Range Rover Sport 2013: prezzi, video e prova su strada

La nuova Range Rover Sport si presenta più leggera, potente ed efficiente, con un maggiore piacere di guida e più sportività. Ecco la nostra prova su strada.

a:2:{s:5:"pages";a:6:{i:1;s:0:"";i:2;s:37:"Range Rover Sport: la guida su strada";i:3;s:42:"Range Rover Sport: la guida in fuoristrada";i:4;s:52:"I motori: tanta coppia grazie alla sovralimentazione";i:5;s:17:"Interni e Comfort";i:6;s:32:"Listino Prezzi Range Rover Sport";}s:7:"content";a:6:{i:1;s:2757:"

Sport, questa la parola chiave della nuova Range Rover Sport che, non solo nel nome, diventa più sportiva che mai, sia nell’estetica, sia nella guida. Più leggera, più lunga, larga e bassa rispetto al precedente modello, la nuova Range Rover Sport si caratterizza per via di un animo ancor più dinamico e prestazionale, senza tuttavia scordare le origini offroad del marchio. Una Sport Utility che, pur vantando doti fuoristradistiche invidiabili, un lusso da ammiraglia ed un ottimo comfort interno, si lascia guidare in maniera piacevole, nascondendo bene il suo peso che, pur essendo molto inferiore rispetto al passato, rimane di oltre due tonnellate.

In Italia la nuova Range Rover Sport arriverà inizialmente con tre diverse motorizzazioni, due a gasolio ed una a benzina, l’ultraperformante V8 Supercharged, ma già dal prossimo anno saranno disponibili un nuovo V8 4.4 litri a gasolio da 339 cavalli e 700 Nm, e l’inedita Range Rover Sport ibrida, della quale il costruttore inglese non ha ancora rivelato i dettagli. Al momento del lancio, oltre al V8 5.0 litri sovralimentato da 510 cavalli e 625 Nm, saranno disponibili il V6 diesel da 258 cavalli e 600 Nm ed una variante più performante dello stesso 3.0 litri, in grado di erogare 292 cavalli e 600 Nm.

Tutte le versioni sono ovviamente abbinate solo alla trazione integrale e propongono di serie, come unica scelta, un cambio automatico ZF ad otto rapporti, che si abbina davvero bene alle motorizzazioni proposte da Land Rover, permettendo di godere appieno della potenza dei propulsori, massimizzando al contempo l’efficienza di marcia. La Range Rover Sport si è così evoluta diventando una vettura più divertente, sportiva e fruibile, con tanto spazio a bordo, un’estetica riuscita e particolari ben rifiniti. I prezzi però sono proporzionali alle qualità dell’auto, con un listino base cha parte da 67 mila euro, ma che schizza fino a 102 mila euro se si sceglie l’allestimento più pregiato della V8 a benzina.

Noi l’abbiamo provata in tutte le sue motorizzazioni, con il V6 diesel che si è rivelato un’ottima scelta per quest’auto, ben bilanciato e con tanta coppia. Certo il massimo sarebbe il potentissimo V8 a benzina, ma oltre al prezzo d’acquisto, i costi di gestione, almeno in Italia, si rivelano estremamente impegnativi, anche se quel sound e l’irruenza del motore potrebbero sopraffare la ragione al momento dell’acquisto. Vediamo ora nel dettaglio come la nuova Range Rover Sport si comporta su strada ed in fuoristrada, analizzandone tutte le caratteristiche distintive.

";i:2;s:4398:"

Range Rover Sport: la guida su strada

Range Rover Sport 2013: prezzi e prova su strada

Salendo sull’auto si prende immediatamente confidenza con la posizione rialzata di guida, che però si rivela comoda e consente una buona visione della strada, sia nella porzione frontale, sia in quella laterale. Ogni guidatore acquisisce così confidenza nel mezzo che, nonostante le imponenti dimensioni, si parla infatti di una lunghezza di 4.850 millimetri, per una larghezza di 2.073 ed un’altezza di 1.780, si rivela facilmente gestibile anche nelle strade di campagna, caratterizzate da carreggiate dalle dimensioni ristrette. Merito del volante elettro assistito che, seppur non garantendo un feeling sportivo, risulta progressivo e facilmente controllabile, senza però rivelarsi comunicativo. Lo sterzo infatti regola la propria taratura a seconda della velocità di marcia, irrigidendosi con il crescere della velocità e diventando più diretto e preciso.

Questa caratteristica permette di guidare la nuova Range Rover Sport con estrema facilità, con il guidatore che sente di più la macchina, senza bisogno che lo sterzo comunichi troppe sensazioni, limitandosi ad impostare le traiettorie con buona precisione. Non troppo veloci, i cambi di direzione sono influenzati dal peso della vettura, che, pur essendo minore di 420 chilogrammi in alcune versioni rispetto alla precedente generazione della Range Rover Sport, risulta tutt’altro che contenuto: ben 2.115 chilogrammi per il V6 diesel, che arrivano fino a 2.398 per il V8 a gasolio. Per gestire al meglio le masse della Range Sport, Land Rover ha donato alla vettura un sistema sospensivo anteriore con doppi bracci oscillanti, barre antirollio e molle pneumatiche con sospensioni a smorzamento controllato di serie su tutti i modelli. Al posteriore si trova invece uno schema Multilink, con ammortizzatori a smorzamento controllato, molle pneumatiche ed una barra antirollio. Fatta eccezione per l’entry level a gasolio da 258 cavalli, Land Rover propone anche un sistema di controllo del rollio adattivo, proposto di serie solo sulla V8 Supercharged ed opzionale per le altre motorizzazioni, che gestisce ogni sospensione in maniera indipendente, mantenendo più piatta e stabile la vettura.

L’assetto, vista la fine architettura delle sospensioni, è uno dei punti forte della vettura che alla guida si rivela ben diversa dai normali Suv. La nuova Range Rover Sport si dimostra ben piantata a terra, sfoggiando un’ottima tenuta di strada ed un rollio abbastanza contenuto, ma ancora sensibilmente presente. Le sensazioni di guida sono più da berlina di grosse dimensioni che da Suv, con l’auto che si rivela davvero precisa in curva e, se non fosse per il peso, anche divertente. Alzando il ritmo però la massa dell’auto inizia a farsi sentire, rendendo l’ingresso in curva un po’ meno preciso, con l’auto che flette trasversalmente quando si passa dal freno all’acceleratore in un fenomeno di rollio poco percettibile ma che nei tratti di guida veloce risulta abbastanza presente.

Il selettore delle modalità di guida vanta, su alcune versioni, la modalità Dynamic che enfatizza la sportività dell’auto tramite alcuni aiuti elettronici. L’asse posteriore monta il Dynamic Active Rear Locking Differential, un differenziale a controllo elettronico che, reagendo in soli 70 millisecondi, varia la percentuale di bloccaggio, rendendo più sportiva la guida. Insieme a questo differenziale, Range Rover ha sviluppato anche il Torque Vectoring by Braking che, pinzando la ruota che perde aderenza, permette di gestire meglio la potenza del motore, migliorando la precisione di guida e la facilità d’utilizzo.

Tirando le somme si può dire che la nuova Range Rover Sport è migliorata moltissimo dal punto di vista della dinamica di guida: più rigida, precisa e divertente rispetto alla sua prima versione, patisce ancora l’altezza da terra ed il suo peso. Queste caratteristiche però sono tipiche della categoria delle Sport Utility, con la Range Rover Sport che minimizza gli effetti negativi ponendosi ai vertici del segmento per quanto riguarda la dinamica ed il piacere di guida.

";i:3;s:4411:"

Range Rover Sport: la guida in fuoristrada


A fronte di una dinamica di guida notevolmente migliorata, la Range Rover Sport non ha perso la sua anima offroad, rivelandosi maneggevole e confortevole anche nei tratti di fuoristrada. Il merito, oltre che al telaio, è da attribuire al raffinato schema sospensivo che garantisce un’articolazione di ben 546 millimetri, un valore davvero notevole per un comodo Suv, con 260 millimetri di escursione per le ruote anteriori e 272 per quelle posteriori. La comodità, e la modularità dell’assetto, è garantita dalle sospensioni pneumatiche che, interfacciandosi con il Terrain Response 2, regolano la vettura per affrontare al meglio ogni percorso, dalle strade più tortuose, alle salite di fango più ripide.

La quinta generazione dell’assetto pneumatico di Land Rover permette infatti di alzare, od abbassare, il corpo vettura per un massimo di 115 millimetri di escursione, enfatizzando anche la comodità di utilizzo visto che, nella posizione Access, l’auto si abbassa di 50 millimetri per facilitare la salita e la discesa dei passeggeri. Durante la marcia alcuni sensori permettono di alzare automaticamente l’auto di 35 millimetri quando necessario: questa funzione di offroad intermedio è utilizzabile fino a 80 chilometri orari di velocità massima, così da permettere di percorrere strade accidentate anche a velocità sostenuta. Il guidatore può anche decidere di estendere ulteriormente l’assetto di altri 3.5 centimetri: agendo manualmente sul controllo delle sospensioni si può così portare l’escursione fino a 185 millimetri.

Land Rover, vista la propria anima offroad, ha reso disponibile per la nuova Range Rover Sport due diversi sistemi di trazione integrale. La prima versione è composta da una scatola di riduzione a due gamme di velocità: dedicata al fuoristrada più impegnativo, divide la coppia in parti eque tra l’asse anteriore e quello posteriore, garantendo il 100% di bloccabilità dei differenziali. Il secondo, che privilegia la dinamica di guida su strada, è più leggero di 18 chilogrammi ed utilizza una scatola di riduzione a gamma singola di rapporti, abbinata ad un differenziale Torsen che gestisce in maniera automatica la coppia tra gli assi. Normalmente il sistema lavora con il 42% della coppia motrice all’anteriore ed il 58% al posteriore, enfatizzando il piacere di guida e l’agilità della vettura.

Il selettore della modalità di guida Terrain Response 2 consente di modificare il setup della nuova Range Rover Sport a seconda della superfice che si vuole affrontare. Cinque i diversi programmi dedicati unicamente alla guida in fuoristrada: Guida Generica, Bassa aderenza, per erba, ghiaia e neve, Sabbia, Roccia, oppure fango e solchi. I Terrain Response può anche essere utilizzato in modalità automatica, facendo regolare al sistema tutti i parametri in maniera ottimale, ma nell’offroad più spinto si ottiene il massimo solo con i vari programmi di utilizzo.

La guida in fuoristrada della nuova Range Rover Sport risulta di ottimo livello, soprattutto tenendo conto delle generose dimensioni delle gomme che, sulle nostre vetture, erano montate su cerchi in lega da 21 pollici, non proprio l’ideale per la guida in fuoristrada. Tra i gadget più particolari proposti per gli amanti dell’offroad, Land Rover ha creato il Wade Sensing, un sistema che, rilevando grazie a delle telecamere e ad un giroscopio la posizione della vettura all’interno dei guadi, riporta la profondità dell’acqua sullo schermo dell’impianto di infotainment, segnalando al guidatore quando si è in procinto di superare gli 85 centimetri di tenuta stagna garantiti dal marchio inglese.

Range Rover propone anche un sistema di marce ridotte, dedicato agli amanti del fuoristrada con sistema sincronizzato shift on the move che permette di passare dalla gamma alta, con rapporto 1:1, alla gamma bassa, con rapporto 2.93:1, anche in movimento. Immancabili infine i vari sistemi di controllo della velocità di discesa e di partenza in salita, con l’Hill Descent Control, il Gradient Release Control, l’Hill Start Assist ed il Roll Stability Control.

";i:4;s:4070:"

I motori: tanta coppia grazie alla sovralimentazione

Range Rover Sport 2013: prezzi e prova su strada

Land Rover propone la nuova Range Rover Sport con una gamma di motori benzina e diesel con potenze che spaziano dai 258 ai 510 cavalli. Entro il 2014 arriverà anche una motorizzazione ibrida, della quale però il costruttore britannico non ha ancora rivelato i dettagli, oltre al nuovo V8 turbodiesel da 4.4 litri che sarà in grado di sviluppare 339 cavalli ed una coppia massima di 700 Nm. Al momento del lancio la Range Rover Sport sarà disponibile con un V6 da 3.0 litri declinato in due varianti di potenza, un V6 benzina Supercharged, non previsto per il nostro mercato, e con il V8 5.0 litri Supercharged.

Il sei cilindri diesel nella sua variante da 258 cavalli è in grado di erogare 600 Nm di coppia, garantendo un’accelerazione da 0 a 100 chilometri orari in 7.6 secondi, con 194 grammi di emissioni di anidride carbonica ogni chilometro. Più veloce ed elastica la V6 diesel da 292 cavalli che, seppur presentando la stessa coppia della entry level, si rivela più spigliata e divertente da guidare, con uno 0-100 coperto in 7.2 secondi e delle emissioni di poco superiori, pari a 199 grammi di CO2 per chilometro. Ancora più performante il V8 diesel da 4.4 litri: dall’alto dei suoi 339 cavalli, questo otto cilindri a gasolio, uno dei pochi ancora disponibili sul mercato, vanta 700 Nm di coppia, con uno scatto da 0 a 100 chilometri orari coperto in 6.9 secondi e delle emissioni di CO2 pari a 229 grammi per chilometro.

La scelta più esaltante è però rappresentata dal V8 Supercharged, un 5.0 litri sovralimentato in grado di erogare ben 510 cavalli e 625 Nm. Grazie a questa potenza la Range Sport scatta da 0 a 100 in 5.3 secondi, arrivando a 250 chilometri orari di velocità massima emettendo 298 grammi di anidride carbonica ogni chilometro.
Durante la nostra prova abbiamo provato le motorizzazioni che saranno disponibili in Italia durante il lancio della vettura, trovando nel sei cilindri diesel un ottimo compromesso tra guidabilità, costi d’acquisto e di gestione. Il 3.0 litri risulta infatti estremamente corposo, vantando un’erogazione lineare e ben spalmata lungo tutto l’arco di utilizzo del motore. Le accelerazioni da fermo sono buone, grazie al buon valore di coppia, con l’allungo che non patisce affatto il peso della vettura, che si muove in maniera spigliata e risponde molto bene agli input del pedale destro, risultando anche divertente se spinta a dovere.

Il piacere di guida, e la sportività, sono però massimizzate dalla motorizzazione V8 a benzina, riservata ai pochi che possono permettersi, oltre al costo d’acquisto elevato, anche i costi di gestione. L’accelerazione è davvero bruciante, soprattutto tenendo conto che si è alla guida di un Suv da 2.310 chilogrammi. La progressione è estremamente piacevole, la spinta, grazie al compressore volumetrico, è continua e lineare, senza vuoti ma con una cattiveria da vera sportiva. Reazioni rapide e risposte vigorose caratterizzano questo otto cilindri che spinge davvero forte in ogni situazione, calando solo quando si è prossimi al limitatore dei giri ed unicamente nella modalità di guida manuale.

Parte del merito delle sopracitate caratteristiche, sia dell’otto cilindri a benzina, sia del V6 diesel, è però da attribuire al cambio automatico ZF ad otto rapporti. Questa trasmissione risulta infatti particolarmente adatta alla vettura, mantenendo sempre in coppia il motore a bassi regimi di rotazione, così da enfatizzare il piacere di guida pur massimizzando l’efficienza di marcia. Se proprio gli si vuol fare un appunto, nelle fasi di guida più concitate a volte la risposta non è delle più precise ed in scalata il ritardo di innesto è sensibile, problemi che però non si presentano affatto durante le situazioni di guida quotidiana.

";i:5;s:3524:"

Interni e Comfort


La Range Rover Sport 2013 si presenta con un look esterno sportivo, caratterizzato da linee dinamiche e da un’innegabile connotazione offroad. Aprendo le portiere ed entrando nell’abitacolo ci si accorge però di come gli interni siano contrapposti alla carrozzeria, con un design estremamente lussuoso, pregiato e di alto livello. Materiali ricercati, finiture curate e particolari d’alta gamma caratterizzano gli interni della vettura che può essere personalizzata in svariati modi. A listino sono infatti presenti ben 11 temi di colore interno, più una scelta aggiuntiva per il colore dei sedili; quattro diverse finiture in alluminio possono essere sostituite con tre diversi rivestimenti in vero legno, abbinabili ad altrettanti colori del cielo. La carrozzeria può essere verniciata in 19 tonalità, con tre colori a contrasto per il tetto il Corris Gray, il Santorini Black e l’Indus Silver, così come i dettagli per la finitura esterna. Quattro diverse dimensioni di cerchi in lega da 19 a 22 pollici permettono di completare le grandi possibilità di personalizzazione della Sport Utility inglese.

Sedendosi al posto di guida ci si accorge immediatamente di come i sedili siano morbidi ma ben contenitvi, capaci di garantire un ottimo supporto in curva pur mantenendo un ottimo livello di comfort. La posizione di guida è comoda ed ogni dettaglio è al posto giusto, con il guidatore che può facilmente azionare qualsiasi funzione della vettura. Al primo impatto il tunnel centrale è un po’ confusionario, con molti tasti che regolano le varie funzioni di guida della vettura, bisogna prenderci la mano perché per capire ogni funzionalità è necessario un po’ di tempo vista la caratterizzazione specialistica di questi pulsanti.

Restando sulla tecnologia l’impianto di infotainment è discreto, anche se c’è da dire che il vero punto debole degli interni è caratterizzato dallo schermo al centro della plancia. La risoluzione e la qualità di questo touchscreen non sono all’altezza del livello globale dell’auto, un vero peccato. La qualità delle immagini sullo schermo centrale non è delle migliori, con lo schermo del quadro strumenti che vanta una definizione ed una qualità maggiore rispetto a quello dell’impianto di infotainment. Oltre a ciò, la gestione di navigatore, radio e funzioni aggiuntive non è delle più semplici, ma una volta imparata la logica di funzionamento, ogni operazione risulta abbastanza rapida.

Il comfort a bordo è di ottimo livello: nonostante le dimensioni esterne, la nuova Range Rover Sport si rivela estremamente silenziosa, lasciando penetrare nell’abitacolo solo il vigoroso suono del motore nelle varianti a benzina, isolando bene il rumore dei sei cilindri a gasolio. Durante la guida ci si accorge subito di come il lavoro fatto sulle sospensioni per migliorare la sportività e la guida in fuoristrada non abbia rovinato minimamente il comfort di marcia. Grazie alle sospensioni pneumatiche infatti i moti di cassa sono ridotti e nei tratti sconnessi l’auto soffre poco, copiando bene ogni imperfezione stradale. Solo in fuoristrada, e nelle strade molto dissestate, l’assetto risulta inevitabilmente un po’ troppo rigido, un piccolo prezzo da pagare per la rinnovata dinamica di guida della Range Rover Sport.

";i:6;s:702:"

Listino Prezzi RAnge Rover Sport

Range Rover Sport 3.0 TDV6 258 cv SE 67.000 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 258 cv HSE 73.700 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 258 cv HSE Dynamic 75.800 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 292 cv SE 71.800 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 292 cv HSE 77.500 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 292 cv HSE Dynamic 80.100 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 292 cv Autobiography 89.200 euro
Range Rover Sport 3.0 TDV6 292 cv Autobiography Dynamic 91.300 euro
Range Rover Sport 5.0 V8 Supercharged 510 cv HSE Dynamic 90.900 euro
Range Rover Sport 5.0 V8 Supercharged 510 cv Autobiography Dynamic 102.000 euro

";}}

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: