Formula 1: la Ferrari 312 T di Niki Lauda all'asta

Asta in agosto a Pebble Beach per la favolosa Ferrari 312 T, la monoposto di Formula 1 con cui Niki Lauda vinse il campionato del mondo nel 1975

Ferrari

Vi piacerebbe comprare e magari anche guidare la Ferrari con cui Niki Lauda vinse il suo primo titolo mondiale in Formula 1? Si, proprio quella, la Ferrari 312 T del 1975. Ve la potreste cavare con la modica cifra di 8 milioni di dollari, pari a 7,2 milioni di euro. Non vi resta allora che recarvi in California, a Pebble Beach, per l’asta che si terrà il 16 e 17 agosto, curata da Gooding&Company.

 

All’asta la Ferrari 312 T di Niki Lauda


Ferrari

L’esemplare di Ferrari 312 T oggetto dell’asta ha il telaio 022. E’ una delle sole cinque monoposto costruite a Maranello per la stagione 1975 della Formula 1. La 312 T col telaio 022 fu pilotata da Niki Lauda in cinque gare, in cui ottenne sempre la pole position. L’austriaco vinse l’International Trophy di Silverstone (non valevole per il mondiale) e il GP di Francia. Fu inoltre guidata quell’anno in altre due gare da Clay Regazzoni. Nel 1980 la monoposto venne acquistata dal collezionista francese Jacques Setton. Dopo una ventina d’anni venne acquistata dall’olandese John Bosch e poi da un collezionista americano, il quale ha provedduto a restaurarla. Era stata esposta nel 2017 al Concorso d’eleganza di Pebble Beach, dove si è classificata terza.

La Ferrari 312 T venne progettata da Mauro Forghieri e sostituì la 312B3. La modifica più evidente fu l’adozione del cambio trasversale (da qui la T nel nome); ciò ne consentì il montaggio più in avanti rispetto all’asse, il che spostò anche l’equilibrio delle masse, migliorando l’ingresso in curva. Inoltre la sezione frontale della vettura era più stretta, il che migliorava la penetrazione aerodinamica e il raffreddamento del motore. La 312 T venne impiegata in 15 gare del mondiale. Vinse 6 gran premi nel 1975 e i primi 3 del 1976; tutti successi di Lauda tranne Monza 1975 e USA-West 1976, in cui fu Regazzoni il primo sotto la bandiera a scacchi.

  • shares
  • Mail