Android Auto: presentato il rivale di Apple CarPlay

Funzionerà tramite i comandi vocali Google Now ed avrà una completa integrazione con Google Maps

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:36:"Android Auto: le prime anticipazioni";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:3170:"

Dopo le anticipazioni della scorsa settimana, è arrivata la presentazione ufficiale: Google ha mostrato al pubblico Android Auto, l’interfaccia concorrente di Apple CarPlay. Come avviene per il prodotto del colosso di Cupertino, anche in questo caso questo dispositivo permetterà al conducente di utilizzare le funzioni del proprio smartphone Android sulla propria vettura. “E sarà basato sui comandi vocali, in modo da tenere sempre le mani sul volante e gli occhi sulla strada”, è stato sottolineato in conferenza stampa.

TUTTO SU GOOGLE I/O, LA CONFERENZA GOOGLE

Il funzionamento non è particolarmente diverso, rispetto al dispositivo Apple, ed è basato sui comandi vocali Google Now, così come avviene con Siri sul CarPlay. Ovviamente sarà completa l’integrazione con Google Maps, con la possibilità di accedere alle varie funzioni disponibili: dalle ricerche locali alle informazioni in tempo reale sul traffico. Sarà possibile comporre ed inviare SMS di testo, mentre la musica sarà affidata ad una varietà di partner come Spotify, iHeart Radio, Pandora ed altri ancora.

Come nelle previsioni, non è stata comunicata la prima vettura su cui verrà utilizzato Android Auto, ma secondo quanto annunciato da Google saranno molte le case automobilistiche su cui sarà disponibile: il gruppo Fiat/Chrysler, il gruppo Volkswagen, Opel, Chevrolet, Honda, Acura, Hyundai, Kia, il gruppo Renault, Ford, Mazda, Mitsubishi, Subaru, Suzuki e Volvo. Proprio per sviluppare questo prodotto, il Gruppo Fiat/Chrysler ha deciso di entrare nell'Open Automotive Alliance, assieme ad altre case automobilistiche.

"Essere membri dell'OAA, ci offre la possibilità di capire come integrare a livello globale le più diffuse funzionalità degli smartphone Android sui nostri sistemi Uconnect di Chrysler Group, Abarth, Alfa Romeo e Fiat - ha spiegato Alan Amici, direttore di Uconnect Systems and Services, Chrysler Group LLC - e supporta il nostro obiettivo di consentire ai conducenti di rimanere comodamente connessi senza togliere le mani dal volante, rimanendo così concentrati sulla guida". L’arrivo sul mercato dei primi esemplari di Android Auto è previsto per la fine del 2014, per poi aumentare la produzione nei mesi successivi.

";i:2;s:2329:"

Android Auto: le prime anticipazioni

Googlelogo

Apple chiama, Google risponde. Lo scorso mese di marzo, al Salone di Ginevra 2014, il colosso di Cupertino aveva lanciato Apple CarPlay, il sistema integrato per permettere l’utilizzo del proprio iPhone sulle vetture. Ora sarà il turno del grande rivale, per il sistema Android. Secondo quanto rivelato dall’autorevole Automotive News, infatti, l’azienda di Mountain View presenterà il suo nuovo prodotto nel corso dell’evento organizzato a San Francisco e previsto per la prossima settimana, precisamente il 25 e 26 giugno.

MOBILEBLOG, TUTTO SUL MONDO DI CELLULARI E SMARTPHONE

Internamente è stato nominato Google Auto Link e, secondo le prime informazioni, non sarà un sistema di infotainment integrato, ma permetterà al conducente di accedere alle funzioni del proprio smartphone, attraverso il display ed i comandi al volante dell’automobile. Questa interfaccia sarà il primo prodotto realizzato dalla Open Automotive Alliance: un consorzio guidato da Google, che comprende anche Audi, General Motors, Honda, Hyundai e l’avanzato produttore di hardware NVIDIA.

Google prevede di presentare e far testare il suo nuovo prodotto la prossima settimana, ma non dovrebbe annunciare quale sarà la prima vettura sulla quale sarà operativo, pur pianificando di renderlo disponibile entro la fine del 2014. Una differenza sostanziale con il rivale Apple che, nella kermesse automobilistica elvetica, aveva mostrato il suo sistema Car Play sulla Ferrari FF, annunciando un imminente arrivo anche su Mercedes e Volvo. La battaglia tra i due colossi dell’high tech, anche nel mondo dell’automotive, appare solo all’inizio. ";}}

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: