Fernando Alonso è un nuovo pilota McLaren. Con lui Jenson Button

Il pilota spagnolo rende ufficiale il suo arrivo in McLaren. Qui affianca Jenson Button, dato in partenza ed invece confermato (a scapito di Magnussen).

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:53:"L’addio di Fernando Alonso a meccanici ed ingegneri";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:4417:" 2015_alonso_mclaren

Fernando Alonso è da oggi un nuovo pilota della scuderia McLaren. La notizia è stata fornita qualche minuto fa dai colleghi di Motorsportblog, che riportano i primi commenti del 33enne pilota spagnolo. “La perseveranza e la determinazione nel chiedermi di tornare sono state decisive nel farmi assumere la mia decisione, visto che ho avuto numerose offerte”.

Alonso ha poi definito Ayrton Senna “un mio idolo d’infanzia” ed ha poi lanciato un messaggio ai tifosi: “Abbiamo tempo, speranze e le risorse necessarie: la leggenda tornerà. Questa è la nostra sfida”. “Ci siamo accordati con Fernando qualche tempo fa, ma abbiamo deciso di non annunciarlo fino a quando non abbiamo trovato l’accordo anche con Jenson – le parole di Ron Dennis, presidente della McLaren –. Le trattative sono state piuttosto lunghe, ma ora siamo contenti e fiduciosi che la nostra collaborazione con lui potrà essere efficace come in passato”.

Lo spagnolo affiancherà Jenson Button, in McLaren dal 2010 e sembrato negli scorsi giorni ad un passo dall’addio, soprattutto dopo aver salutato tifosi e tecnici alla fine del GP di Abu Dhabi. Kevin Magnussen resta sotto contratto per la scuderia di Woking, ma dovrà accontentarsi di un ruolo da riserva.


Sebastian Vettel è un nuovo pilota Ferrari. Ufficiale l'addio di Alonso

2014_fernando_alonso

Ferrari ha comunicato il suo divorzio da Fernando Alonso, che guiderà in rosso per l’ultima volta ad Abu Dhabi e sarà poi libero di rendere nota la scuderia con la quale parteciperà al campionato 2015. Lo rimpiazza Sebastian Vettel. Entrambe le notizie sono ufficiali e giungono a pochi minuti di distanza. Tutto è iniziato con il discorso di Marco Mattiacci alla squadra nei box del circuito di Yas Marina, che ha preceduto il ringraziamento con cui Alonso si è congedato da ingegneri e meccanici.

Tutta la Scuderia Ferrari ringrazia Fernando per il suo grande contributoriporta la nota ufficiale della Scuderia –, sia sotto il profilo umano che professionale”. In seguito riportiamo il testo del discorso pronunciato dall’asturiano, che saluta Maranello dopo aver conquistato 1186 punti iridati, 44 podi ed 11 vittorie in 5 campionati. Secondo Mattiacci, team principal, “nell’albo d’oro dei piloti della Scuderia Ferrari Fernando Alonso avrà sempre un posto d’onore. Siamo certi che un grande pilota come Fernando porterà sempre il Cavallino nel cuore, così come i tifosi della Ferrari continueranno a seguirlo con enorme affetto nei suoi futuri impegni”.

Poco dopo Ferrari ha confermato via Twitter l’ingaggio di Sebastian Vettel, quattro volte campione del mondo, che nella prossima stagione affiancherà Kimi Raikkonen.


";i:2;s:6073:"

L’addio di Fernando Alonso a meccanici ed ingegneri

Oggi non è una giornata facile perché, nonostante io guardi sempre al futuro con grande entusiasmo e determinazione, alla fine di questa stagione si chiuderà la mia avventura come pilota Ferrari. E’ una decisione difficile, ma allo stesso tempo molto ragionata, sulla quale dall'inizio alla fine ha prevalso il mio amore per la Ferrari. Ho sempre avuto la fortuna di decidere del mio futuro e ho questa opportunità anche adesso, e per questo devo ringraziare la squadra, che si è dimostrata in grado di comprendere la mia posizione.

Lascio la Scuderia Ferrari dopo cinque anni, durante i quali ho raggiunto il mio miglior livello professionale, affrontando grandi sfide che mi hanno spinto a trovare nuovi limiti e in cui ho dimostrato di essere anche un grande tifoso, anteponendo gli interessi della Scuderia ai miei. Quando ho dovuto prendere decisioni importanti per il mio futuro, l’ho fatto con la Ferrari nel cuore, guidato dal mio amore per la squadra. Sono molto orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato insieme.

Grazie agli sforzi degli uomini e delle donne di Maranello per tre volte siamo arrivati secondi nel Mondiale di Formula 1, per due volte combattendo fino all'ultima gara, campione virtuale per molti giri. Senza ombra di dubbio, di questi ultimi cinque anni porto con me alcuni dei ricordi più belli della mia carriera, oltre a lasciare nella squadra più che amici una famiglia. Ora guardo avanti con grande entusiasmo, ma con la certezza di portare sempre il Cavallino nel cuore. Ringrazio tutti coloro che ripongono in me la loro fiducia.

Niki Lauda: Alonso ha firmato giovedì per McLaren

fernando_alonso_mclaren

Fernando Alonso tornerà dal 2015 a guidare una monoposto della scuderia McLaren. La notizia non è ancora ufficiale, ma è stata anticipata qualche ora fa da Niki Lauda: l'ex pilota austriaco, secondo quanto scrivono i colleghi di Motorsportblog, avrebbe rivelato che la firma al contratto sarebbe stata apposta giovedì scorso. Il tre volte campione del mondo, oggi presidente della scuderia Mercedes AMG F1, si è definito tranquillo ed ha confermato che Hamilton guiderà una Freccia d’Argento anche nella prossima stagione.

Queste indiscrezioni sono state smentite da Ron Dennis, presidente della McLaren. “Non abbiamo stipulato accordi con nessun altro pilota. Non è la nostra priorità – il commento del 66enne inglese –. Jenson (Button) e Kevin (Magnussen) non sono nella posizione ideale, ma loro capiscono. La nostra priorità è costruire una macchina vincente con cui possano vincere”. D’ogni modo la realtà non lascia spazio ad interpretazioni: Magnussen gode di una clausola per il rinnovo, mentre il contratto di Button scadrà a fine stagione.

E’ notizia di ieri l’accordo che Sebastian Vettel avrebbe raggiunto con Ferrari, sulla base di un contratto triennale (con opzione per ulteriori due stagioni) a 25 milioni di euro l’anno. Ne dà notizia la Bild, mentre Auto, Motor und Sport rivela che il tedesco avrebbe confidato qualche mese fa a Luca di Montezemolo la sua intenzione di voler guidare una monoposto con il Cavallino sul cofano. Il tedesco parlò con Montezemolo durante una sua visita a Maranello, occasione durante la quale acquistò la California che avrebbe poi regalato al padre.

Vettel dà l'addio a Red Bull. Horner: Dal 2015 in Ferrari

2014_vettel_ferrari

Sebastian Vettel ha annunciato di voler abbandonare la scuderia Red Bull. Il pilota tedesco conferma in questo modo le indiscrezioni e saluta il team che lo ha reso una leggenda: Vettel ha esordito in Formula 1 nel 2009, vincendo da allora quattro campionati del mondo, 38 gare e conquistando allo stesso tempo 65 podi e 54 pole position. Chris Horner, team principal Red Bull, ha confermato che

Sì, dal primo gennaio 2015 sarà un nostro avversario: andrà in Ferrari. Ci ha informato la scorsa notte e ovviamente ha avuto delle ragioni per fare questa scelta. Non penso che l’abbia fatto a cuor leggero. Ma se ha il desiderio di andare da qualche altra parte, allora è giusto che segua la sua strada. Abbiamo raggiunto tantissimi risultati insieme, abbiamo vinto tanto, abbiamo avuto grandi momenti, dentro e fuori dalla pista e guarderemo al passato con affetto...

Il responsabile Motorsport della Red Red Bull, Helmut Marko, ha rivelato che il tedesco

non ha rotto il suo contratto. C’era una clausola per cui poteva andare e recentemente ce lo ha fatto sapere

Red Bull lo sostituirà con il 20enne russo Daniil Kvyat, confermando ovviamente Daniel Ricciardo. In Toro Rosso finiranno invece il 17enne olandese Max Verstappen e probabilmente Carlos Sainz junior, anch’egli 20enne, figlio del grande rallysta spagnolo. E Fernando Alonso? Il due volte campione del mondo ha ammesso “di poter scegliere dove andare”, ma il tempo per una decisione non è ancora maturo (“Ci sto pensando”). D’ogni modo pare che il suo ritorno in McLaren debba solamente venir ufficializzato.
";}}

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
61 commenti Aggiorna
Ordina: