Opel-PSA: nasce il secondo gruppo in Europa

Opel-PSA, la cessione del marchio tedesco al gruppo francese è definitiva. Nasce così il secondo gruppo auto in Europa.

Il matrimonio OpelPSA è cosa fatta. Dopo 88 anni con General Motors, infatti, da martedì 1 agosto i marchi Opel e Vauxhall (il marchio Opel nel Regno Unito, ndr) sono ufficialmente passati al Gruppo PSA che annovera già i brand Peugeot, Citroën e DS Automobiles. L’iter era iniziato a marzo 2017 quando il gruppo transalpino ha annunciato di essere pronta a investire 2,2 miliardi per rilevare Opel.

“Assistiamo alla nascita di un vero grande gruppo europeo – ha spiegato Carlos Tavares, Presidente del Direttorio di Groupe PSA -. Aiuteremo Opel e Vauxhall a tornare alla redditività e insieme intendiamo definire nuovi standard per il settore”. Opel, che genera perdite da circa 15 anni, dovrà generare utili a partire dal 2020 ma in generale il nuovo gruppo punta a produrre sostanziali economie di scala e sinergie negli acquisti, nella produzione e nella ricerca e sviluppo. Il risparmio stimato è di 1,7 miliardi di euro. Con l’acquisizione di Opel, la quota di mercato del Gruppo PSA è di circa il 17% in Europa, che vale il secondo posto nel continente dietro al Gruppo Volkswagen. L’obiettivo è passare dalle 4,3 milioni di auto vendute del 2016 alle 5 milioni del 2020.

Nel comunicato diffuso, Opel sottolinea che continuerà a collaborare con General Motors, dallo sviluppo della propulsione elettrica alla produzione di veicoli per i marchi GM Buick e Holden. Il Gruppo PSA e Opel collaborano dal 2012 alla realizzazione di quattro veicoli: Opel Crossland X, Opel Grandland X e sul successore di Opel Combo, il veicolo commerciale leggero, che arriverà sul mercato nel 2018. L’anno seguente toccherà alla prossima generazione di Opel Corsa.

Ultime notizie su Annunci

Annunci, presentazione di nuovi modelli.

Tutto su Annunci →