Mazda

Mazda viene fondata nel 1921 ed ha sempre legato la propria esistenza alla città di Hiroshima, tragicamente nota per la dolorosa esperienza della bomba nucleare Little Boy. In quegli anni Mazda genera il 32% del PIL della città. Ad Hiroshima nasce Juiro Matsuda, figlio di un pescatore, che inizia la propria attività professionale creando un nuovo tipo di pompa. Dopo qualche anno Matsuda cambia attività e si dedica prima alle armi e poi ai tappi. L’anno della svolta è però il 1931. L’imprenditore costruisce il Mazda-go, un veicolo tre ruote a motore, che dall’anno seguente verrà esportato anche in Cina. Toyo Kogyo – questo il nome dell’azienda. Mazda sarà usato solo dal 1984 – lavora a pieno regime e viene quindi travolta dall’esplosione nucleare, anche se ha la fortuna di mantenere in funzione alcuni impianti.

Al termine del conflitto riprende a costruire il Mazda-Go e dal 1958 produce anche un furgoncino leggero, prima quattro ruote del gruppo. Due anni dopo entra in produzione la coupè R-360, seguita nel 1961 dalla prima quattro porte: si chiama Carol ed è un’utilitaria lunga meno di 3 metri, equipaggiata con un motore raffreddato ad aria da 356 cc. La R-360 riscuote un buon successo e resta in produzione fino al 1967, quando viene introdotta la P360 Carol. Nel 1963 quest’ultima permette al marchio giapponese di conquistare il 62% del mercato nazionale nel segmento delle utilitarie. E’ inoltre una Carol la milionesima Mazda prodotta. La società dedica sigla poi un accordo con NSU e sviluppa il motore Wankel.

Nel 1963 debutta quindi il Mazda RE Research Department, in cui operano 47 persone. Le prime auto ad utilizzare un motore Wankel sono tuttavia le NSU – in particolare la 80 –, ma sarà Mazda l’unica a svilupparlo nel corso degli anni: emblematico l'esempio delle RX-7 ed RX-8. Nel 1989 viene poi introdotta una fra le automobili più conosciute ed apprezzata: la Miata/MX-5. Nel 1997 Ford consolida la sua partecipazione nel capitale azionario, di cui si priverà per larga parte nel 2008. La gamma è oggi composta dalle Mazda2, Mazda3, Mazda5, Mazda6, MX-5, CX-5 e CX-7. Tutti gli aggiornamenti sul marchio giapponese.

Mazda MX-5 Limited Edition: la versione speciale Pollini Heritage

L'ultima versione speciale della roadster nipponica sarà prodotta in soli tre esemplari, tutti di colore differente. Continua...

Design Mazda: il futuro sta nell’emozione delle forme

Mazda, in collaborazione con Vogue Italia, presenta a Milano Italia in una location suggestiva e storica, il futuro del... Continua...

Mazda MX-5: con il MY2019 arriva un motore più potente

Le indiscrezioni dei giorni passati, riguardanti una Mazda MX-5 più potente dell’attuale, sembrerebbero vere:... Continua...

Mazda 3: la quarta generazione al Salone di Los Angeles 2018

Tra le novità figura il motore SkyActiv-X, più la nuova piattaforma modulare. Continua...

Mazda MX-5: in arrivo i nuovi motori a benzina

Tra le nuove motorizzazioni Euro 6 D-Temp figura anche la rinnovata unità 2.0L SkyActiv-G, da 184 CV di potenza. Continua...

Mazda CX-3: nuova motorizzazione diesel col restyling

La gamma italiana comprenderà anche il nuovo motore 1.8 SkyActiv-D, da 116 CV di potenza. Continua...

Mazda MX-5 Top Limited Editions: la versione speciale Yamamoto Signature

Mazda MX-5 Yamamoto Signature, la seconda delle tre versioni speciali della specifica gamma Top Limited Editions. Continua...

Mazda CX-3 Limited Edition in Partnership with Pollini: prova su strada

Abbiamo provato la CX-3, auto che nasce dall'incontro di due realtà differenti che fanno dell'artigianalità il loro... Continua...

Mazda MX-5 Top Limited Edition: la versione speciale Grand Tour

Mazda MX-5 Grand Tour, la prima delle tre Top Limited Edition per il mercato italiano, prodotta in sei esemplari... Continua...

Mazda MX-5: in arrivo le tre versioni speciali Top Limited Editions

La Mazda MX-5 sarà disponibile nella gamma Top Limited Edition, composta da tre versioni speciali, ordinabile online... Continua...