Piano industriale Fiat-Chrysler: i programmi per Dodge

Dodge: il piano di rilancio messo a punto da Fiat

Dopo una breve introduzione del presidente Chrysler Robert Kidder, in cui è stato elogiato l'approccio innovativo portato da Sergio Marchionne ad Auburn Hills, la conferenza (anzi, la "maratona") stampa che durerà otto ore, è entrata subito nel vivo: primo programma ad essere esposto è quello che riguarda Dodge.

La casa vivrà una vera e propria rivoluzione nel quinquennio 2010-2014: a partire dal logo e dall'immagine di marca, tutto cambierà profondamente. Dodge si trasformerà gradualmente fino a diventare un brand lifestyle-oriented, più attento ai giovani e per quanto riguarda la sostanza delle sue auto, maggiormente interessato alla cura della qualità e delle finiture, e al piacere di guida.

Dal secondo trimestre del 2010, si avvierà un processo di re-branding e re-positioning completo, che andrà ad interessare anche le attività del marketing della casa. Prima di allora ci sarà un'ottimizzazione degli aspetti critici della gamma odierna, ma a noi interessa di più sapere quello che accadrà con la prossima generazione di modelli.

Dodge: il piano di rilancio messo a punto da Fiat

Dodge: il piano di rilancio messo a punto da Fiat
Dodge: il piano di rilancio messo a punto da Fiat
Dodge: il piano di rilancio messo a punto da Fiat

Fiat fornirà le basi tecniche per una berlina di segmento C (2012), una due volumi di segmento B (2013) ed un'erede dell'Avenger, per quanto riguarda il segmento D. La Caliber invece, sparirà nel 2012, la Nitro, forse. La Viper sarà prodotta in 500 esemplari fino a giugno 2010, poi nel 2012 arriverà l'erede, realizzata in collaborazione con Fiat. Per il resto, la casa presenterà 11 modelli nuovi o aggiornati entro il 2014, e si disimpegnerà parzialmente dalla serie NASCAR, dove dei due team attuali rimarrà solo quello gestito da Roger Penske.

  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina: