 (13.570);
  32. Bmw X1 (13.525);
  33. Kia Picanto (13.514);
  34. Ford Fiesta (13.234);
  35. Audi Q3 (13.056);
  36. Toyota C-HR (12.790);
  37. Opel Crossland X (12.749);
  38. Ford EcoSport (11.956);
  39. Volvo XC40 (11.533);
  40. Bmw Serie 1 (11.200);
  41. Nissan Qashqai (11.032);
  42. Mercedes Classe A (11.016);
  43. Audi A3 (10.822);
  44. Volkswagen Up! (10.773);
  45. Kia Sportage (10.659);
  46. Ford Focus (9.510);
  47. Mini Countryman (9.249);
  48. Seat Arona (9.221);
  49. Toyota Rav4 (8.983);
  50. Citroen C1 (8.520).

La classifica 2021 per Case costruttrici

  1. Fiat (223.567 nuove vetture immatricolate nel 2021: +5,78% sul 2020);
  2. Volkswagen (126.092: -1,62% rispetto al 2020);
  3. Toyota (84.850: +19,21% sul 2020);
  4. Peugeot (84.263: +3,22% sul 2020);
  5. Ford (80.989: -9,58 rispetto al 2020);
  6. Renault (74.544: -13,22% rispetto al 2020);
  7. Citroen (64.865: +0,76% sul 2020);
  8. Jeep (63.629: +6,76% sul 2020);
  9. Dacia (61.696: +15,51% sul 2020);
  10. Audi (55.719: +11,80% sul 2020);
  11. Opel (53.660: -0,41% rispetto al 2020);
  12. Bmw (51.276: +11,42% sul 2020);
  13. Mercedes (47.325: +3,04% sul 2020);
  14. Hyundai (45.001: +34,78% sul 2020);
  15. Kia (43.981: +23,78% sul 2020);
  16. Lancia (43.679: +1,52% sul 2020);
  17. Suzuki (39.317: +17,51% sul 2020);
  18. Nissan (27.211: -4,04% rispetto al 2020);
  19. Skoda (24.965: +1,23% sul 2020);
  20. Seat (21.264: -3,96% rispetto al 2020);
  21. Volvo (18.744: +9,88% sul 2020);
  22. Mini (18.315: +10,40% sul 2020);
  23. Mazda (12.396: +22,77% sul 2020);
  24. Land Rover (11.756: +3,84% sul 2020);
  25. Alfa Romeo (11.300: -34,36% rispetto al 2020);
  26. DR Motor (8.362: +139,94% sul 2020);
  27. Smart (6.878: +50,37% sul 2020);
  28. Honda (6.402: -4,52% rispetto al 2020);
  29. Cupra (6.326: oltre il 300% in più rispetto alle 208 nuove immatricolazioni del 2020);
  30. Porsche (6.245: +9,77% sul 2020);
  31. Tesla (6.045: +58,87% sul 2020);
  32. DS (4.812: +3,86% sul 2020);
  33. Lexus (4.699: +16,20% sul 2020);
  34. Jaguar (4.018: +13,66% sul 2020);
  35. Mitsubishi (3.928: -2,65% rispetto al 2020);
  36. Subaru (2.404: +14,53% sul 2020);
  37. Maserati (1.646: +21,12% sul 2020);
  38. Lynk & Co (1.076; marchio non ancora presente nel 2020);
  39. Mahindra (962: -22,98% rispetto al 2020);
  40. MG (924; soltanto un esemplare era stato immatricolato in Italia nel 2020);
  41. SsangYong (817: -28,96% rispetto al 2020);
  42. Great Wall (749: +102,98% sul 2020);
  43. Ferrari (579: +14,43% sul 2020);
  44. Lamborghini (298: +10,37% sul 2020);
  45. Aston Martin (46: -11,54% rispetto al 2020);
  46. Infiniti (0; nel 2020, le nuove immatricolazioni erano state 12);
  47. Altre (422: +18,45% rispetto al 2020).

Auto elettriche: le più vendute

Lo studio dell’andamento delle vendite 2021 mette in luce un generale aumento delle alimentazioni elettrificate rispetto ai propulsori “tradizionali”. Nello specifico: la quota delle auto a benzina è scesa, durante l’anno, al 29,7% e quella del diesel al 22,6%. Per converso, le auto Full Hybrid sono salite al 29% del mercato, le Plug-in Hybrid ammontano al 4,7% del mercato e le auto elettriche (circa 67.500 le BEV di nuova immatricolazione nel 2021, cifra quasi raddoppiata rispetto all’anno precedente) hanno concluso il 2021 con una quota di mercato del 4,6%. Anche fra le “zero emission” Fiat guida la classifica: in prima posizione per numero di unità vendute nell’intero 2021 c’è Fiat Nuova 500 (fra l’altro eletta “Auto Europa 2022” dalla giuria tecnica dei soci UIGA-Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive), con 10.753 nuove unità, davanti a Smart EQ forTwo, Renault Twingo Electric ed alla “new entry” Dacia Spring.

BEV: Top Ten italiana 2021

  • Fiat Nuova 500 elettrica (10.753 nuove unità immatricolate);
  • Smart EQ forTwo (6.162);
  • Renault Twingo Electric (5.822);
  • Dacia Spring (5.496);
  • Tesla Model 3 (5.047);
  • Renault Zoe (3.808);
  • Volkswagen ID.3 (3.440);
  • Peugeot e-208 (2.758);
  • Volkswagen e-Up! (2.447);
  • Peugeot e-2008 (2.321).

Il 2021 dell’auto in Europa

Francia: vince il segmento “compact”

In Francia, indica CCFA-Comité des Constructeurs Français d’Automobiles (Associazione che raggruppa le Case costruttrici nazionali), la situazione di mercato è simile a quella italiana quanto ai segmenti di vetture che hanno ottenuti i risultati migliori. Al primo posto, nel 2021, si è confermata Peugeot 208, già “reginetta d’Oltralpe” nel 2020 e sempre in testa nell’intero anno. La “segmento B” di Sochaux ha totalizzato 88.013 nuove immatricolazioni, con una quota di mercato del 5,3%. In seconda posizione c’è Renault Clio, con 85.247 nuove unità immesse in circolazione (5,1% di quota di mercato). Peugeot 2008 (terza con 75.477 esemplari venduti ed il 4,5% di incidenza sul totale dell’immatricolato) completa il podio. Alle spalle del SUV più venduto in Francia troviamo Dacia Sandero, quarta con 73.740 nuove unità (4,4%). Seguono, via via, Citroen C3 (65.365 nuove immatricolazioni e 3,9% di quota di mercato), Renault Captur (52.596 esemplari venduti e 3,2% di mercato), Peugeot 3008 (a quota 50.399 e 3,0% di quota di mercato), Toyota Yaris (32.299-1,9%), Dacia Duster (31.058-1,9%) e, al decimo posto, Renault Twingo (29.111 uinità e 1,8% di quota di mercato), di fatto l’unica “segmento A” nella Top Ten francese 2021.

Spagna: SUV davanti a tutti

L’”annus horribilis” del comparto automotive causato dalla recrudescenza dei contagi e dalla crisi dei chip si è fatto sentire anche sul mercato spagnolo, dove nel 2021 il totale delle nuove immatricolazioni (859.477 autovetture) è stato del +1% rispetto al 2020, tuttavia del -32% in rapporto al 2019. L’analisi delle vendite nel Paese iberico vede Seat in prima posizione, una netta preponderanza del “nuovo” a benzina rispetto al diesel (45,1% “contro” 19,9%: il venduto a gasolio è in continua diminuzione anche in Spagna) ma anche rispetto alle alimentazioni alternative (34,9%), ed una notevole incidenza dei SUV, che rappresentano il 55,1% delle vendite di autovetture nuove. In materia di elettrificazione, l’ibrido leggero costituisce il 25,5% delle vendite in Spagna. Modello per modello, l’auto più venduta nel 2021 è stata Seat Arona: il compact-SUV di Martorell ha totalizzato 21.946 nuove immatricolazioni. In seconda posizione c’è Hyundai Tucson (21.258 unità) e al terzo posto troviamo Dacia Sandero (20.419). La Top Ten si completa, nell’ordine, con Peugeot 2008 (quarta con 19.426 nuove unità immatricolate), Toyota Corolla (16.983 esemplari), Peugeot 3008 (16.812), Seat Leòn (la “segmento C” a lungo bestseller del marchio catalano ha nel 2021 totalizzato 16.691 nuove immatricolazioni), Volkswagen T-Roc (15.988), Citroen C3 (15.948) e la “nostra” Fiat 500, che con 15.941 nuove unità immesse in circolazione chiude la classifica delle prime dieci autovetture più vendute in Spagna nel 2021.

Germania: 2021 in calo, ma si prevede una ripresa

Le recentissime rilevazioni sul consuntivo del 2021 a cura di ADAC (l’Automobile Club federale tedesco) sui dati KBA (l’Autorità federale dei Trasporti) indicano, per dicembre, quasi il 27% in meno rispetto allo stesso mese del 2020 (in termini assoluti, le nuove immatricolazioni sono state 227.630). L’anno che si è appena concluso ha totalizzato, in Germania, 2,62 milioni di nuove autovetture, cifra che corrisponde ad un -10,1% in rapporto all’intero 2020. Uno dei motivi di calo indicati dagli analisti tedeschi si riferisce, anche qui, alla carenza di chip che ha provocato notevoli ritardi nelle consegne. Fra i “brand” nazionali, Smart e Opel hanno fatto registrare aumenti a doppia cifra (rispettivamente +49,7% e +10,7%); Porsche vi si è avvicinata (+9,9%). Da segnalare il 13,6% delle nuove immatricolazioni raggiunto da modelli ad alimentazione elettrica a batterie. Le stime degli analisti prevedono, per il 2022, una nuova ripresa del mercato in Germania con un +15% sul 2021 appena concluso.

Svizzera: sorpresa, Tesla Model 3 è la più venduta

Sebbene la Confederazione elvetica non faccia parte dell’Unione Europea (compone l’area EFTA insieme ad Islanda, Liechtenstein e Norvegia), è interessante analizzare il consuntivo delle nuove immatricolazioni 2021 sotto la bandiera rossocrociata. Per la prima volta, in effetti, il titolo di auto più venduta in Svizzera va ad un modello 100% elettrico. Nella fattispecie, Tesla Model 3, che lo scorso anno ha totalizzato 5.072 nuove immatricolazioni (secondo i dati resi noti da USTRA, Ufficio federale delle Strade). Un risultato storico, che conferma un balzo al 45% della quota di mercato raggiunta dalle motorizzazioni elettrificate contro il 28% del 2020. In seconda posizione si è attestata Skoda Octavia (4.974 unità), che per molto tempo è stata “leader storica” nelle vendite in Svizzera. Terzo posto per Audi Q3 (3.859), quarta posizione per Volkswagen Tiguan (3.840). In quinta posizione si attesta Fiat 500 (3.618), seguono nell’ordine Volvo XC40 (3.439), Toyota Yaris (3.411), Skoda Karoq (3.376), Volkswagen Polo (3.360) e Volkswagen Golf (3.267). Va detto che, in rapporto ai marchi Costruttori, il mercato svizzero resta “feudo” di Volkswagen davanti a Mercedes, Bmw, Skoda e Audi. Tesla è solamente undicesima.

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →