BMW M4 GTS: la prova in pista [Video]

La BMW M4 GTS provata in video tra i cordoli di Monza. 500 cavalli, un prezzo di oltre 150 mila euro e tante foto da vedere.

Ogni volta che metti il casco nei box di Monza è come la prima. L’emozione di guidare tra i cordoli dell’autodromo brianzolo è una sensazione unica, soprattutto quando ci si mette al volante di un’auto tutt’altro che lontana da una sportiva da gara. Sto parlando della BMW M4 GTS, la versione più estrema della coupé di Monaco, nonché la più raffinata a livello tecnico. Il suo motore, ad esempio, è il primo, di serie, a sfruttare un sistema di iniezione d’acqua per migliorare il rendimento. A testimoniare le raffinatezze tecnologiche c'è anche il prezzo di listino pari a 153.200 euro.

Per diventare ancor più leggera e tagliente del modello di serie la BMW M4 GTS è stata svuotata di tutto il superfluo: non ha i sedili posteriori, rimpiazzati da una roll cage che irrigidisce e rende più sicura l’auto. Anche altri particolari sono stati sostituiti per ridurre all’osso il peso di quest’auto: sedili in fibra di carbonio e rivestimenti delle portiere ne sono un esempio. Anche la scelta dei materiali è pensata per ottenere il massimo: il magnesio viene utilizzato per alcune componenti mentre all’esterno è un tripudio di fibra di carbonio, materiale che compone, a richiesta, anche i cerchi. Il nuovo kit aerodinamico con splitter e alettone posteriore è realizzato con questo materiale mentre i fanali posteriori sfruttano la tecnologia Oled per essere più visibili.

Il peso a vuoto è così pari a 1.510 chilogrammi, ottenendo un rapporto peso potenza pari a 3 chili per cavallo. Il sei cilindri in linea TwinPower Turbo riesce infatti ad erogare una potenza massima di 500 cavalli esprimendo una coppia di 600 Nm tra i 4.000 ed i 5.500 giri al minuto. Dati da sportiva purosangue che uniti ad un assetto regolabile e ad uno sterzo precisissimo rendono la BMW M4 GTS un’arma affilatissima per la pista. Proprio per dare il massimo tra i cordoli il reparto Motorsport di BMW ha sviluppato un assetto estremamante basso e rigido con il quale l’auto non è omologata per circolare su strada, come invece è con il setup stradale.

Devo dire che a Monaco hanno fatto davvero centro. Non mi era praticamente mai capitato prima d’ora di provare un’auto targata così vicina ad un’auto da competizione. La BMW M4 GTS è tanto estrema che scendendo verso la Roggia ha iniziato a saltellare per le leggere sconnessioni della pista brianzola: serve un vero pilota per portarla al limite. Anche gli pneumatici sono di stretta derivazione sportiva, le Michelin Sport Cup devono essere scaldate prima di rendere al meglio e hanno saputo farmelo notare fin dai primi metri di pista.

VOTO 9

Una volta che la mescola è in temperatura la BMW M4 GTS diventa una belva divora cordoli, molto ben bilanciata ed estremamente comunicativa. Prima di tradirti con un sovrasterzo ti avverte con largo anticipo, lasciandoti correggere facilmente anche quando la porti al limite. Cosa che non accade affatto di rado visti i 500 cavalli del suo 3.0 litri sovralimentato che si fa sentire tantissimo dentro l’abitacolo, coinvolgendo al massimo chi è alla guida. La trazione grazie alle gomme posteriori da 285/30 non manca ma se si spalanca il gas senza aiuti elettronici bisogna essere pronti ad un controllo tanto rapido quanto preciso.

Proprio in queste fasi, come sulle lunghe curve in appoggio, si apprezza il granitico avantreno, inamovibile dalla linea impostata dal guidatore. La rigidità del telaio è elevatissima e tutte le sensazioni di guida vengono trasmesse in maniera pura e senza filtri al guidatore. Le staccate sono potentissime e i freni carboceramici della BMW M4 GTS sono ben dosabili e praticamente instancabili anche sull’esigentissimo tracciato brianzolo.

La BMW M4 GTS è un’auto a cui bisogna dare del lei, domarla facendola sfogare e buttando una dietro l’altra tutte le sette marce dell’automatico doppia frizione, passando da 0 a 100 km/h in 3.8 secondi e arrivando a sfiorare i 300 all’ora sul rettilineo dei box, senza essere poi così lontani da quei 305 chilometri orari dichiarati di velocità massima. Si tratta dunque di una degna erede della BMW M3 CSL? Assolutamente no. La BMW M4 GTS è un’auto totalmente diversa e nettamente migliore sotto svariati aspetti, soprattutto quando si decide di portarla in pista.

BMW M4: il listino prezzi


bmw-m4-gts-listino-prezzi

La nuova BMW M4 GTS è la versione più sportiva della gamma M4. Proprio per questo ha un prezzo decisamente esclusivo. Il listino prezzi parte infatti da 153.200 euro ai quali si possono aggiungere qualche migliaio di euro di optional. Alcune dotazioni a richiesta possono infatti essere l'antifurto con allarme da 510 euro, la funzione TV per l'infotainment da 1.060 euro, le immancabili verniciature personalizzate, come la Frozen Dark Grey Metallic della nostra prova da 3.390 euro e i cerchi BMW M Carbon Compound in carbonio e alluminio da ben 13 mila euro.

Scheda Tecnica BMW M4 GTS


bmw-m4-gts-scheda-tecnica

La BMW M4 GTS è una raffinata auto stradale che ha però una stretta parentela con le auto da competizione. L'interno è a due posti secchi, l'assetto è regolabile manualmente e le appendici aerodinamiche non lasciano spazio all'immaginazione. Il suo motore 3.0 litri TwinPower Turbo eroga 500 cavalli grazie anche al sistema di iniezione di acqua nella camera di combustione. Le sue dimensioni sono leggermente differenti da quelle di una BMW M4 standard: la lunghezza sale infatti a 4.689 millimetri.

  • shares
  • Mail