Aston Martin Atom: in vendita il prototipo del 1940

Era il 1940 quando Aston Martin ultimò una coupé leggera ed aerodinamica, che l’attuale proprietario avrebbe guidato per circa 160.000 chilometri. E’ l’Atom, vettura che andrà all’asta nel mese di giugno.


E’ la vettura forse più anticonvenzionale ed insolita che abbiano mai disegnato a Gaydon. Obiettivo dei tecnici era sviluppare un’Aston Martin che fosse leggera ed aerodinamica, tecnologica e raffinatissima, strumento con il quale anticipare modelli che lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale avrebbe poi ostacolato.

La coupé Atom risale infatti al 1940 e va di fatto considerata una fra le vetture laboratorio più anziane di cui si abbia documentazione, nonché l’Aston Martin più rara disponibile sul mercato. Finirà all’incanto sabato 27 giugno, durante il Goodwood Festival of Speed, e non fatichiamo a credere che raggiungerà una valutazione a sei cifre.

L’Aston Martin Atom venne ultimata sei settimane prima dell’Operazione Dynamo. L’allora proprietario dell’azienda inglese, Gordon Sutherland, rivelò che Aston Martin voleva realizzare la più compatta e leggera coupé fosse nelle loro facoltà. Sutherland la utilizzò come automobile di tutti i giorni e ci percorse oltre 160.000 chilometri. Il telaio ha struttura tubolare, la carrozzeria viene realizzata in alluminio ed il motore quattro cilindri 2.0 sviluppa una potenza di 98 CV. L’Atom servì quale fonte d’ispirazione per ricavare la DB1, che arrivò poi nel 1948.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Automobili Storiche

Tutto su Automobili Storiche →