Traffico autostrade 2021: quali sono i giorni bollino rosso e nero

Pubblicata nel portale online della Polizia di Stato la tabella con le indicazioni delle maggiori criticità di traffico a luglio e agosto: ci sono anche i suggerimenti sugli itinerari alternativi e l’ubicazione dei cantieri fissi.

Per chi abbia deciso di mettersi in viaggio per una mini-vacanza oppure per la partenza alla volta della località di villeggiatura, è indispensabile conoscere con attenzione le giornate e gli orari più “caldi”, non solamente dal punto di vista climatico quanto – soprattutto! – in relazione all’intensità del traffico.

Il consiglio è di pianificare minuziosamente i tragitti da compiere, scegliere con cura l’ora più adatta a mettersi in viaggio, prepararsi… psicologicamente (e anche materialmente: qualche bevanda non ghiacciata né gassata, un po’ di frutta, qualche spuntino leggero da tenere a portata di mano: non si sa mai) all’evenienza di una “coda”, e non farsi scrupoli, se le previsioni del traffico siano “drammatiche”, a partire in tarda serata, o prima dell’alba: del resto quelle sono le ore più fresche della giornata, e la salute ne trova beneficio. In ultimo ma non meno importante, è opportuno avere pronto un “piano B”, vale a dire almeno un percorso alternativo utile a raggiungere il luogo verso ci si sposta.

Il primo weekend “da bollino rosso” è alle porte

Tutte queste indicazioni servono – è chiaro! – ad evitare le situazioni di maggiore congestione veicolare, che si prevede si verificheranno già nel fine settimana compreso fra venerdì 30 luglio e domenica 1 agosto, e via via nei weekend successivi (tutto agosto, perciò), con una possibile “appendice” fino alla prima decade di settembre.

Ecco “dove”, “come” e “quando”

Le stime di criticità che è possibile incontrare sulle strade di maggiore scorrimento, preparate dall’Osservatorio Viabilità Italia, sono state pubblicate sul portale online della Polizia di Stato, attraverso una serie di schede liberamente consultabili e di immediata interpretazione. Nelle stesse pagine Web è presente una panoramica che informa tutti gli utenti sugli itinerari alternativi (suddivisi per macroaree geografiche: nord, centro e sud), e sulla presenza dei cantieri fissi nelle autostrade a pedaggio ed in quelle gratuite.

Le giornate più critiche

I documenti evidenziano, per il weekend 30 luglio-1 agosto, una prima notevole criticità “da bollino rosso”, in special modo a cominciare dal pomeriggio di venerdì 30, per proseguire lungo tutta la giortnata di sabato e di domenica. Nelle stesse due giornate, è stato disposto il divieto alla circolazione dei veicoli con peso superiore a 7,5 tonnellate dalle 16 alle 22 (sabato 31 luglio) e dalle 7 alle 22 (domenica 1 agosto).

Particolare attenzione sarà da porre nel fine settimana dell’8 agosto, interamente “da bollino rosso” con una mezza giornata “da bollino nero” (ovvero previsione di massima criticità di traffico) per sabato 7 agosto. In quelle giornate, i mezzi pesanti non potranno circolare dalle 16 alle 22 (venerdì 6), dalle 8 alle 22 (sabato 7) e dalle 7 alle 22 (domenica 8 agosto). Indicazioni analoghe per il weekend di Ferragosto (traffico intenso “da bollino giallo” nella mattinata di venerdì 13, e successivamente “da bollino rosso” a partire dal pomeriggio e per l’intera giornata di sabato 14, mentre per domenica 15 si stima un’intensità di traffico “da bollino giallo”: i mezzi pesanti dovranno fermarsi, venerdì 13, dalle 16 alle 22, dalle 8 alle 16 per sabato 14 e dalle 7 alle 22 per domenica 15 agosto), e per i due fine settimana successivi (22 e 29 agosto), nei quali Osservatorio Viabilità Italia prevede elevate criticità di traffico (“bollino rosso”) per l’intera durata dei due weekend ad esclusione delle mattinate dei due venerdì. Lo stop ai mezzi pesanti viene disposto, rispettivamente, dalle 8 alle 16 (sabato 21 e sabato 28 agosto) e dalle 7 alle 22 (domenica 22 e domenica 29 agosto).

Sempre informati

Per essere costantemente aggiornati sul traffico, informa la Polizia di Stato, le indicazioni vengono rese disponibili nei canali del CCISS (numero gratuito 1518, siti web www.cciss.it e mobile.cciss.it, applicazione iCCISS per iPhone, canale Twitter del CCISS), le trasmissioni di Isoradio, i notiziari di Onda Verde sulle tre reti Radio-Rai e sul Televideo Rai.

Per informarsi sullo stato del traffico sulla rete stradale di competenza Anas è possibile, inoltre, utilizzare l’applicazione “VAI” (Viabilità Anas Integrata) visitabile sul sito www.stradeanas.it e disponibile anche per smartphone. Gli utenti hanno a disposizione anche il numero unico 800.841.148. Altre informazioni sulla rete autostradale in concessione con numeri e contatti utili sono disponibili sui siti istituzionali delle Società Concessionarie autostradali (di seguito le maggiori: www.autostrade.it, www.autovie.it, www.autobrennero.it,  www.astm.it).

Occhio ai Tutor

È da tenere presente che gli ultimi aggiornamenti (giugno 2021) indicati dalla Polizia Stradale, i km delle tratte autostradali italiane in cui si provvede a tenere sotto controllo la velocità media dei veicoli in transito mediante i ben conosciuti dispositivi tutor SICVe, Vergilius e SICVe-PM sono circa 1.400, e relativi a 144 tratte.

La collocazione dei Tutor è stata per tempo pubblicata nel portale online della stessa Polstrada, in ordine di avvisare  tutti gli utenti (automobilisti, motociclisti, autotrasportatori, autisti) su quali siano di fatto le zone delle autostrade nazionali sottoposte al controllo della velocità media. Va da se che queste indicazioni sono da rispettare “alla lettera”: per questo, gli strumenti digitali (applicazioni, Google Maps, Waze per citare alcuni esempi) possono rivelarsi particolarmente utili.

Attenzione alle proprie condizioni e a quelle del veicolo

Non finiremo mai di raccomandare (come, in ogni caso, fa la Polizia di Stato) a chiunque si prepari a mettersi in viaggio, di essere ben certi del proprio stato fisico e di quello del mezzo.

  • Stato fisico ottimale;
  • Ben informati sulle condizioni delle strade;
  • Conoscere preventivamente le stime di traffico e le previsioni meteo;
  • Mantenersi concentrati alla guida;
  • Essere sempre prudenti;
  • Far indossare le cinture di sicurezza anche agli occupanti la fila posteriore dei sedili;
  • Badare che il carico a bordo (persone, bagagli) sia ben distribuito in modo da non sovraccaricare la vettura né alcun assale;
  • Effettuare un check-up al veicolo, prima di partire.

Se necessario, meglio anticipare o rinviare la partenza di qualche ora: la fretta non è mai buona consigliera. In fin dei conti, ci si reca in vacanza: è bene prendere questo periodo di pausa con la dovuta “filosofia” (in fin dei conti, si tratterà di uno “stacco”, peraltro meritatissimo considerato il drammatico periodo di emergenza sanitaria nel quale tutti ci troviamo ancora ad avere a che fare, che davvero “impone” calma e serenità, ora più che mai).

 

“Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”

La massima evangelica, che chiunque conosce, va seguita alla lettera sempre quando si è alla guida di un veicolo, e con ancora più attenzione durante le vacanze: ne va della sicurezza propria e, soprattutto, degli altri (per non parlare dei disagi alla circolazione che anche una disattenzione può provocare, fino ai casi più gravi in cui si necessiti l’intervento dei mezzi di soccorso, con ulteriore carico finanziario per la collettività e di lavoro per il personale sanitario che da oltre un anno e mezzo è duramente impegnato a fronteggiare l’emergenza da Covid). Per questo, è bene tenere a mente alcune “regole d’oro”, che peraltro in molti conoscono e applicano (e questo è un gran bene!), tuttavia si ritiene opportuno ricordare brevemente.

  • Tenere sempre le cinture di sicurezza allacciate (anche chi siede “dietro”);
  • Rispettare il Codice della Strada;
  • Non superare mai i limiti di velocità;
  • Guidare solamente se si è calmi e lucidi;
  • Non assumere alcolici (guai!) né bevande troppo fredde, non fumare mentre si guida, non concedersi pasti abbondanti nelle ore che precedono la partenza, durante il tragitto e anche un paio d’ore dopo l’arrivo;
  • Avere rispetto per chiunque: passeggeri (soprattutto se si tratta di bambini) e tutti gli altri utenti della strada;
  • Non distrarsi, quindi mani sul volante e cellulare “al suo posto”;
  • Effettuare di tanto in tanto (almeno ogni due ore) una breve sosta per riprendersi e mantenere la necessaria attenzione alla guida;
  • Badare che il veicolo sia nelle condizioni d’uso ottimali (pneumatici alla corretta pressione di gonfiaggio e con un adeguato – almeno 2-3 mm – spessore del battistrada; freni, impianto di illuminazione, tergicristallo, liquidi e lubrificanti);
  • In estrema sintesi: usare buon senso.

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →