Jeep Cherokee 2.2 M-jet: videoprova in off-road

Jeep Cherokee Limited Plus 2.2 Multijet II comodo, veloce e quasi inarrestabile. Il nostro winter test sulle nevi di Bormio


Jeep Cherokee Limited Plus - Cinque generazioni alle spalle, oltre 40 anni di storia vissuta intensamente sui tracciati più impervi di tutto il mondo. Un’icona da sempre, che nell’ultimo allestimento ha rotto con il passato. Jeep Cherokee, oggi è più suv ma non per questo meno Jeep.

Tanto lusso e comfort “American Style”, un look dinamico e sportivo fuori e ottime prestazioni su strada suggeriscono una vocazione meno fuoristradistica. Per fugare ogni dubbio abbiamo preso parte all’ultima tappa del WinterProof 2016 a Bormio, dove, dopo la prova su strada ci siamo cimentati in un test decisamente inconsueto.

A bordo di una Cherokee Limited Plus con il nuovo 2.2 Multijet da 200 CV e 440 Nm di coppia abbiamo lasciato l’asfalto, e siamo saliti alla Stazione sciistica Bormio 2000… ma non per sciare, bensì per mettere a dura prova la sua trazione integrale Jeep Active Drive II accoppiata al cambio ZF a nove rapporti tradizionali e altrettante nove marce ridotte.

Anche senza pneumatici speciali, la Cherokee si è arrampicata senza problemi, permettendoci di salire e scendere a più riprese e “giocare” a fare gli scemi trainando e scendendo in coppia con lo snowboard.

Stile: 7 elementi di continuità



Innovazione o tradizione. Un tema spinoso da sempre, ostico ai conservatori e a tutti i nostalgici delle care vecchie linee squadrate, patrimonio genetico di Cherokee. Ebbene dal 2014 ad oggi, l’opinione di molti è cambiata, oggi Cherokee è apprezzato anche per le sue linee moderne e di rottura con il passato.

La quinta generazione di Jeep Cherokee, di storico ha solo la classica griglia a sette elementi. Un tributo alle precedenti generazioni, un marchio di fabbrica che ben si accosta al taglio sportivo dei proiettori anteriori. Il design globale è moderno, dinamico e sportivo con linee morbide ma nette e muscoli in evidenza.

La nostra Cherokee Limited Plus si distingue per alcuni dettagli che la rendono più elegante come la chrome-line presente sia all’anteriore che al posteriore e ripresa anche dalla cornice che abbraccia la rastremata vetratura laterale. Specifici anche i cerchi in lega da 18 pollici che calzano pneumatici Yokohama Winter Drive 225/55 R18

A bordo, lusso Italoamericano



comfort 9
Jeep sì, ma non per questo spartana. La Limited Plus è la versione più ricca della gamma e avvolge gli occupanti con una morbida pelle. I materiali e le finiture sono di ottimo livello, come gli accostamenti e gli assemblaggi.

La Cherokee è solida e tosta, anche dentro, ma è molto spaziosa e assolutamente confortevole, tanto davanti, quanto dietro dove troviamo un divanetto reclinabile e registrabile in profondità, largo e abbastanza comodo anche per 3 passeggeri. Sotto le aspettative il vano bagagli, molto regolare ma un po’ piccolo in relazione ai 4 metri e 60 della Cherokee, “solo” 412 litri ampliabili fino a 1236.

La plancia è chiara e semplice con l’ampio display da 8,4 pollici touch e un cruscotto con schermo a colori da 7”. Bello da impugnare, ma un po’ troppo pasticciato con molti tasti (fino a 22), il volante, da cui si può accedere a un’infinità di impostazioni, tra cui diversi sistemi di assistenza alla guida.

La Cherokee già di serie ha un allestimento ricco con i display sopracitati per il navigatore, optional da 1.500 Euro e Bluetooth. La lista di accessori continua con caricabatteria wireless, portellone ad apertura elettrica, sedili in pelle a regolazione elettronica per pilota, e sistema d’accesso e avviamento senza chiave.

Sulla Limited Plus oltre i cerchi da 18 ci sono fari bixeno, i rivestimenti in pelle totale con poltrone riscaldabili e ventilate e la fondamentale telecamera posteriore. Aggiunge poi la trazione 4x4 Jeep Active Drive II, il tetto panoramico elettrico Command view ed il Technology Group, pacchetto di accessori che comprende Advanced brake assist, lane departure warning plus, fari con sistema smartbeam, full speed forward collision warning plus, cruise control adattivo con stop & go, specchietto con rilevazione angolo cieco e assistenza al parcheggio parallela e perpendicolare.

Ha sempre la marcia giusta



motore 8.5
Nasce su una piattaforma del gruppo FCA con la trazione anteriore, derivata dalla Giulietta, ma nella versione Limited Plus con il cambio automatico ZF a 9 rapporti e la trazione integrale permanente JeepActive Drive II è quasi inarrestabile.

Quest’ultimo pacchetto prevede le marce ridotte, ben nove, ad azionamento elettronico e una più sofisticata centralina di gestione. In questo modo la Cherokee è pronta per arrampicarsi in ogni luogo, volendo anche su una pista da sci!

Condiviso con le Cherokee normali poi c’è il Selec-Terrain, un selettore che permette di impostare una delle quattro modalità di guida: il conducente può quindi scegliere fra le opzioni Auto, Snow, Sport e Sand/Mud, mentre come optional c’è anche il Jeep Active Drive Lock che aggiunge le funzionalità Hill-ascent, Hill-descent Control ed il blocco del differenziale posteriore.

Parte del merito è anche del nuovo turbodiesel 2.2 Multijet da 200 cv a 3.500 e 440 nm a 2.500 di coppia, un motore con testata in alluminio e modifiche a pistoni, bielle e albero motore con un sistema common rail con Injection Rate Shaping, che lavora a 2.000 bar e permette ottime performance con consumi contenuti in soli 6,1 l/100 km nel ciclo misto e 160 g CO2/km.

Il 4 cilindri 2.184 cc, prodotto nello stabilimento italiano di Pratola Serra (Avellino), è stato rivisto anche in ottica off-road con un sistema d’aspirazione protetto dall’ingresso dell’acqua e in grado di affrontare una profondità di guado fino a 48 cm. La corretta circolazione di tutti i liquidi all’interno del propulsore (oli e combustibile) è assicurata anche sulle forti pendenze con inclinazioni longitudinali fino al 60% e trasversali fino al 45%.

9 marce standard e 9 marce ridotte. 18 marce e più di 40 diverse strategie di cambiata per massimizzare il comfort e la sicurezza in ogni tipo di condizione, unita a efficienza e prestazioni. Se rimaniamo sui numeri la Cherokee Limited Plus e è in grado di raggiungere i 203 km/h e scattare da zero a cento in 8,7 secondi. Niente male per un SUV che sfiora i 2.000 kg!

Fuoristrada da pista



Ad aspettarci a Bormio c’è l’intera gamma Jeep, insieme a tutto lo staff WinterProof. Il programma è vago, abbiamo chiesto una prova in off road magari in pista, ma non sappiamo ancora bene come ci aspetta. Il meteo non aiuta, viste le temperature “alte” e la poca neve quasi tutta artificiale.

Il welcome coffee ci porta subito al dunque. Prendiamo la Cherokee Limited Plus e andiamo a fare un sopralluogo per stabilire il da farsi. Saliamo in quota alla base della stazione Bormio 2000 e studiamo il fondo. La neve è abbastanza soffice ma compatta, proviamo salire.

I responsabili chiudono la prima pista alla base degli impianti, una “rossa” con un buon fondo una buona pendenza longitudiale ma soprattutto una discreta pendenza trasversale. La nostra Jeep monta dei semplicissimi pneumatici di serie Winter Drive. Ce la farà?

Il primo lancio è solo per capire se il fondo tiene, ma già al secondo Cherokee sale senza problemi, un po’ di traverso e un po’ arrancando, ma sale. Al terzo passaggio, messa dentro la settima marcia ridotta e con un po’ d’abbrivio sembra un gatto delle nevi!

Prese le misure ci mettiamo a giocare. Sali e scendi prima in linea retta poi anche con uno slalom in discesa. La difficoltà e il pericolo è nel gestire Cherokee in curva e nelle pendenze laterali, pneumatici più tecnici avrebbero di sicuro aiutato, ma avrebbero reso l’impresa meno eccitante, il bello della nostra sfida è tutto qui, salire e giocare con una Cherokee strettamente di serie.

Abbiamo poco tempo a disposizione, ma riusciamo anche a mettere la tavola ai piedi e a farci trainare in salita. La Jeep in modalità skilift non fa una piega, sale senza tentennamenti, in discesa invece ci vuole attenzione perché quando il posteriore punta a valle c’è il rischio di perdere aderenza e andare in testacoda… Avrebbero fatto comodo due lamine come sullo snowboard… magari la prossima volta ci attrezziamo meglio… intanto però, missione compiuta! Cherokee è davvero inarrestabile, un vero fuoristrada, anche in pista!

Su strada, conferma e sorprende



su strada 8

Scesi a valle, torniamo alla base, al Winterproof Village dove in breve abbiamo preso ulteriore confidenza con Cherokee prima nel twist e poi affrontando la forte pendenza del ponte alto sei metri del celebre truck Jeep, e la bascula a 45°. Subito dopo siamo scappati per un giro su strada e in offroad, per scoprire il comportamento dinamico.

Gli interni lussuosi offrono un grande comfort di bordo. Si sta alti con una buona visuale all’esterno, limitata davanti in parte dai massicci montanti anteriori, mentre dietro è sempre bene tenere pulita la telecamera perché la visibilità è scarsa. Nonostante i mille tasti sul volante, Cherokee mette subito a proprio agio.

Lo sterzo elettronico EPS non brilla per feedback con le ruote ed è un po’ pesante, ma è comunque abbastanza diretto e preciso. All’anteriore abbiamo un Mcpherson mentre dietro c’è un multilink che, sempre considerando i 2.000 kg, consente di tenere un buon ritmo su strada. Certo, il baricentro è alto e le sospensioni, anche in modalità Sport, morbide ma la Cherokee ha comunque un gran bel comportamento dinamico. Stabile sul veloce, silenziosa, e con una discreta propensione alla guida brillante.

Ampia fiducia deriva dai freni, con una buona risposta al pedale, e dall’elettronica di bordo sempre pronta e puntuale, anche se spostando il Selec-Terrain su Sport disattiva parzialmente il controllo di stabilità per lasciare più margine alla guida, nulla di preoccupante perché l’elettronica è sempre vigile e volendo si può reinserire tutto manualmente.

Tutto su Cherokee è gestito elettronicamente dalle quattro modalità di guida, Auto-Sport-Snow-Mud-Sand alla possibilità di inserire le ridotte con un semplice click. In questo caso l’ESP va su off, per lasciare al pilota la possibilità di gestire al meglio la trazione, anche quando di trazione ce n’è veramente poca o nulla.


L’abbiamo sperimentato sui campi da sci, ma anche in qualche tratto di puro offroad dove le povere Winter Drive faticavano a trovare l’aderenza al terreno. In questi casi il cambio automatico e la possibilità di sfruttare fino a 9 rapporti ridotti è un aiuto a cui non vorresti mai rinunciare.

In queste condizioni, così estreme, ma anche nella guida “normale” viene in soccorso anche il 2.2. Multijet II. Un motore sensazionale per regolarità di funzionamento ma anche per spinta e coppia. 200 Cv sono più che sufficienti per regalare alla Cherokee un bel brio in accelerazione, 8,7 da 0 a 100 km/h, ma è la coppia di 440 Nm che fa la parte del leone.

Non c’è quindi salita od ostacolo che possa metterla in crisi, la riserva di coppia è sempre tanta e sempre a disposizione. Anche in questo caso il cambio ZF aiuta molto, grazie ad una spaziatura delle marce perfetta e alla possibilità di viaggiare sempre con il rapporto più adatto in ogni condizione.

Jeep Cherokee, parte da 39.900 euro, che diventano circa 54.000 per Limited Plus della nostra prova, una Vera jeep in fuoristrada e un grande Suv per la guida su strada di tutti i giorni!

Winterproof, test drive e divertimento 100% Jeep



Bormio è stata l’ultima tappa del Winterproof un evento su 5 tappe, Cervinia-Roccaraso-Livigno-SelvaValGardena, pensato per far conoscere e testare l’intera gamma e far vivere in pieno il meraviglioso spirito Jeep. Un grande successo, con oltre 1.500 test drive, e una grande partecipazione di pubblico delle località sciistiche che ha potuto ammirare modelli personalizzati da Mopar, brand di riferimento per gli accessori, i servizi, il Customer Care e i ricambi originali dei marchi FCA.

All’interno del Winterproof Village è stata data a tutti la possibilità di sperimentare la "jeep experience" in completa sicurezza le caratteristiche tecniche di Renegade Trailhawk, Cherokee Trailhawk, Wrangler Unlimited Rubicon e Grand Cherokee Summit.

Al fianco degli istruttori per la prova sul Truck Jeep, appunto un truck che si trasforma in un ponte alto sei metri e dotato di una pendenza di 45 gradi o anche al volante, per una prova su strada.

Il Winterproof è solo una delle attività sviluppate da Jeep, un tassello di un contesto più ampio che include anche la presenza ai raduni e in molte attività all’aria aperta in cui Jeep è sempre stato protagonista.

Il 2016 è un anno importante, perché ricorrono i 75 anni di Jeep e non mancheranno quindi attività di ogni tipo dai test drive, al supporto e sponsorizzazione di eventi. Se siete appassionati e volete provare o semplicemente vivere la passione Jeep non vi rimane che seguire le loro iniziative direttamente sul sito jeep-official.it

Pregi e Difetti



Piace
- Piacere di guida
- Prestazioni
- Comfort
- Comportamento su strada e in off road

Non piace
- Visibilità posteriore
- Volume bagagliaio

voto finale
8.5

Sulla pagina successiva listino e caratteristiche tecniche Jeep Cherokee Limited Plus

  • shares
  • Mail