Mini Paceman

Mini Paceman, il primo Sports Activity Coupé del marchio Mini al prossimo Salone di Parigi 2012 con potenze tra i 112 ed i 184 cavalli ed un prezzo stimato di 22.800 euro.

Mini Paceman

Mini presenta la Paceman, la prima Sports Activity Coupé premium nel segmento delle compatte. Dopo la nostra prova su strada del prototipo a Malaga lo scorso agosto, nella quale avete potuto apprezzare le immagini della vettura con ancora alcune camuffature al posteriore, vi proponiamo ora la galleria completa di immagini ufficiali della nuova Mini Paceman. Durante il nostro primo contatto con la vettura abbiamo scattato delle foto comparative accostando la Mini Paceman alla vettura dalla quale deriva, la Mini Countryman: dalle immagini si possono notare le differenze tra i due modelli che risultano molto marcate.

La nuova Mini Paceman, che debutterà al prossimo Salone di Parigi 2012, arriverà nelle concessionarie a partire dal marzo del 2013. La Paceman pesa 1.255 kg, è lunga 4.109 millimetri, larga 1.786 ed alta 1.518 con un passo di 2.596 millimetri e si propone come una crossover compatta a tre porte con quattro posti a sedere all'interno dell'abitacolo. Il design risulta simile a quello della sorella Countryman solo sul frontale, che ha un valore di Cx pari a 0.35: le venature e le linee della fiancata risultano molto personali e denotano il look fluido e muscoloso della vettura. Il posteriore presenta una nuova line del tetto, con un montante C molto spiovente che dona all'auto un look da coupé ed un tocco di sportività.

I nuovi fari posteriori con andamento orizzontale si fondono con il nuovo cofano posteriore, rubando però un pò di spazio quando si devono caricare oggetti di grosse dimensioni. La nuova Mini Paceman sarà proposta in otto diversi colori, con nuove tinte come il Brilliant Copper, il Blazing Red e l'esclusiva Starlight Blue, con abbinamento di tetto e specchietti in tinta, in bianco o in nero. L'estetica bombata e sportiva risulta però nel complesso abbastanza elegante e si abbina alla perfezione al go-kart feeling tipico del marchio Mini. Mini proporrà quattro diverse versioni della nuova Mini Paceman, due a benzina e due a gasolio con potenze comprese tra i 112 ed i 184 cavalli: la Cooper S, la Cooper, la Cooper D e la Cooper SD. Tutte le motorizzazioni possono essere ordinate con il cambio automatico a sei rapporti, disponibile come optional, così come la trazione integrale ALL4, disponibile inizialmente solo per Cooper S, Cooper SD e Cooper D.









Mini Paceman: i motori




La Mini Cooper S Paceman con motore 1.6 turbo Twin-Scroll ad iniezione diretta con Valvetronic BMW, capace di 184 cavalli a 5.500 giri ed una coppia massima di 240 Nm tra i 1.600 ed i 5.00 giri al minuto, che diventa però di 260 Nm con l'overboost. La Mini Cooper S Paceman scatta da 0 a 100 km/h in 7.5 secondi, che diventano 7.8 se si opta per il cambio automatico, che consente una velocità massima di 212 km/h, 5 in meno della variante con cambio manuale. I consumi dichiarati dalla casa sono pari a 6.1 litri ogni 100 km con 143 g/km di emissioni di CO2; con l'automatico il consumo aumenta di un litro toccando i 7.1 l/100km, con delle emissioni pari a 166 g/km.



La Mini Cooper Paceman, variante meno potente tra le motorizzazioni a benzina, è spinta da un 1.6 aspirato con comando delle valvole variabile basato sul Valvetronic BMW così come sulla versione Cooper S. Questo motore sviluppa fino a 122 cavalli a 6.000 giri, con una coppia massima di 160 Nm a 4.250 giri. Con il cambio manuale la Mini Cooper Paceman passa da 0 a 100 km/h in 10.4 secondi e tocca una velocità massima di 192 km/h con un consumo medio di 6.0 litri ogni 100 km e delle emissioni di 140 g/km di CO2. La Mini Cooper Paceman con cambio automatico raggiunge una velocità massima di 184 km/h, coprendo lo 0-100 in 11.5 secondi ed ottenendo una media consumi di 7.2 l/100km con 168 grammi al km di CO2.




Mini Cooper SD Paceman è la controparte a gasolio della Cooper S: il propulsore è un 2.0 litri turbodiesel common rail con turbina a geometria variabile con una potenza di 143 cavalli a 4.000 giri ed una coppia massima di 305 Nm compresa tra 1.750 e 2.700 giri. Il canonico scatto fino a 100 km/h è coperto in 9.2 secondi, 9.4 per l'automatica, con una velocità massima di 200 km/, 197 per la variante con cambio automatico. Il consumo è di 4.6 litri per 100 km che sale a 5.7 se la vettura monta la trasmissione automatica, mentre le emissioni sono rispettivamente di 122 e 150 g/km.




La Mini Cooper D Paceman è la vettura con la motorizzazione entry level: il 1.6 diesel con basamento in alluminio, turbina a geometria variabile ed iniezione common rail sviluppa infatti 112 cavalli a 4000 giri al minuto. La coppia massima è ottenuta tra i 1.750 ed i 2.250 giri ed è pari a 270 Nm e consente alla vettura di passare da zero a 100 km/h in 10.8 secondi, toccando una velocità massima di 182 km/h. Il consumo medio è di 4.4 l/100 km, mentre le emissioni sono pari a 115 g/km. La Mini Cooper D Paceman con cambio automatico monta invece un propulsore quattro cilindri 2.0 litri turbodiesel e scatta da 0 a 100 in 11.2 secondi, raggiungendo i 182 km/h di picco velocistico e consumando 5.6 litri ogni 100 km con delle emissioni di 149 g/km di CO2.




Tra le opzioni disponibili per tutte le quattro motorizzazioni della gamma, la trazione integrale ed il cambio automatico a sei rapporti. Lo Steptronic a sei rapporti permette il massimo controllo da parte del guidatore che può decidere di cambiare marcia a piacimento, oppure utilizzare il cambio in maniera completamente automatica. Sulla Mini Cooper S Paceman e sulla Mini Cooper SD Paceman sono presenti anche dei paddles al volante che permettono di cambiare marcia: questi bilancieri possono essere richiesti come optional anche sulle altre due motorizzazioni. Disponibile a pagamento, lo Sport Button permette di regolare alcune impostazioni della vettura per avere un comportamento più reattivo e divertente, interagendo anche sul cambio che diminuisce così i tempi di reazione.




Per quanto riguarda il sistema di trazione integrale ALL4, il funzionamento è basato su un differenziale centrale elettromagnetico che viene utilizzato per ripartire la coppia tra i due assi della vettura. Su strade normali l'asse posteriore riceve fino al 50% della coppia motrice, mentre in alcuni casi di scarsa aderenza la percentuale può arrivare fino al 100%. Il funzionamento del sistema è interamente gestito dalla centralina del DSC che, con tempi di reazione ridottissimi, dell'ordine dei millesimi di secondo, decide a quale asse dare più coppia per gestire al meglio la vettura ed ottenere il massimo della trazione su ogni superficie.




Interni e dotazioni


Mini Paceman foto ufficiali della Sports Activity Coupé di Mini

La Mini Paceman ripropone un design degli interni che si richiama fortemente al look classico del marchio. Quattro sedili singoli rendono comodo ogni posto a sedere e l'utile tunnel centrale Center Rail con portaoggetti personalizzabile è stato integrato in un nuovo modo rispetto alla Countryman. Comodo accogliente e spazioso, l'interno della vettura consente di viaggiare nel comfort anche per lunghi tragitti. Il vano bagagli contiene 330 litri nella configurazione a 4 posti, mentre se si abbattono i sedili posteriori la capacità di carico sale fino a 1080 litri. Come anticipatovi nel nostro primo contatto con il prototipo, i comandi degli alzacristalli sono stati mossi dalla parte centrale fino alle portiere dove vengono integrati nelle nuove ellissi estetiche che caratterizzano i pannelli porta: tramite il pacchetto luci offerto come optional è possibile ottenere un'illuminazione soffusa delle luci per creare un effetto elegante e sofisticato.

Mini Paceman foto ufficiali della Sports Activity Coupé di Mini
Mini Paceman foto ufficiali della Sports Activity Coupé di Mini
Mini Paceman foto ufficiali della Sports Activity Coupé di Mini
Mini Paceman foto ufficiali della Sports Activity Coupé di Mini
































































  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: