Nuova MX-5 ND: Mazda pensa ad una versione MPS; col turbo...

Mazda sarebbe più propensa ad adottare la sovralimentazione piuttosto che un’unità di maggiore cilindrata.

Mazda MX-5: tutte le foto ufficiali

Mazda sta valutando l’ipotesi di introdurre in gamma una versione “cattiva” della nuova MX-5: non sono ancora stati svelati i dettagli tecnici della versione 2.0 SKY-G ma Kudo Hidetoshi, a capo dell’ufficio stampa di Mazda, ha svelato che il costruttore nipponico sta prendendo in considerazione l’idea di realizzare una versione molto prestazionale della “ND”, con propulsore di maggiore cilindrata o dotato di turbocompressore.

Avremo in gamma la serie ND per circa 10 anni, il che ci da molto tempo per poterne sviluppare altre versioni - ha specificato Hidetoshi - e si, una variante turbo o una MPS è fra le opzioni che stiamo considerando concretamente”. Nell’eventualità che la casa giapponese decida di sviluppare la vettura, il target primario rimarrà quello di preservare la guidabilità del mezzo e la sua calibrata distribuzione dei pesi.

Proprio per quest'ultimo motivo Mazda sarebbe più propensa ad adottare la sovralimentazione piuttosto che un’unità motrice di maggiore cilindrata: “I motori turbo sono attualmente preferibili anche ai propulsori V6; col turbo - possiamo usare un motore più leggero ma con livelli di potenza uguali o superiore ad un 6 cilindri e raggiungere al contempo i target prefissati in termini di consumi ed emissioni inquinanti”.

Indubbiamente l’adozione della sovralimentazione comporterà un consistente lavoro di reingegnerizzazione del 4 cilindri SKY-G, visto l’elevatissimo rapporto di compressione (14:1) di questa unità atmosferica. Tuttavia, grazie alla compattezza dello SKY-G ed al fatto che sulla nuova MX-5 il propulsore è stato traslato più in basso di 13 mm e più indietro di 20, sembra che ci sia abbastanza spazio nel cofano per accogliere tutti gli upgrade del caso.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: