Porsche: 100 milioni di liquidazione per l'amministratore delegato Wendelin Wiedeking?

wendelin wiedeking

Wendelin Wiedeking, attuale numero uno di Porsche, potrebbe ricevere una liquidazione di 100 milioni di euro per lasciare il timone dell'azienda e consentire la fusione con Volkswagen. A rivelarlo è la Süddeutsche Zeitung, che ha raccontato i dettagli di un incontro faccia a faccia tra Wiedeking e Wolfgang Porsche. Il presidente dell'azienda di famiglia ha rotto gli indugi recandosi di persona da Wiedeking e chiarendo che i suoi servizi non sono più desiderati.

A Wiedeking viene sostanzialmente addossata la responsabilità dell'opa ostile su VW e dell'enorme debito contratto di conseguenza da Porsche, una cifra che ammonta oggi a 9 miliardi. L'ad si è inoltre messo di traverso sul cammino di Ferdinand Piëch -presidente Volkswagen-, che vorrebbe portare il colosso di Wolfsburg ad acquisire il 49,9% della casa di Zuffenhausen.

Wiedeking comunque, fa orecchie da mercante e non mostra alcuna intenzione di abbandonare il comando, che è nelle sue mani dal 1993. Il manager, arrivato quando Porsche era sull'orlo della bancarotta, ha ottenuto eccellenti risultati negli anni scorsi e si sente pertanto a posto con la propria coscienza: "Sono un amministratore felice e qui mi trovo bene" ha dichiarato alle celebrazioni per i 100 anni di Audi.

Rimane da capire cosa succederà. Wiedeking e il suo staff non hanno alcuna intenzione di accettare l'offerta di Piëch, che vuole la metà dell'azienda per 4 miliardi di euro. Eppure secondo il manager le trattative potrebbero comunque concludersi a giorni, forse con un riposizionamento verso l'alto dell'offerta. Staremo a vedere: molto dipende dall'esito delle trattative con il Qatar.

Certo è che immaginare un raddoppio dei 4 miliardi (i sindacati Porsche ne vorrebbero 8) è quantomeno difficile in queto momento...

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina: