Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore

Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore

Il nostro affezionato lettore Angelo Granata ci invia le bellissime immagini del suo ultimo lavoro, lo studio per una supercar Ferrari denominata GTE, erede della Enzo. Un lavoro davvero ben fatto, con spunti stilistici molto interessanti ed un forte tasso emozionale. Ma “cediamo la parola” al suo creatore…

"La Ferrari GTE , acronimo di Gran Turismo Evoluzione, è una Concept Car nata per dare una degna successione alla Ferrari Enzo, Hypercar prodotta per celebrare i 55 anni di attività della casa di Maranello nel 2002. Il design riprende i classici temi Ferrari, con linee morbide e tondeggianti, donando alla GTE una linea aggressiva ma allo stesso tempo pulita e moderna, ma con numerosi richiami al passato.

Un attento studio delle proporzioni, unito alla concezione di produrre un’auto dalle prestazioni estreme, ha portato alla creazione di un profilo basso e filante, con dimensioni di 4650mm di lunghezza, 2030mm di larghezza, 1080mm di altezza, e un passo di 2680mm. I nuovi gruppi ottici anteriori, sono un esplicito richiamo alla leggendaria Ferrari F40, con una doppia coppia di proiettori a LED, offrendo una luminosità ancor maggiore dei classici impianti xeno, con un minor dispendio energetico.

Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore
Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore
Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore
Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore
Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore
Ferrari GTE: il concept di un nostro lettore

La speciale conformazione del muso, soprannominato "becco d’anatra" permette alla GTE un migliore carico aerodinamico alle alte velocità, contribuendo anche ad una minore resistenza aerodinamica. Anche il posteriore è stato progettato per offrire massima funzionalità aerodinamica, con l’introduzione del nuovo alettone posteriore integrato nella carrozzeria, che può raggiungere un’inclinazione massima di 15 gradi, offrendo una deportanza molto vicina a quella di una F1.

Il nuovo chassis, realizzato interamente in fibra di carbonio, sfruttando tutta la conoscenza acquisita in Formula1, offre rispetto alla Enzo un peso inferiore (-20%), insieme ad una maggiore rigidità torsionale (+27%). Il motore, un vero e proprio gioiello tecnologico, è il primo V12 ibrido di casa Ferrari abbinato ad un cambio doppia frizione a sette rapporti. Con una cilindrata di 7,3 litri eroga ben 800cv, cui si aggiungono altri 120cv offerti dal sistema”KERS”, soluzione già adottata dalle monoposto di Formula 1".

Via | angelogranata.altervista.org

  • shares
  • Mail
33 commenti Aggiorna
Ordina: