Charlie Miller, l'hacker delle Jeep, lascia Twitter

blackhat-jeep-hack.jpg

Nelle scorse settimane l'affaire delle Jeep hackerate ha tenuto banco nel mondo internet. Un storia piuttosto complessa che ha visto due ricercatori Charlie Miller e Chris Valasek, riuscire a prendere il controllo di una Cherooke mentre viaggiava in autostrada.

I dettagli sono stati raccontati durante l'ultima Blackhat Conference a Las Vegas. Si, perchè i due protagonisti non sono persone qualsiasi ma veri e propri ricercatori nell'ambito della sicurezza informatica. Senza entrare troppo nel tecnico è stata utilizzata la rete telefonica cellulare per accedere al sistema infotainment e prendere il controllo di motore, freni e sterzo. C'è da dire che, secondo Reuters, i loro sforzi sono stati comunque coordinati con FCA la quale ha richiamato immediatamente tutti i veicoli interessati al possibile hacking.

Ebbene, Charlie Miller, che vanta tra l'altro quattro anni e mezzo di lavoro presso la NSA (l'Agenzia per la Sicurezza Nazionale USA) ha lasciato il proprio incarico di ingegnere in Twitter, azienda per la quale lavorava da tre anni. Non ci sono stati commenti da parte dell'interessato, ma non è escluso che il suo prossimo incarico possa essere proprio nell'industria automobilistica. Si, perchè il pericolo teorico è stato finalmente preso in considerazione dalle case automobilistiche che, come ha pubblicato Automotive News, si sono decise a creare una "santa alleanza" contro i cyber attacchi. Per la serie, meglio tardi che mai.

  • shares
  • Mail