Ford Mondeo: forme da crossover per la sostituta

Destinata a sostituire le varianti berlina, fastback e station wagon, nonché le monovolume S-Max e Galaxy, la nuova Ford Mondeo potrebbe adottare la denominazione Fusion.


La Ford Mondeo potrebbe non scomparire definitivamente, anche se non sarà più riproposta nelle classiche varianti berlina a quattro porte, fastback a cinque porte e station wagon. Infatti, la nuova generazione avrà la carrozzeria da crossover di medie dimensioni, dato che sarà chiamata a sostituire anche le monovolume S-Max e Galaxy.

La nuova generazione della Ford Mondeo dovrebbe debuttare nel 2021, non solo sul mercato europeo. Infatti, sarà commercializzata anche sul mercato statunitense. Tuttavia, non è escluso che possa essere proposta come Ford Fusion a livello globale, denominazione già utilizzata oltreoceano proprio per l'attuale Ford Mondeo e in passato nel Vecchio Continente per la piccola monovolume caratterizzata dal concetto Urban Activity Vehicle.

Destinata a fare concorrenza diretta alle Subaru Levorg e Outback, la nuova Ford Mondeo sarà disponibile anche nella variante Active con lo stile da SUV, nonché nella lussuosa declinazione Vignale. Inoltre, la leggerezza nella massa sarà garantita dalla condivisione della piattaforma modulare C2 con la nuova Ford Focus. Non dovrebbe figurare la versione AWD a trazione integrale per lasciare spazio ai modelli Kuga ed Edge, mentre la gamma comprenderà anche la versione 'mild hybrid' da 48V con il motore a benzina 1.5 EcoBoost a tre cilindri.

Dopo l'addio alle monovolume compatte B-Max e C-Max, il costruttore statunitense Ford abbandonerà le berline e station wagon di medie dimensioni, nonché le grandi monovolume. La decisione è stata presa all'indomani delle vendite registrate lo scorso anno, ovvero 50.000 esemplari per la Mondeo, 24.000 unità per la S-Max e 12.000 esemplari per la Galaxy. La nuova Ford Fusion, invece, dovrebbe abbondantemente superare le aspettative.

  • shares
  • Mail