I limiti per i neopatentati: la durata, i limiti di velocità e quali sanzioni si rischiano

Il Codice della Strada prevede dei limiti per i neopatentati: velocità, auto da usare, tasso alcolemico. Ecco tutti i dettagli per non incorrere in sanzioni e per quanti anni dura la limitazione.

I limiti per i neopatentati sono il risvolto della medaglia per chi ha appena conseguito la patente: ci sono alcune cose a cui fare attenzione per tutto il primo anno e altre per le quali i limiti temporali sono estesi fino al terzo anno; anche le sanzioni saranno più dure per i neopatentati. Facciamo un punto su quali sono le regole da seguire e per quanti anni.

I limiti per i neopatentati per il primo anno

Per tutto il primo anno dal conseguimento della patente, i neopatentati non potranno guidare qualsiasi macchina a disposizione, ma dovranno fare attenzione al limite di cilindrata imposto dal Ministero dei Trasporti. Le macchine consentite dovranno rimanere sotto il rapporto peso / potenza di 55 kw/t, con un limite comunque di potenza massima pari a 70 kW: ecco l’elenco di auto consentite già segnalate su Autoblog.it.

I limiti per i neopatentati nei tre anni

Oltre alla cilindrata, ci sono limiti imposti dal Codice della Strada che durano ben tre anni e ai quali bisogna fare costantemente attenzione, ovvero:

  • velocità: non si possono superare i limiti di 100 Km/h sulle autostrade e i 90 Km/h sulle extraurbane principali, come previsto dall’art. 117 del Codice della Strada;
  • tasso alcolemico: tolleranza zero. Per i primi tre anni della vostra patente scordatevi anche la minima goccia di bevanda alcolica se poi dopo dovrete mettervi alla guida, come spiegato dall’art. 186 bis del Codice della Strada.

Le sanzioni e i punti patente per i neopatentati

Oltre a queste limitazioni, per tutta la durata dei tre anni dalla patente dovrete anche fare particolarmente attenzione alle multe che prevedono una decurtazione di punti, perché per voi la sanzione sarà raddoppiata. C’è però da dire che se il vostro comportamento sarà impeccabile, guadagnerete un punto extra per ogni anno in cui non collezionerete infrazioni, fino al massimo di tre.

Per quanto riguarda invece le sanzioni nel caso in cui non doveste rispettare i limiti imposti nei tre anni, saranno:

  • tasso alcolemico superiore allo 0 e inferiore a 0,5 g/l – multa da 155 a 624 euro e decurtazione di 5 punti dalla patente, ma se causate un incidente allora il tutto si raddoppia;
  • tasso alcolemico tra 0,5 g/l e 0,8 g/l – multa di 667,70 euro, con meno 10 punti e sospensione della patente da 3 a 6 mesi;
  • tasso alcolemico tra 0,8 g/l e 1,5 g/l – multa da 1.066,70 a 4.800 euro, decurtazione di 10 punti dalla patente e arresto fino a 9 mesi;
  • tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l – multa tra 2.000 a 9.000 euro, 10 punti della patente in meno, ma questa verrà anche sospesa tra 16 a 36 mesi, inoltre è previsto l’arresto tra 8 e 18 mesi, oltre al sequestro dell’auto;
  • guida di auto con rapporto peso/potenza non adeguato e superamento dei limiti di velocità previsti – multa da 152 euro a 608 euro, con sospensione della patente da 2 a 8 mesi.

L’invito alla prudenza e alla sicurezza è l’obiettivo che si cela dietro questi limiti imposti ai neopatentati, per cui una maggior cautela non deve essere visto come pena da scontare, quanto piuttosto come invito ad abituarsi ad una vita da guidatore accorto.

Ultime notizie su Sicurezza

Sicurezza

Tutto su Sicurezza →