Ferrari F40 in fiamme dopo il restauro

Un esemplare della supercar, fresco di restauro, viene distrutto da un'autocombustione.

Restaurare una supercar classica non è certamente un'operazione da tutti. A maggior ragione se, a dover ricevere queste attenzioni è una delle supercar per antonomasia: la Ferrari F40. La F40 nasce nel 1987 per celebrare i primi 40 anni di vita del cavallino rampante. Prima Rossa ad utilizzare materiali compositi quali kevlar, fibra di vetro e resine aeronautiche. Ultima Rossa turbocompressa fino al lancio, nel 2014, della California T. In quegli anni, con i suoi 325 km/h di velocità massima è stata anche l'auto stradale più veloce mai costruita. Oggi il valore di una F40 sfiora i 2 milioni di € e, considerando anche gli ultimi telai prodotti in esclusiva per gli USA verso la fine del millennio, si contano esattamente 1337 esemplari. Almeno fino a qualche giorno fa.

La notizia, di quelle drammatiche per un appassionato di auto, arriva direttamente dall'Inghilterra tramite un forum ( The Ferrari Chat ) per appassionati del marchio di Maranello. Nel topic dal titolo "One less F40 out there" l'utente Paul500 posta poche, chiarissime (e dolorosissime ndr) immagini di un esemplare di F40 completamente bruciato. Si saprà in seguito che la F40 nelle foto era stata appena restaurata e preparata per il ritiro. La combustione è nata dal vano motore durante un normale giro di prova, probabilmente per un intervento non proprio perfetto sulle parti meccaniche. Trovare dei pezzi di ricambio originali per vetture simili è preossochè impossibile, motivo per la quale si presume siano state riutilizzate le vecchie parti che hanno causato una perdita di carburante nel vano motore e il conseguente incendio.

A causa dei continui cambiamenti alla norma che regola la cancellazione delle vetture, non è ben chiaro se questa F40 sia destinata al paradiso dei motori o a rivivere una seconda vita con un nuovo chassis e nuove parti meccaniche. Nel mentre però, vogliamo sperare che sia il proprietario sia il restauratore abbiano avuto una buona assicurazione alle spalle.

  • shares
  • Mail