Dakar Rally 2018: presentata a Parigi la 40^ edizione

MINI e Toyota pronte a dare del filo da torcere ai campioni indiscussi dell'armata Peugeot.


Presentata a Parigi la 40^ edizione della Dakar 2018. La corsa più impegnativa al mondo partirà il prossimo 6 gennaio da Lima e si chiuderà a Córdoba, capitale del motorsport argentino e traguardo finale della grande maratona off-road. Quasi 9.000 km, ben 4.500 di prove speciali. Quest'anno i concorrenti dovranno affrontare le dune sabbiose del Perù, l'altitudine e le condizioni estreme del clima boliviano, le insidie del territorio e delle torride temperature argentine.

Queste le parole di Etienne Lavigne, il direttore del Rally:

“Come in Africa alla fine degli anni '70 od oggi in Sud America, i piloti che partecipano alla Dakar sono animati dallo stesso desiderio di avventura e dalla stessa sete di scoperta".

Ben 525 i concorrenti per un totale di 337 mezzi di cui 91 auto, 14 Side by Side, 42 camion e 190 tra moto e quad di 54 diverse nazionalità. Cresce il numero degli italiani tra partecipanti, ma Francia, Argentina e Olanda restano ancora le nazioni più rappresentate.

Il pilota da battere è Stéphane Peterhansel, 13 volte vincitore del rally. Il francese a capo dell’armata Peugeot lo scorso anno ha conquistato l’intero podio categoria auto insieme a Sébastien Loeb e Cyril Despres. Toyota si affida a Nasser Al Attiyah, pronto alla sfida dopo il ritiro dello scorso gennaio.

Il Team X-raid schiererà ben sette vetture ed un team esperto di piloti e co-piloti. Le tre MINI John Cooper Works Buggy saranno pilotate da Mikko Hirvonen, Bryce Menzies e Yazeed Ali-Rajhi. Al volante delle MINI John Cooper Works Rally ci saranno Orlando Terranova, Jakub Przygonski, Joan “Nani” Roma e Boris Garafulic. Un ritorno da figliol prodigo per lo spagnolo Joan “Nani” Roma, campione con MINI nel 2014 e tornato all'ovile dopo aver conseguito un buon quarto posto alla Dakar 2017 alla guida di una Toyota.

dakar-2018.jpg

  • shares
  • Mail