Lancia Ypsilon: indiscrezioni sul possibile futuro

Nel 2020, la Lancia Ypsilon potrebbe essere sottoposta al restyling di fine carriera, per adottare anche la tecnologia 'mild hybrid'.


La Lancia Ypsilon, nonostante sia commercializzata ormai solo sul mercato italiano, continua a riscuotere molto successo. Infatti, da gennaio a ottobre di quest'anno, le immatricolazioni per la vettura ammontano a 50.510 unità. Il risultato è ottimo per un modello in vendita dal 2011, soprattutto considerando che lo scorso anno è stata immatricolata in 48.555 esemplari.

L'anno prossimo, per far fronte alla media delle emissioni di CO2 pari a 95 g/km che sarà obbligatoria sul mercato europeo dal 2021, la Lancia Ypsilon potrebbe adottare la tecnologia MHEV a propulsione ibrida 'mild hybrid', in occasione dell'ulteriore restyling di fine carriera che, oltre alle novità a livello stilistico per la carrozzeria e l'abitacolo, dovrebbe introdurre il nuovo sistema multimediale UConnect con il display touch screen di maggiori dimensioni.

L'ipotetica Lancia Ypsilon restyling dovrebbe essere equipaggiata con il motore a benzina aspirato 1.0 Firefly a tre cilindri da 72 CV di potenza e 102 Nm di coppia massima, noto anche con le sigle N3 e GSE. Oltre alla versione MHEV a propulsione ibrida 'mild hybrid', la gamma dovrebbe continuare a prevedere anche le configurazioni Ecochic a GPL e metano. In sintesi, il suddetto propulsore dovrebbe sostituire le attuali motorizzazioni a benzina 1.2 Fire aspirato a quattro cilindri e 0.9 TwinAir sovralimentato a due cilindri.

Per quanto riguarda il futuro, sarebbe allo studio anche la nuova generazione della Lancia Ypsilon. Stando alle indiscrezioni, la vettura dovrebbe avere le seguenti caratteristiche: circa quattro metri di lunghezza, configurazione standard dell'abitacolo a cinque posti, bagagliaio da almeno 320 litri di volume e declinazione a propulsione elettrica. Non è esclusa la trasformazione in SUV di piccole dimensioni, per seguire la moda del momento, soprattutto se dovesse concretizzarsi la fusione tra FCA e PSA, dato che sarebbe a disposizione la piattaforma dei modelli Peugeot 2008 e DS 3 Crossback.

  • shares
  • Mail