Gancio traino: come funziona la normativa

Le norme che regolano omologazione e collaudo.

Seat Ateca test rimorchio frontale

Per chi ha una roulotte, un carrello tenda o un carrello adibito al trasporto è un accessorio fondamentale: parliamo del gancio traino. Facilità di utilizzo e sicurezza sono i requisiti fondamentali per il gancio traino che dopo essere stato montato deve ottenere l’omologazione attraverso un collaudo prenotato presso la Motorizzazione.

La normativa


L’articolo 78 del Codice della Strada stabilisce che per il montaggio e lo smontaggio è previsto un aggiornamento della carta di circolazione che avviene dopo aver superato il controllo e la prova collaudo del gancio traino, sempre presso la Motorizzazione Civile. Per presentare la richiesta bisogna usare l’apposito modello TT2119 disponibile presso gli sportelli dalla Motorizzazione a cui occorre allegare la dichiarazione di montaggio a regola d’arte e in base alle istruzioni previste dal costruttore rilasciata dall’installatore, la documentazione tecnica del dispositivo completa di tutti i dati e le informazioni rilasciata dal costruttore e utili per la verifica, la fotocopia della carta di circolazione e, per finire, il balzello, un versamento di 25 euro sul conto corrente n. 9001, tariffa prevista dalla Motorizzazione e 14,62 da versare sul conto corrente n. 4028 relativo all’imposta di bollo.

Dopo aver compilato e consegnato tutta la documentazione richiesta è possibile prenotare il collaudo. Un piccolo adesivo da incollare sulla carta di circolazione attesterà il superamento del controllo, mentre nel caso in cui per mancanza di tempo questo non sarà possibile, in alternativa viene consegnato un permesso provvisorio da allegare al libretto. Invece, per quanto riguarda i veicoli omologati secondo la direttiva europea n.2001/116/CE, questi possono essere dotati sin dall’origine della struttura di traino. In questo caso basta acquistare il gancio previsto dalla casa costruttrice e recarsi alla Motorizzazione dove si “salterà” il passaggio che prevede il collaudo, operazione perfettamente legale.

In commercio esistono due tipi di gancio traino, quello fisso e quello estraibile al quale è possibile togliere la parte più esterna quando non è in uso. Ricordate che, come indicato dal Codice della Strada, montaggio e smontaggio devono sempre essere effettuati da professionisti con firma depositata e avvisate anche la vostra compagnia assicurativa dell’installazione effettuata in quanto, solitamente, è previsto un aumento dei costi in caso di traino.

  • shares
  • Mail