La Ferrari F40 diventa LM. E circola anche su strada

Un appassionato d'oltreoceano trasforma la sua F40 nella più specialistica versione F40 LM, prodotta in soli 19 esemplari. La sua può anche circolare su strada.

La Ferrari F40 si trasforma in LM

E’ in vendita a Los Angeles una Ferrari F40 che nulla ha da spartire con gli altri 1.336 esemplari costruiti. In questo caso il prezzo rappresenta un indicatore non del tutto fedele, perché il milione e 250mila dollari (973.000 euro) non descrive l’eccezionalità di un esemplare che qualsiasi collezionista vorrebbe ospitare nel proprio garage. L’auto è un esemplare unico. È unico perché rispetta le specifiche della variante da corsa LM, ma allo stesso tempo è omologato per l’utilizzo su strada. Bringatrailer non rivela chi abbia effettuato la conversione, ma specifica quali sono le modifiche salienti.

La F40 si riconosce innanzitutto per i nuovi sfoghi dell’aria, per lo splitter anteriore e per il vistosissimo alettone in coda, regolabile a piacimento anche dall’abitacolo. I sedili a guscio nascono a partire da un’anima in kevlar e si abbinano a cinture di sicurezza a quattro punti, mentre i vetri laterali sono rimpiazzati da pannelli (fissi) in lexan e le maniglie apri-porta vengono sostituite da una fettuccina. A livello tecnico è previsto un sistema di scarico Tubi, freni Brembo potenziati ed una frizione più efficace. Restano purtroppo sconosciute le caratteristiche del V8, quindi non ci è possibile stabilire se metta a disposizione gli oltre 720 CV garantiti dall’elaborazione Michelotto.

La vera Ferrari F40 LM prevede turbocompressori ed intercooler maggiorati, una nuova centralina elettronica di gestione del motore, la modifica al rapporto di compressione (8,0:1) ed alla pressione di sovralimentazione (2.6 bar), interventi necessari per rinvigorire il 2.9 e portarlo da 478 CV ad oltre 720 CV (ma alcuni esemplari raggiunsero i 900 CV). La F40 LM venne costruita in 19 esemplari e partecipò al Campionato IMSA GTO. L’esemplare in vendita ha percorso 11.000 miglia e risale al 1992.


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 659 voti.  

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO