Audi A4 Allroad quattro: primo contatto sull’Etna

Audi A4 Allroad quattro – La nuova familiare pensata per il fuoristrada provata in offroad sulle sponde dell’Etna.

Da 0 a 2850 metri d’altitudine con la nuova Audi A4 Allroad quattro. Dal mare alle sponde dell’Etna tra i tornanti siciliani e l’offroad sulla roccia lavica accompagnati dalla trazione integrale quattro Ultra. Un’esperienza unica nel suo genere: in pochissimi luoghi al Mondo si può passare in così poco tempo dalla spiaggia agli impianti di risalita a quasi 3 mila metri d’altezza. Ad accompagnarmi in questo viaggio c’era un’Audi A4 Allroad Quattro 2.0 TFSI, l’unica versione attualmente disponibile con la nuova trazione integrale quattro ultra. La familiare di Ingolstadt porta infatti al debutto in gamma questo nuovo sistema a quattro ruote motrici, che avevo già provato su alcuni prototipi e che su strada mi aveva già convinto.

Anche la Allroad si comporta bene sull’asfalto. Il rollio è moderato grazie al nuovo assetto a regolazione elettronica ma, nonostante questo, le sospensioni isolano molto bene dalle sconnessioni stradali: le buche si sentono appena. Dal punto di vista dell’handling capire quando il sistema quattro ultra passa dalle due alle quattro ruote motrici è quasi impossibile. Il cambiamento è quasi impercettibile ma la differenza, al volante, si sente eccome. Quando in ingresso curva la wagon tedesca accenna a un minimo sottosterzo subito viene innestato l’asse posteriore per tentare di correggere la traiettoria.

[rating title=”VOTO” value=”8″ value_title=”Primo Contatto” layout=”left”]Un comportamento che si sente su strada ma che è molto più evidente sullo sterrato. Non appena ho messo le ruote al di fuori dell’asfalto ho attivato la modalità offroad, un’esclusiva di questo modello della gamma A4, cercando di capire di che pasta è fatta la nuova Allroad. Già dalle prime salite ho iniziato ad assaporare l’aderenza fornita dal quattro ultra sulle curve e controcurve dei sentieri del vulcano siciliano. In modalità offroad lo sterzo si fa più leggero e l’erogazione più dolce: cerco però di sfruttare al meglio i 252 cavalli del 2.0 TFSI, scaricando a terra la coppia di 370 Nm. Gli pneumatici sono stradali ma l’aderenza non manca: le quattro ruote motrici fanno la differenza e, provocandola, la Allroad si esibisce anche in piacevoli traversi facili da controllare. Dopo qualche chilometro e tanta polvere sollevata sono arrivato all’osservatorio a quota 2.850 metri. Proprio da qui ho potuto vedere da dove eravamo partiti, osservando il mare ed arrivando a scorgere fino alla costa calabrese.

Una volta arrivato quasi in cima al vulcano mi è stato spiegato come l’osservatorio monitori i movimenti tellurici riuscendo ad analizzare spostamenti di un millesimo di millimetro per chilometro. Una precisione elevatissima, che potrei paragonare, con le dovute differenze, alla precisione di risposta del nuovo sistema quattro ultra. Sui detriti lavici l’aderenza è precaria persino a piedi ma, nonostante questo, l’integrale di Audi riesce a trovare grip, facendo muovere con assoluta disinvoltura i 1580 chilogrammi della familiare. Anche nei tratti più stretti e nonostante i suoi 4 metri e 75 di lunghezza, l’Audi A4 Allroad quattro si è dimostrata agile anche in virtù di un assetto rialzato di 34 millimetri rispetto alla sorella Avant.

Proprio dalla Avant, la nuova Allroad riprende tutta l’impostazione interna: alle classiche finiture impeccabili made in Audi si abbina una caratteristica solitamente estranea al mondo dei mezzi da offroad: una seduta bassa. Questo è un particolare che mi è piaciuto molto, una caratteristica molto difficile da trovare sul mercato. Per il resto, inutile dirlo, trovare qualcosa di negativo negli interni della nuova Audi A4 è cosa difficile. Se proprio si vuole essere pignoli si può criticare il tunnel centrale piuttosto largo che può dare fastidio alle ginocchia. In un ambiente così spazioso e confortevole si tratta però di un peccato veniale.

L’infotainment è di alto livello, anche se avrei preferito una grafica più nitida e meno “asettica”. La connettività con Android Auto ed Apple CarPlay è però garanzia di espandibilità e personalizzazione: basta collegare un telefono per sfruttarne grafica e app sullo schermo dell’auto. L’Audi A4 Allroad, nonostante le modifiche apportate per la guida in fuoristrada, si rivela silenziosa e confortevole in ogni occasione, dall’offroad all’autostrada dove ho avuto modo di mettere alla prova anche la versione 2.0 TDI.

L’Audi A4 Allroad 2.0 TDI quattro è infatti una delle best seller del mercato italiano. Nel nostro Paese ogni 5 Audi A4 una è Allroad e l’85% dei clienti la sceglie con il 2.0 TDI. Oltre a questo, il 90% delle Allroad di precedente generazione è stata scelta con cambio automatico, così Audi ha deciso di proporre la nuova Audi A4 Allroad unicamente con trasmissioni automatiche: una mossa azzeccata vista la qualità dei nuovi cambi S tronic. Nella guida su strada con l’Audi A4 Allroad 2.0 TDI quattro da 190 cavalli le cambiate sono dolci ma veloci e risultano praticamente impercettibili. Si fa invece sentire la spinta dei 400 Nm del quattro cilindri a gasolio, disponibile tra i 1.750 ed i 3.000 giri al minuto, l’ideale per la guida di tutti i giorni.

Le prestazioni del 2.0 TDI sono convincenti, in un attimo si arriva ai limiti autostradali in totale tranquillità. La casa dei Quattro Anelli dichiara un tempo di 7.8 secondi nell’accelerazione da 0 a 100 chilometri orari ed una velocità massima di ben 220 chilometri all’ora. Su un’auto del genere però, l’efficienza è importante: nella nostra prova il consumo riportato sul computer di bordo si aggirava al di sotto dei 7 litri per 100 chilometri. C’è però da dire che l’auto era praticamente nuova e aveva all’attivo solo poche centinaia di chilometri: avvicinarsi al dato dichiarato da Audi di 5 litri per 100 chilometri non sembra dunque impossibile.

Per chi non necessita di 190 cavalli di potenza il 2.0 TDI è disponibile anche in versione da 163 cavalli e, per chi è in cerca delle massime performance, la gamma dispone anche dei rinnovati 3.0 TDI da 218 e 272 cavalli. Proprio i sei cilindri a gasolio sono i primi motori disponibili in Italia con prezzi a partire da 51.900 euro, due mila euro in più rispetto all’Audi A4 3.0 TDI quattro.

Rispetto al modello originale la nuova Audi A4 Allroad quattro appare dunque migliorata sotto ogni aspetto. Il design è moderno e robusto grazie alle protezioni per l’offroad, lo spazioso abitacolo nasconde le più moderne tecnologie di infotainment ed il vano bagagli da 505 litri accoglie anche i carichi più voluminosi. In aggiunta la nuova A4 Allroad si guida come una vera Audi, dispone di tutti i sistemi di sicurezza attiva della nuova gamma A4 e si rivela comoda anche nello sterrato: se siete alla ricerca di una wagon che non tema nessuna condizione stradale questa potrebbe essere l’auto che fa per voi.

Audi A4 Allroad quattro: Listino Prezzi

Audi A4 Allroad 3.0 TDI 218 cv S tronic quattro 51.900 euro
Audi A4 Allroad 3.0 TDI 272 cv tiptronic quattro 53.900 euro
Audi A4 Allroad 2.0 TDI 163 cv S tronic quattro (disponibile successivamente)
Audi A4 Allroad 2.0 TDI 190 cv S tronic quattro (disponibile successivamente)
Audi A4 Allroad 2.0 TFSI 252 cv S tronic quattro (disponibile successivamente)

Audi A4 Allroad quattro: Dimensioni

Audi A4 Allroad quattro: Scheda Tecnica

Ultime notizie su Audi

Audi viene fondata nel 1910 e rappresenta un’evoluzione della precedente August Horch Automobilwerke GmbH. August Horch è un ex fabbro e poi ingegnere, fondatore della A. Horch & Cie ed uno [...]

Tutto su Audi →